Com’era il food porn ai tempi dell’Unione Sovietica?

La presentazione glamour del cibo in fotografia non è mica nata con Instagram e i social network. Già in Urss c’era chi si dedicava al genere, con questi risultati

I fotografi sovietici erano maestri come reporter di guerra, nelle pubblicità di automobili e nel ritrarre la vita quotidiana nell’Urss. Ma con le foto dei cibi come se la cavavano? Giudicate voi stessi.

Uova, una buona scelta per la dieta, 1939

Il latte, uno degli alimenti base dell’Homo Sovieticus, 1926

Frutta… che piatto raffinato! 1949

“Prima di colazione”, 1957

È difficile identificare esattamente cosa ci sia sotto il coltello: burro, formaggio o forse lardo. Il mistero rende il tutto un po’ inquietante!

Se vuoi fare una foto sexy del pane, mettilo su un letto di fiori! E non togliere la plastica in cui è incartato il bouquet, ovviamente… 1970

Questo è degno di una mostra fotografica. “Pere in un cestino di plastica”, anni Cinquanta

Natura morta alla russa con verdure del tuo orto, anni Sessanta

“In cucina”

Verdure preparate per essere marinate e pesce da affumicare, 1967

“Colazione”, 1978

Latte da una brocca in ceramica e pane nero. Due cose che ai russi mancano da morire quando vivono all’estero.

“Verdure”, anni Ottanta

Sapete cosa sono questi fiori gialli a forma di ombrello? Sono teste di aneto e se vivete in Russia dovrete imparare ad amare quest’erba onnipresente in ogni piatto.

“Pollo al girarrosto”, 1986

Uno dei primi street food. (Beh, non potevi mangiarlo passeggiando, ma te lo incartavano ed era un’opzione particolarmente popolare sui treni a lunga percorrenza).

“Pesce temolo”, 1982

La pesca è sempre stata uno dei passatempi preferiti dai russi. Il pesce veniva spesso salato.

Quei famosi bicchieri sovietici a faccette… Anni Novanta. Molto probabilmente questo contiene del tè (ma non ne siamo del tutto sicuri!)

“Caviale nero”, 1965… beh, questo è davvero food porn!


Come lottavano contro l’obesità in Unione Sovietica 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie