Cinque fatti poco conosciuti su come i sovietici resistettero alla conquista tedesca

Knorring/Sputnik
I nazisti erano convinti che quella nell’Urss sarebbe stata una blietzkrig; una guerra lampo. Andò molto diversamente

1. Le truppe sovietiche erano in inferiorità numerica

La dubbia idea secondo la quale i sovietici si assicurarono la vittoria nella Seconda guerra mondiale solo grazie al fatto che “usavano i loro soldati come carne da cannone contro i tedeschi” è lontana dalla verità e un numero straripante di uomini mandati al macello non fu certamente il caso della battaglia di Mosca.

Lì, 1,4 milioni di soldati dell’Armata Rossa dovettero vedersela con quasi 2 milioni di soldati della Wehrmacht. In tali circostanze, il comando sovietico non aveva null’altro da fare, se non resistere, manovrare, e scegliere il momento giusto per contrattaccare.

2. L’aviazione sovietica bombardò Berlino per vendicare Mosca

Quando le prime bombe caddero sulla capitale sovietica nel luglio del 1941, la leadership sovietica decise di non lasciare tale azione senza risposta. Per un mese, uno squadrone aereo speciale basato sull’arcipelago di Moonsund, nel Mar Baltico, fece incursioni regolari, bombardando la capitale tedesca.

Anche se non riuscì a infliggere gravi danni, tali incursioni dettero un enorme impulso psicologico. Mostrarono allo stesso tempo a nemici, alleati e popolo sovietico che il Paese non si era arreso e continuava a combattere. Per saperne di più, leggete qui

3. Il “Generale Inverno” fu anche traditore

Nonostante il significato convenzionale, il “Generale Inverno” (l’espressione si riferisce al rigidissimo inverno russo) non fu sempre dalla parte russa. Il freddo moderato di novembre, quando la Wehrmacht si stava avvicinando a Mosca, non creò problemi ai tedeschi. Anzi, il terreno congelato li aiutò nell’avanzata.

“Il freddo ha congelato le paludi e i carri armati tedeschi e le unità motorizzate, la principale forza d’attacco nemica, sono diventati più liberi di spostarsi. Ce ne siamo accorti immediatamente. Il comando nemico ha iniziato a usare carri armati fuori dalle strade”, ha ricordato il maresciallo Konstantin Rokossovskij nelle sue memorie.

Più tardi, quando i sovietici iniziarono la controffensiva, tra dicembre e gennaio, il clima iniziò a essere estremamente freddo. I soldati sovietici che dovevano contrattaccare si congelavano nei campi e sprofondavano nella neve alta, mentre i tedeschi se ne stavano asserragliati nelle posizioni conquistate fuori Mosca.

4. I soldati sovietici combatterono sui carri armati britannici

Poco prima che iniziasse la battaglia di Mosca, l’Unione Sovietica ricevette la prima fornitura di equipaggiamenti militari dalla Gran Bretagna, come parte del programma di assistenza “Lend-Lease” britannico all’Urss.

A novembre, i primi carri armati di fanteria Matilda e Valentine si unirono ai loro “colleghi” sovietici alla periferia della capitale. Spesso gli equipaggi sovietici dovevano imparare a guidare questi carri di fabbricazione straniera proprio lì, in prima linea.

Oltre ai carri armati, i caccia britannici Hawker Hurricane e Curtiss Tomahawk, pilotati da assi sovietici, presero il volo sopra Mosca.

5. Le divisioni siberiane salvarono Mosca

La controffensiva sovietica divenne possibile grazie alla comparsa di nuove divisioni dalla Siberia e dall’Estremo Oriente russo. Fino all’ultimo minuto, Stalin aveva tenuto una parte significativa delle truppe al confine con la Manciuria, aspettandosi un attacco giapponese.

Tuttavia, dopo che la spia sovietica Richard Sorge riferì che l’Impero giapponese non aveva in programma di iniziare una guerra contro l’Unione Sovietica nel 1941, diverse decine di divisioni furono ridistribuite a Mosca, dove cambiarono il corso della storia a favore dei sovietici. Eppure, Stalin non mosse un dito per salvare Sorge, quando questi fu scoperto dai nipponici. 

I cani kamikaze, le divisioni di gatti e gli altri animali della Seconda guerra mondiale 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie