Fu l’aiuto degli alleati cruciale per la Russia durante la Prima guerra mondiale?

Nikolaj Pashin/Sputnik
L’Impero russo era impreparato al conflitto e il suo apparato industriale arretrato non poteva fronteggiare le necessità belliche. Usa, Gran Bretagna e Francia fecero arrivare armi con il contagocce e le aziende americane fornirono circa il 10 per cento dei fucili pagati dai russi in oro sonante

“Non c’è abbastanza approvvigionamento di cibo. Le persone stanno morendo di fame. Molti soldati non hanno stivali. Si avvolgono i piedi con le bandiere… Grandi perdite tra fanteria e ufficiali. Ci sono reggimenti dove sono rimasti solo pochi ufficiali. Particolarmente preoccupante è lo stato delle forniture di artiglieria. Ho letto l’ordine di un comandante di non usare più di 3-5 proiettili di artiglieria per ogni cannone. La nostra artiglieria non aiuta la fanteria bersagliata dai proiettili del nemico. Sono stati inviati alcuni rinforzi per un totale di 14.000 soldati, ma erano senza fucili”, uno dei capi militari russi scriveva queste desolanti parole nel suo diario alla fine del 1914, cinque mesi dopo l’inizio della Grande Guerra.

La guerra andava terribilmente male per la Russia. Cosa che divenne ancora più evidente quando nella primavera del 1915 i tedeschi e gli austriaci lanciarono un’importante offensiva, mandando in rotta l’esercito russo. Le truppe russe si ritirarono e persero soldati e vasti territori nell’ovest. Il generale Alekseev, il futuro capo dello Stato maggiore russo, elencò le cinque principali ragioni di quel disastro. Il primo era il deficit di proiettili di artiglieria, “il più importante, il più preoccupante deficit, che ha conseguenze mortali”. Tra gli altri fattori, c’era la penuria di pezzi di artiglieria pesante, così come di fucili e munizioni

Carenza di cannoni

La Russia arrivò terribilmente impreparata alla Prima guerra mondiale. Nessuna delle maggiori potenze coinvolte in questo conflitto globale era preparata in modo soddisfacente, ma nel caso della Russia, la situazione fu aggravata dai problemi della sua economia. La sua relativa arretratezza non consentiva di aumentare rapidamente la produzione e di mettere in campo le forniture militari necessarie. Qui dovevano entrare a supporto gli alleati. La Russia ottenne da Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti cannoni, proiettili di artiglieria, fucili e molte altre armi e munizioni.

Riguardo ai cannoni, la situazione più penosa riguardava l’artiglieria pesante. La Russia iniziò a fabbricare alcuni di questi cannoni solo nel 1916, al terzo anno di guerra. Tuttavia, non era in grado di produrre obici da 8, 9, 10 e 11 pollici, mentre le autorità militari richiedevano centinaia di pezzi di questi armamenti. Quindi, era necessario importarli, ma non si riuscì mai a ottenere tutto quanto si voleva. Nel caso degli obici da 11 pollici, ad esempio, la Russia riuscì a ottenere solo il 3,8% di quello di cui aveva bisogno.

I risultati erano ovvi. All’inizio del 1917, la Russia, rispetto agli Alleati, aveva un’artiglieria da campo 5 volte inferiore e cannoni 9 volte meno pesanti. Per chilometro, c’erano 2 cannoni sul fronte russo e 12 su quello francese.

Nessun proiettile

C’era anche una terribile carenza di munizioni d’artiglieria. Durante tutta la guerra, la Russia non poté ottenere tanti proiettili di artiglieria quanti sarebbero stati necessari alle sue truppe.

“Ricordo la battaglia di Przemyśl, a metà maggio [1915]. Undici giorni di aspri combattimenti…undici giorni con il terribile ruggito dell’artiglieria pesante tedesca, che ha letteralmente cancellato dalla faccia delle terra tutte le nostre trincee insieme a chi le difendeva. Quasi non abbiamo risposto [al loro fuoco], non avevamo nulla. I reggimenti ormai allo stremo, lanciavano un attacco dopo l’altro con baionette e armi bianche. Il sangue scorreva… Il numero delle tombe è cresciuto mentre due reggimenti sono stati quasi completamente distrutti dal fuoco dell’artiglieria tedesca”, scrisse nelle sue memorie uno dei più importanti comandanti dell’esercito russo, il generale Anton Denikin.

La Russia aumentò grandemente la propria produzione di proiettili di artiglieria, ma non era ancora abbastanza. Gli Alleati dettero una mano, arrivando a fornire circa il 30 per cento del totale. Per quanto riguarda l’artiglieria pesante vennero importati fino al 75% dei proiettili. Eppure all’esercito russo ne servivano di più.

‘Che questi russi limitino gli appetiti’

L’assistenza straniera era spesso problematica. Quando una missione russa arrivò in Gran Bretagna nell’autunno del 1915 per informare Londra dei suoi bisogni, il primo ministro britannico Lloyd George disse che “i nostri bisogni [di armi] sono più importanti di quelli dei nostri alleati”, suggerendo che i russi avrebbero dovuto limitare i loro appetiti

Gli alleati iniziarono ad aiutare la Russia sostanzialmente solo alla fine del 1915. Tuttavia, gli affari non furono sempre onesti. La Russia fece ordini per quasi 4 milioni di fucili negli Stati Uniti e all’inizio del 1917 pagò in contanti in oro. Tra molte società, solo la “Winchester” rispettò le sue promesse e fornì 300 mila fucili alla Russia. Altre imprese consegnarono circa il 10 per cento di quanto era stato pagato.

L’ex ministro della Difesa Mikhail Beljaev rivelò che le imprese americane avevano preso quegli ordini con “facilità criminale” ma che non avevano le capacità produttive per fabbricare quelle armi. Ci furono lamentele anche per gli ordini effettuati in Gran Bretagna: i prodotti erano di scarsa qualità e costosi.

Nel febbraio del 1917, i russi presentarono le loro richieste in termini di fornitura di armi agli Alleati. Questi ultimi accettarono di consegnare un terzo di quanto chiesto. Quindi, si potrebbe dire che l’aiuto degli alleati fu vitale per la Russia, ma non fu sufficiente, e in parte determinò l’uscita della Russia dalla guerra nel marzo 1918, dopo la Rivoluzione d’Ottobre.

L’attacco dei morti viventi: la più spaventosa ed eroica battaglia della Prima guerra mondiale 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie