Quanto costa una vita umana in Russia? Ecco com’è cambiato il valore dal Medioevo a oggi

makyzz/Freepik; Russia Beyond
Per le fasi più antiche della storia possiamo orientarci con le sanzioni in caso di omicidio, poi con la tratta dei servi, e oggi con i rimborsi delle assicurazioni

Il diritto alla vita non è sempre stato un diritto umano fondamentale. Nel Medioevo, quando le persone erano divise in strati sociali rigidi che dipendevano dai loro antenati e dalla loro ricchezza, alcune vite umane erano indispensabili e di grande valore, mentre altre erano “più economiche” delle altre, e quindi sacrificabili. Questo era vero anche per la Russia. Ecco come la nozione del costo della vita umana si è trasformata nei secoli.

Antica Rus’ 

La Russkaja Pravda, il più vecchio codice legislativo della Rus’ di Kiev (la cui prima promulgazione risale al 1280) definì le multe per l’uccisione di diversi tipi di persone. Queste previsioni di legge rimasero applicate alla classe dirigente nobile, ai contadini e ai cittadini della Russia fino al XV secolo.

Le multe erano in grivne. Una grivna (che equivaleva a circa 150-200 grammi di argento) era l’unità di peso e di valuta utilizzata nella Rus’ di Kiev. Un grivna era una cifra considerevole. Ci si poteva comprare un intero villaggetto di 5-6 case o un cavallo da battaglia, completamente addestrato e sano. Mezza grivna era la paga di un anno per il lavoro di uno schiavo. 

La multa per aver ucciso un uomo libero era di 40 grivne, per una donna libera di 20 grivne. Se la persona era un servitore del knjaz, il principe (un ufficiale, un soldato o un membro del servizio di Corte), la multa veniva raddoppiata, a 80 o 40 grivne, rispettivamente. La somma doveva essere pagata all’amministrazione locale, cioè, al knyaz. E non era ovviamente possibile pagare la multa in anticipo, prima di aver commesso l’omicidio. 

Per l’uccisione delle persone non libere, i kholop (una sorta di servi della gleba), la multa era più bassa: “Per un supervisore di villaggio, o per il supervisore del lavoro sul campo: 12 grivne. Per un servo semplice: 5 grivne. Per una serva donna: 6 grivne… Per un insegnante: 12 grivne, e lo stesso per una bambinaia”, stabiliva la legge della Rus’. 

Inutile dire che la gente comune non poteva pagare l’enorme multa, quindi in tal caso la comunità del villaggio di solito se ne faceva carico per i suoi membri.

Zarato di Moscovia 

Nel 1497, Ivan III di Russia, detto il Grande, introdusse un nuovo Codice penale. Con la nuova legge, l’uccisione di un uomo doveva essere punita con la pena di morte, se l’assassino era un “criminale noto” (cioè se commetteva un omicidio per la seconda volta) o se era un servo che uccideva il suo padrone.

Secondo il Codice di Diritto del 1497, un omicidio “semplice” di un uomo libero costava 4 rubli. Anche questa era una somma enorme. Sappiamo che nell’anno 1534, con 0,03 rubli si poteva comprare una casa di tronchi; la tipica isba russa.

Nel 1550, Ivan IV, il Terribile, introdusse un nuovo Codice di Diritto. Da allora in poi, l’omicidio fu sottoposto a un processo formale e le ammende non furono più accettate per ripagare l’assassinio. Gli omicidi intenzionali erano puniti con la morte, quelli non intenzionali con le frustate in pubblico o con il carcere (venne allora introdotta anche la nozione di autodifesa). Una multa rimase solo nel caso alla base ci fosse un “disonore” recato con parole o azioni.

Il Sobornoe Ulozhenie, il nuovo codice legale del 1649, legalizzò del tutto la servitù della gleba in Russia: ora, i contadini erano un asset dei proprietari terrieri, che potevano comprarli e venderli. In base a questo, fu di nuovo posto un prezzo alla vita umana. 

Russia imperiale 

Nel XVIII secolo, il commercio di servi si sviluppò in Russia. Le compravendite di servi erano registrate in registri speciali, perché ogni affare doveva essere tassato. I prezzi per i servi variavano in base alla loro età, al genere, all’abilità, e potevano essere molto diversi.

Durante il regno di Caterina la Grande (sul trono dal 1762 al 1796), il prezzo per un servo adulto salì da 30 a 100 rubli (con un rublo si potevano allora pagare un secchio di vodka, 16 chili di pane o un viaggio da Mosca a San Pietroburgo). Nel 1782, un proprietario di solito vendeva i suoi servi per i seguenti prezzi: un uomo di 28 anni per 40 rubli, una donna di 25 anni per 10 rubli, un ragazzo di 11 anni per 11 rubli. I prezzi erano più bassi se i servi venivano venduti all’ingrosso; per esempio un intero villaggio.

Nel XIX secolo, i prezzi salirono alle stelle per i servi professionisti. Un servo calzolaio costava 500 rubli (pari al salario di un alto ufficiale), un cuoco esperto o un barbiere poteva costare fino a 1.000 rubli. I prezzi più alti erano per musicisti, attori e attrici, che potevano costare una fortuna: fino a 5.000 rubli o anche di più.

Russia contemporanea

Nell’Urss non esistevano né sanzioni pecuniarie per gli omicidi né tratta di schiavi, quindi è difficile trovare un prezzo della vita umana. Nella Russia contemporanea, possiamo valutare il “prezzo” della vita umana con i risarcimenti che lo Stato e le assicurazioni pagano alle famiglie dei cittadini che sono morti in catastrofi, disastri naturali e attacchi terroristici.

Al giorno d’oggi, la morte tragica o il ferimento di civili, in parte per colpa dello Stato, è solitamente compensato attingendo al bilancio della regione di residenza, e la quantità di denaro varia molto da regione a regione. In un incidente ferroviario nel 2013, cinque bambini sono rimasti feriti e l’operatore assicurativo delle ferrovie russe ha promesso di versare loro 300 mila rubli (4.800 $); nello stesso anno, a tre bambini rimasti feriti nello zoo di Mosca sono stati pagati 500 mila rubli (8.000 $). Le famiglie di coloro che sono morti nella catastrofe naturale di Krymsk (regione di Krasnodar) nel 2012 hanno ricevuto circa 2 milioni di rubli (32.000 $).

Dal 2013, 2,25 milioni di rubli (al tasso attuale: 31.605 euro) rappresentano l’importo fisso del pagamento dell’assicurazione per la morte in un incidente aereo, in autobus o in treno. Le catastrofi di massa, a loro volta, hanno un enorme impatto negativo sulla società, e di solito il governo federale integra i compensi regionali e assicurativi. Senza dimenticare che non tutte le compagnie assicurative operano onestamente. Sfortunatamente, ci sono molte persone che non hanno ricevuto i loro compensi dopo la morte prematura dei loro cari.

Nel 2018, un incendio nel centro commerciale “Zimnjaja Vishnya” a Kemerovo ha ucciso 60 persone, tra cui 37 bambini. 450 persone, tra cui 84 parenti dei defunti, sono state riconosciute come vittime e parti lese. Per ciascuno dei defunti, le loro famiglie hanno ricevuto oltre 5 milioni di rubli (80.000 $) di risarcimento. Le persone ferite e in difficoltà hanno ricevuto da 200 mila (3.200 $) a 400 mila rubli (6.400 $).

Dopo la catastrofe dell’aereo SSJ100 all’aeroporto di Sheremetevo il 5 maggio 2019, in cui 41 persone sono morte in un incendio dopo un atterraggio d’emergenza, ai parenti sono stati pagati 2 milioni (32.000 $) dalla regione di Mosca e varie somme da altre regioni, compagnie assicurative e altro ancora. È importante notare che, di recente, la crescita delle azioni di beneficenza, il crowdfunding e le donazioni pubbliche per le vittime di catastrofi hanno raccolto fondi considerevoli.

 

I cinque piùspaventosi serial killer russi 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie