La misteriosa morte di Dmitrij, l'ultimo figlio di Ivan il Terribile

Sergej Blinkov
Questo ragazzo visse solo 8 anni. E divenne più famoso da morto che da vivo. Il mistero del suo omicidio è ancora oggi irrisolto

Quando fu aperta la bara, una fragranza straordinariamente piacevole impregnò l’aria della chiesa. E la folla assiepata rimase con gli occhi sbarrati alla vista del corpo di quel ragazzo intatto dalla decomposizione, che stringeva nella mano destra una manciata di noci. 

La gente era sbigottita: altro segnale che induce a pensare che Dmitrij Uglich era effettivamente morto nel 1591, e che chi si era spacciato per lui, come il falso Dmitrij I, non era altro che un impostore. 

Il coperchio del feretro dello zarevich Dmitrij

Ma facciamo un passo indietro. Correva l’anno 1606, e la terra russa stava attraversando un periodo di interregno conosciuto come il Periodo dei Torbidi. Filarete, metropolita di Rostov (1553-1633), fu inviato dallo zar Vasilij Shuiskij nella città di Uglich: doveva portare a Mosca il corpo dell'ultimo figlio di Ivan il Terribile, Dmitrij Ivanovich (poi conosciuto come Dmitrij di Uglich). Le reliquie di Dmitrij furono trasportate a Mosca e sepolte nella Cattedrale dell’Arcangelo del Cremlino. Correva voce che le reliquie fossero miracolose, e così la gente e i malati iniziarono ad affollare la cattedrale nella speranza di ottenere il miracolo della guarigione. Ma quando una persona morì in circostanze misteriose proprio vicino alla tomba di Dmitrij, l'accesso alle reliquie fu interdetto.

Marija Nagaja (1553-1611), l'ultima moglie di Ivan il Terribile, rimase pietrificata per diverse ore davanti a quella salma inerte; e riuscì a confermare che si trattava del corpo di suo figlio solo quando la bara venne richiusa. 

Fjodor Romanov

Correva voce che al suo arrivo a Uglich, il metropolita Filarete avesse ucciso un bambino di 10 anni di nome Roman per infilare il suo corpo nella bara e far credere a tutti che i resti dello zarevich fossero intatti dalla decomposizione e per questo “benedetti”. Ma non dimentichiamo che il nome di battesimo di Filarete era Fjodor Romanov, e che egli era il padre di Mikhail Fjodorovich, l'uomo che nel 1613 sarebbe diventato il primo zar della dinastia Romanov. Con il corpo di Dmitrij a Mosca, tutti gli impostori che avrebbero cercato di spacciarsi per lui sarebbero stati smentiti e nulla avrebbe più impedito alla famiglia di Filarete di ottenere il potere.

Ma chi era Dmitrij e perché era così importante? E come è morto?

L'erede illegittimo

Dmitrij Ivanovich, l'ultimo figlio di Ivan il Terribile, era omonimo del primo figlio in assoluto di Ivan: Dmitrij Ivanovich (ottobre 1552 - 26 giugno 1553), anch’egli zarevich, erede quindi al trono. Ma nessun russo si sarebbe mai sognato di chiamare il proprio figlio con il nome del fratello morto: cosa spinse Ivan il Terribile a compiere una simile trasgressione?

La madre di Dmitrij, Maria Nagaja, era la sesta (o settima) moglie di Ivan il Terribile; si sposarono nel 1580, quando lui aveva 23 anni più di lei. Secondo la legge ortodossa russa, si trattava di un matrimonio illegittimo e per questo i figli nati da tale unione sarebbero stati altrettanto illegittimi.

Lo zarevich Dmitrij

Ma che fine avevano fatto le precedenti mogli di Ivan? Alcune di loro furono avvelenate; un’altra, Anna Koltovskaja, fu esiliata. Senza dimenticare la prole: nel 1580, Ivan aveva solo due figli vivi: Ivan (1554-1581) e Fjodor (1557-1598), entrambi nati da Anastasia Romanovna (1530-1560), la prima e più amata moglie di Ivan, che fu anche la madre del suo primo figlio Dmitrij.

Uglich. L'abitazione dello zarevich Dmitrij

Lo zarevich Ivan era morto nel 1581, e secondo una diffusa credenza il responsabile della sua morte sarebbe stato proprio suo padre, anche se non esistono abbastanza prove per confermarlo. Ad ogni modo, questo non era l’unico grattacapo per lo zar Ivan IV, detto il Terribile: Fjodor fu colpito da una misteriosa malattia, e senza un erede sano, la dinastia Ruriki avrebbe cessato di esistere. Nell'ottobre del 1581, Marija diede alla luce Dmitrij, proprio nello stesso mese in cui, nel 1552, era nato il vecchio Dmitrij. Ivan probabilmente riponeva tutte le sue speranze nel ragazzo: per quanto fosse illegittimo, era il suo ultimo erede.

La morte di un figlio crudele

Quando Ivan morì, nel 1584, Fjodor, che divenne il successivo zar, non riconobbe Dmitrij come erede, che fu trattato come un figlio dello zar nato fuori dal matrimonio. Dmitrij e sua madre furono mandati via da Mosca e spediti a Uglich. Il diplomatico inglese Jerome Horsey scrisse che “l'ex zarina era accompagnata dal suo seguito, e aveva portato con sé abiti, gioielli, cibo e cavalli. A Uglich, il piccolo Dmitrij visse come un principe locale. Fjodor inviò addirittura un d’yak (un funzionario di alto rango), Mikhail Bitjagovskij, per supervisionare le azioni di Dmitrij e di sua madre.

Gli elementi della svajka, il gioco tradizionale russo in cui si devono conficcare nel terreno delle punte affilate di metallo

I contemporanei notarono la personalità insolitamente crudele di Dmitrij. L'ambasciatore inglese in Russia, Giles Fletcher scrisse: “In giovane età, cominciano a rivelarsi in lui tutte le qualità di suo padre. Prova piacere nel vedere le pecore e le bestie al macello, nel vedere una gola tagliata e il sangue che sgorga (mentre i bambini di solito ne hanno paura), e nel colpire oche e polli con un bastone fino a farli morire”.

Dmitrij fu trovato morto il 15 maggio 1591, nel cortile del suo palazzo a Uglich, con una ferita alla gola. In quel momento non c’era nessuno in giro e non si trovarono testimoni di ciò che era successo.

La morte di Dmitrij

L'ultima volta Dmitrij era stato visto vivo mentre giocava alla svajka, un gioco tradizionale russo in cui si devono conficcare nel terreno delle punte affilate di metallo. A giocare con lui c'erano altri due ragazzi, i figli delle dame di corte di Marija. In quel momento le tate e la balia si trovavano non molto lontano da lì, ma dissero di non aver visto cosa fosse accaduto. A quanto pare, Dmitrij era stato pugnalato con qualcosa alla gola. Il suo corpo fu trovato pochi minuti dopo. La madre, Marija, arrivò di corsa dal palazzo e vedendo il corpo inerte del figlio si mise a colpire con un bastone di legno Vasilisa Volokhova, la tata di Dmitrij. Arina Tuchkova, la balia, sospettava che Dmitrij potesse essersi ferito durante un improvviso attacco epilettico.

Alla notizia della morte di Dmitrij, gli abitanti di Uglich suonarono le campane a martello, richiamando così la gente da ogni dove. Marija, ancora in preda alla disperazione, fece i nomi di diverse persone che credeva potessero aver ucciso lo zarevic: erano Osip Volokhov (il figlio della tata di Dmitrij), Danil Bitjagovskiij (figlio del d’yak Mikhail) e Nikita Kachalov, scagnozzo di Mikhail Bityagovskij, che era stato mandato a Uglich per sorvegliare Dmitrij. Ma apparentemente nessuna di queste persone era presente nel cortile quando Dmitrij fu ucciso. La folla si infervorò e si scagliò contro di loro, uccidendoli con l’accusa che erano stati inviati da Mosca da Boris Godunov, il quale, in realtà, governava il paese come cognato dello zar Fjodor.

Il corpo dello zarevich fu trasferito nella chiesa locale. Quattro giorni dopo, arrivò da Mosca una commissione investigativa riunita in fretta e furia, guidata da Vasilij Shuiskij.

Il caso Uglich

Ciò che seguì passò alla storia come “il caso Uglich”. La commissione interrogò più di 150 persone in città, compresi coloro che avevano partecipato all'uccisione dei militari di Mosca inviati a sorvegliare Dmitrij. L'obiettivo principale della commissione era quello di smentire l'affermazione di Marija, secondo la quale Kachalov e Bitjakovski erano stati mandati per uccidere Dmitrij.

La chiesa di Dmitrij sul Sangue

Subito dopo l'indagine, Shuiskij riferì a Mosca che Dmitrij era stato ferito a morte mentre giocava a svajka. Fece anche pressione su Marija affinché ammettesse che l'uccisione dei militari di Mosca era illegale e che era stata istigata dalle sue azioni. Fu quindi costretta a farsi monaca e spedita nel monastero di Beloozero. La sua famiglia, insieme a molti abitanti di Uglich, fu esiliata in Siberia. Altri abitanti di Uglich furono condannati a morte.

Ma nel 1606, quando il corpo dello zarevich fu portato a Mosca da Filarete, l’allora zar Vasilij Shuiskj giurò che, effettivamente, erano stati gli uomini di Boris Godunov ad aver ucciso Dmitrij, nel 1591. Nello stesso anno Marija Nagaja, ormai nota con il nome monastico Martha, fu costretta ad accettare questa versione e ad ammettere che nella bara c'era suo figlio.

Perché Dmitrij probabilmente non era stato ucciso

Questa fu la versione ufficiale, accettata anche dai Romanov, che presero il potere nel 1613. Ma gli storici russi del XIX e XX secolo, tra cui grandi nomi come Sergej Platonov e Ruslan Skrynnikov, erano pronti a scommettere che Dmitrij non era stato ucciso e che la prima indagine del 1591 era corretta.

La campana di Uglich

Argomentavano la loro tesi sostenendo che, se Boris Godunov avesse davvero voluto uccidere Dmitrij, lo avrebbe fatto in maniera più discreta, per esempio avvelenandolo. Ivan il Terribile e suo figlio Ivan avrebbero potuto essere avvelenati: un modo piuttosto comune per sbarazzarsi degli oppositori politici, anziché ucciderli in pieno giorno.

D'altra parte, non c'erano testimonianze che Dmitrij avesse sofferto di attacchi epilettici prima. Inoltre, una persona che ha un attacco epilettico è incapace di tenere qualcosa in mano, il che la rende incapace di auto-infliggersi delle ferite (si pensò anche a questa ipotesi). Ivan Krylov (1906-1996), specialista sovietico nel campo della criminologia e dell'esame forense, sosteneva che probabilmente Dmitrij era stato ferito accidentalmente da uno dei ragazzi con i quali stava giocando, e che se la sarebbe data poi a gambe filate in preda al terrore. Il caso Uglich è ancora oggi un argomento di dibattito.

LEGGI ANCHE: Come venivano sepolti gli zar? Storia di una cerimonia che cambiò con Pietro il Grande 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie