Le tre più strampalate teorie del complotto sul raccapricciante incidente del Passo Djatlov

Fondo del Gruppo in memoria di Dyatlov
Nel 1958 un gruppo di escursionisti trovò la morte sugli Urali in un modo e con dei dettagli cruenti che non hanno mai avuto una spiegazione razionale, neanche alla conclusione delle indagini. Questo, ovviamente, ha fatto fiorire fantasiose ricostruzioni

La foto sotto raffigura il “gruppo Djatlov”, nove escursionisti esperti che partirono per una spedizione invernale sulle cime degli Urali. Questa sarebbe stata la loro ultima avventura, visto che tutti morirono in circostanze misteriose

Nonostante le fotografie regolarmente scattate dagli escursionisti e le pagine dei loro diari, il caso rimane irrisolto da oltre sessant’anni.

LEGGI ANCHE: La Russia riapre il caso dell’Incidente del Passo Djatlov, a 60 anni da quelle morti misteriose 

Sebbene l’indagine ufficiale abbia stabilito che “la causa della morte è stata una forza irresistibile sconosciuta che gli escursionisti non sono stati in grado di superare”, l’ambiguità di questa definizione, i molteplici errori commessi dagli investigatori e i numerosi fatti inspiegabili sulle circostanze della tragedia hanno dato la stura a decine di teorie del complotto. Ecco tre tra le più popolari.

LEGGI ANCHE: Il mistero del Passo Djatlov continua, ma ora un blogger propone una spiegazione alternativa 

1 / Un’operazione di spionaggio

Nel 1959, il mondo era nel mezzo della Guerra fredda tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Un segreto pervasivo circondava ogni aspetto della vita nell’Unione Sovietica, così come la paranoia di onnipresenti missioni di spionaggio. E se questa ansia non fosse stata così infondata come potrebbe sembrare oggi?

Alcuni pensano che non lo fosse. Un gruppo di autori, scrivendo sotto il nome di Aleksej Rakitin, crede che il Kgb, delle spie straniere (molto probabilmente la Cia) e il controspionaggio sovietico siano stati coinvolti nell’incidente fatale.

Secondo questa teoria, gli escursionisti erano ufficiali del Kgb sotto copertura la cui missione di controspionaggio era mascherata da missione escursionistica e progettata per far fallire un’operazione di spie straniere in Urss. In alternativa, gli autori ipotizzano che uno degli escursionisti avrebbe potuto essere un traditore che intendeva utilizzare una vera spedizione per svelare informazioni segrete all’intelligence straniera.

Per quanto inverosimile possa apparire questa teoria, non è del tutto priva di fondamento. Tre capi di abbigliamento scoperti sui corpi degli escursionisti deceduti sulla scena della tragedia sono stati trovati radioattivi.

“Gli abiti sono stati contaminati quando la polvere radioattiva è caduta dall’atmosfera o sono stati suscettibili alla contaminazione a contatto con sostanze radioattive”, afferma il rapporto ufficiale, lasciando spazio all’interpretazione.

I sostenitori della teoria dei “giochi di spionaggio” ritengono che la chiave del mistero mortale risieda nel fatto che due escursionisti, Georgij Krivonischenko e Rustem Slobodin, erano impiegati nella città chiusa segreta di Cheljabinsk-40 (oggi conosciuta come Ozersk), dove veniva preparato il plutonio per le armi nucleari.

Ciò spiegherebbe la contaminazione di alcuni dei vestiti trovati sulla scena della tragedia e, contemporaneamente, getterebbe le basi per una potenziale operazione legata al mondo dell’intelligence che ha provocato la morte di nove persone e un elaborato insabbiamento orchestrato dal Kgb.

2 / La magia nera degli indigeni

Un’altra teoria popolare afferma che gli escursionisti furono vittime degli indigeni, di cui avevano profanato, intenzionalmente o no, la “montagna sacra”.

Quando sono stati scoperti i corpi degli escursionisti, gli investigatori inizialmente sospettarono che potesse essersi trattato di un omicidio di massa perpetrato dal popolo Mansi, un gruppo etnico locale composto principalmente da cacciatori, il cui insediamento più vicino si trovava a circa 100 chilometri dalla scena del crimine. Tuttavia, durante le ultime fasi dell’indagine, le autorità lo esclusero.

“L’indagine non ha stabilito la presenza di altre persone ad eccezione dei membri del gruppo Djatlov nell’area della Cima 1.079” (come la zona era chiamata allora; oggi è ribattezzata “Passo Djatlov”) il 1º o 2 febbraio 1959. Si stabilì anche che il popolo Mansi, che viveva a 80-100 km da questo posto era amichevole con i russi, fornendo solitamente ai turisti alloggio, assistenza, ecc. E il luogo in cui il gruppo è morto è considerato inadatto per la caccia e l’allevamento di renne in inverno”, dice il documento di chiusura dell’indagine.

Sebbene gli investigatori abbiano escluso il popolo Mansi dall’elenco dei sospetti, alcune teorie del complotto li hanno messi al centro di questa misteriosa tragedia. Nel 2019, Anatolij Stepochkin, un residente della zona, ha affermato alla tv nazionale di avere una confessione di un membro della comunità Mansi, che ha affermato che era stato il suo popolo a uccidere gli escursionisti.

“I turisti hanno saccheggiato il nostro luogo sacro. Quando gli sciamani lo scoprirono, chiesero ai cacciatori di rintracciarli. Quando i membri del gruppo Djatlov andarono a dormire, gli sciamani andarono nella tenda e ipnotizzarono gli escursionisti. Dopo qualche tempo, erano tutti morti. Ci hanno fatto del male, e abbiamo risposto con il male”, si diceva che l’anonimo avesse confessato a Stepochkin.

Sebbene questa “confessione” televisiva non abbia riaperto le indagini, la teoria della “magia nera sciamanica” ha affascinato molti degli appassionati dell’incidente di Djatlov.

3 / Un contatto extraterrestre

Questa foto, spesso denominata “frame №34”, è stata scartata dal fascicolo del caso, a causa della sua scarsa qualità. I sostenitori della teoria degli Ufo insistono sul fatto che non avrebbe mai dovuto essere scartata, poiché era l’unico modo per scoprire la verità sull’incidente del Passo Djatlov.

Nel 2019, alcuni giornalisti hanno intervistato Boris Sychev, un membro del team di ricerca, il cui compito all’epoca era quello di individuare i corpi degli escursionisti deceduti. L’uomo dice che il team di ricerca ha assistito a un fenomeno insolito che hanno definito “una palla di fuoco”.

“Abbiamo visto una palla di fuoco fluttuare nel cielo. Era simile al disco lunare, ma non era la Luna. Questa palla di fuoco aveva un diametro maggiore. Si allontanò da noi. Non abbiamo visto alcun bagliore luminoso. E poi è semplicemente scomparso all’orizzonte. Rimanemmo tutti perplessi”, ha detto Sychev.

Molti teorici della cospirazione credono che il numero di racconti di avvistamento di tali “palle di fuoco” o “palle di luce” sia stato intenzionalmente sottostimato o a causa dell’incapacità degli investigatori di spiegarli o a causa di una cospirazione realmente legata agli Ufo.

I sostenitori della teoria ritengono che queste “palle di fuoco” avrebbero potuto causare la morte degli escursionisti emettendo un raggio di energia non specificato verso di loro. Curiosamente, uno dei principali sostenitori di questa teoria è l’ex procuratore sovietico Lev Ivanov.

Non tutte le teorie extraterrestri insistono sul fatto che un Ufo sia il responsabile delle morti sul Passo Djatlov. Alcune persone credono che dei meteoriti possano aver causato la tragedia (per un impatto mortale sugli umani) o, in alternativa, che si sia trattato del lancio di alcuni missili segreti da parte dell’esercito sovietico.


Altri due terribili incidenti sulle montagne russe che hanno lasciato una scia di mistero e terrore 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie