Mosca, famiglia di falchi sulla guglia del Ministero: “Costruito per loro un nido”

Sergej Kovalev/Global Look Press
Da tempo i rapaci vivevano sulla punta del grattacielo sede degli Esteri, in pieno centro. Sono stati scoperti durante i lavori di restauro. Per loro è stato realizzato un nuovo nido

In cima al grattacielo del Ministero russo degli Esteri, vicino a Piazza Smolenslaya a Mosca, è stato costruito un nido per una famiglia di falchi pellegrini che aveva scelto questo palazzo come casa. La notizia è stata riferita dalla portavoce del Ministero, Maria Zakharova, al canale televisivo NTV.

La famiglia di rapaci era stata scoperta durante i lavori di sostituzione della guglia, avvenuti tra il 2016 e il 2017. 

“È stata una scoperta straordinaria per la nostra città – ha detto Zakharova -. Dopo la sostituzione della guglia è stato costruito per loro uno speciale nido, una residenza, direi, su consiglio degli studiosi di ornitologia”.

La sede del Ministero degli Esteri si trova in uno dei sette grattacieli costruiti in epoca staliniana e ribattezzati “Sette sorelle”. La storia della torretta risale al 1951, anno in cui Stalin ordinò la costruzione di una punta in cima al palazzo, che sembrava “troppo americano” per i suoi gusti. Seppur fragile, la punta frettolosamente eretta resistette fino al 2017, anno in cui venne finalmente sostituita da una nuova torre più moderna.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie