Kursk, così Hitler venne sconfitto nella battaglia più sanguinosa della storia

Getty Images
Settantacinque anni fa i nazisti cercarono di prendere Mosca. Ma dovettero ritirarsi dopo la schiacciante vittoria dei sovietici

La battaglia di Kursk (5 luglio-23 agosto 1943) è stata una delle più grandi e sanguinose battaglie della storia dell’umanità. Lo scontro, avvenuto a sud di Mosca, ha coinvolto due milioni di persone, 6.000 carri armati, 4.000 aerei. Alla fine i sovietici hanno registrato 250.000 vittime, i nazisti 500.000

Dopo essere stato pesantemente sconfitto a Stalingrado, Hitler sperava di potersi prendere una rivincita. Il piano era quello di circondare l’Armata Rossa, colpendo simultaneamente da sud e da nord. L’operazione è stata nominata in codice Operazione Cittadella

In quel momento i leader militari sovietici stavano pianificando un’offensiva estiva per capitalizzare il successo di Stalingrado. Ma venendo a conoscenza dell’Operazione Cittadella, lo Stato maggiore sovietico cambiò tattica e posticipò l’offensiva per contrastare l’attacco tedesco

Anticipando l’attacco, le truppe sovietiche hanno rafforzato la propria difesa, rendendola impenetrabile. Sono state organizzate infatti otto linee difensive ben fortificate

Quando i tedeschi hanno dato il via all’offensiva, il 5 luglio, sono riusciti a ottenere qualche progresso nella parte meridionale, ma a nord dovettero scontrarsi con le linee di difesa sovietiche

La famosa battaglia di carri armati di Prokhorovka (12 luglio) ha visto schierarsi 1.000 carri armati su ogni fronte

A Prokhorovka i tedeschi hanno utilizzato soprattutto carri armati pesanti (Tigre e Pantera), sperando di riuscire a sconfiggere i carri armati sovietici T-34 e KV. Ma le loro speranze sono andate in frantumi

Subito dopo la battaglia di Prokhorovka, le truppe sovietiche hanno lanciato operazioni offensive strategiche a nord e a sud. Entrambe le operazioni sono terminate con successo. Alla fine dell’agosto del 1943 l’Armata Rossa aveva conquistato terreno. I tedeschi iniziarono così a ritirarsi

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie