Come la Russia è diventata uno dei più grandi esportatori di armi al mondo

Getty Images
Negli ultimi anni, Mosca ha mantenuto il secondo posto stabile nel commercio globale di armamenti, ed è in prima linea da quasi quattro secoli. Quali fattori chiave hanno fatto sì che giocasse sempre un ruolo da protagonista nel settore?

Oggi la Russia è al secondo posto al mondo nell’esportazione di armi, superata solo dagli Stati Uniti. Secondo il rapporto 2018 del Sipri, l’International Peace Research Institute di Stoccolma (qui la sintesi in italiano), i principali esportatori di armi sono gli Stati Uniti, con il 33% del mercato, la Russia con il 23%, seguiti da Cina (6,2%) Francia (6%) e Germania (5,6%). Tutti gli altri Paesi rappresentano il 26,2% (l’Italia supera il 2%).

Entro il 2020, gli esperti affermano che la domanda globale di armi raggiungerà i 120 miliardi di dollari. I principali importatori sono attualmente l’India (13%), l’Arabia Saudita (8,2%), gli Emirati Arabi Uniti (4,6%); la Cina (4,5%) e l’ Algeria (3,7%).

Quasi la metà delle esportazioni di armi dalla Russia sono MiG e Sukhoi: aerei caccia e bombardieri di quarta generazione. Circa il 25% comprende attrezzature antiaeree come il complesso missilistico S-400

Tuttavia, Stati Uniti, Israele e Francia sono concorrenti importanti. Alcuni dei mercati sovietici tradizionali, come l’India, sono testimoni di un’intensa concorrenza, e la Russia fa di tutto per aggiudicarsi contratti redditizi e non concedere troppo spazio ai rivali.

1. Tradizione di lunga data nel mercato delle armi

La prima menzione di una corporazione professionale di armaioli e artiglieri a Mosca risale al 1475 e da allora la produzione di armi è fiorita. Nel XVII secolo, circa 500 persone lavoravano nel settore solo a Mosca.

A partire da Andrej Chokhov, uno dei leggendari armaioli che crearono lo Zar Pushka, il più grande cannone del mondo, e molti altri famosi pezzi di artiglieria, la Russia ha avuto numerosi abili armaioli che hanno portato avanti la tradizione, trasmettendola alle generazioni successive.

Sergej Mosin ha progettato uno dei fucili più usati dall’esercito russo, mentre Fjodor Tokarev creò la pistola TT. Nikolaj Makarov è il padre della pistola che porta il suo nome, che ha generato dozzine di modifiche in Russia e all’estero. Infine, il più famoso è Mikhail Kalashnikov, il cui fucile mitragliatore AK-47 è la più diffusa arma da fuoco al mondo. 

2. Affidabilità prima di tutto

Poiché le armi da fuoco sono apparse in Russia tra il XIV e il XV secolo, l’affidabilità era una delle sue caratteristiche più importanti. Le armi potevano essere prodotte e riparate solo in pochi luoghi nella Russia europea, ma erano usate per fare la guerra con le tribù nomadi e le popolazioni indigene della Russia orientale e meridionale. Quindi, l’affidabilità era la qualità che gli armaioli russi dovevano maggiormente sviluppare.

Alcuni dei migliori cannoni russi del XVI secolo esistono ancora e sono la vera prova della longevità delle nostre armi. Le stesse abilità possono essere viste anche nelle armi leggere, e ci sono molti esempi.

Il fucile Mosin, che è stato utilizzato nell’esercito russo dal 1890 fino agli anni Cinquanta del Novecento, ha un otturatore che può essere montato e smontato senza attrezzi. Può funzionare in tutte le condizioni ed è molto affidabile. Anche il fucile mitragliatore Kalashnikov può essere assemblato e usato in quasi tutte le condizioni climatiche. In generale, le pistole, i fucili e le armi automatiche più famose della Russia sono molto semplici nell’assemblaggio e nella manutenzione.

3. Abbondanza di risorse naturali e know-how scientifico

La Russia è sempre stata una terra ricca di risorse, incluso il ferro. Nel XVII secolo, il commerciante olandese Andrew Vinius decise di abbandonare la sua attività agricola a favore della produzione di minerale di ferro dalle miniere situate a Tula, la città che in seguito sviluppò la più grande produzione di armi russa, proprio grazie alla disponibilità della materia prima.

Il minerale di ferro rinvenuto nella Russia centrale e in Siberia permetteva la produzione di un vasto numero di armi da fuoco. Nel XVIII secolo, la Russia divenne il principale esportatore mondiale di metalli ferrosi.

In seguito, molte altre industrie e scienze divennero essenziali per la produzione di armi: la chimica, la fisica, la sofisticata balistica, la ricerca nel campo degli esplosivi ecc. La Russia (e più tardi l’Unione Sovietica), che è sempre stata forte nelle scienze, sviluppò rilevanti complessi industriali per la produzione di armi. Nel XX secolo, le principali risorse scientifiche del Paese sono state dedicate allo sviluppo delle armi più potenti e letali del mondo, specialmente durante la Guerra Fredda.

4. Il commercio di armi come strumento politico

La Guerra Fredda ha avuto un impatto importante sul commercio mondiale di armi. A partire dagli anni Cinquanta, l’Urss vendette infatti armi a molti Paesi, in particolare alle nazioni del Patto di Varsavia. L’India e la Cina, che rimangono ancora oggi i principali importatori di armi russe, rappresentarono i principali mercati di vendita per l’Unione Sovietica. Il regime comunista sovietico era vicino ideologicamente alla Cina comunista, nonostante varie tensioni. E sia per l’India che per Pechino, le rotte commerciali via terra erano preferibili rispetto a negoziazioni con Paesi d’Oltreoceano.

Quando uno di questi Paesi acquista navi da guerra, sottomarini, caccia e sistemi antiaerei, ci sono anche contratti con fabbriche militari russe per riparazioni e pezzi di ricambio; così come contratti con le università militari russe per formare il personale addetto e altro ancora. Quindi, i legami con questi Paesi diventano sempre più stretti.

Ci sono stati casi in cui gli armamenti vennero forniti gratuitamente, come supporto diretto per i “costruttori del socialismo”. Solo dichiarare una svolta verso il socialismo era sufficiente per ottenere prestiti e armi dall’Urss, e molti regimi poveri e deboli usarono questa opportunità, e non hanno mai restituito il credito

Anche dopo la caduta dell’Urss, il commercio è continuato. Ciò che ha giocato un ruolo essenziale è il fatto che gli ingegneri e gli specialisti sovietici avevano addestrato e lavorato con ingegneri e militari dei Paesi acquirenti. Ciò ha creato una rete di persone che facevano affidamento sull’ingegneria sovietica, che hanno incoraggiato la continuazione degli scambi con la Russia.

Lo sapevate che la Russia esporta banane, sangue e corna in quantità? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie