Gli eroi russi dimenticati della Prima guerra mondiale

TASS
Hanno compiuto atti di grande coraggio, ma, con la caduta dell’Impero e l’inizio dell’esperienza sovietica, le loro imprese sono cadute nel dimenticatoio

Il Cosacco Kozma Krjuchov

Di tutti gli eroici soldati e marinai russi della Prima guerra mondiale, il cosacco Kozma Krjuchov è il più leggendario.

Nell’agosto del 1914, un gruppo di quattro cavalieri cosacchi, tra cui Krjuchov, incappò in una unità di cavalleria tedesca composta da 27 uomini. Senza paura di uno scontro impari, i cosacchi riuscirono a sconfiggere il nemico, uccidendo 24 uomini e costringendo gli altri a ritirarsi.

Krjuchov ebbe abbastanza fegato per affrontare il gruppo di tedeschi da solo, uccidendo 11 uomini, ma lui stesso subì 16 ferite da arma da taglio. Tutti sentirono parlare del suo atto eroico, incluso il nemico. Da allora in poi, i soldati tedeschi e austriaci ricevettero l’ordine di sparare a tutti i cosacchi invece di prenderli prigionieri.

Il Cosacco Filip Pridannikov

Un altro cosacco, Filip Pridannikov, guadagnò l’immortalità all’inizio della guerra, quando l’esercito russo sconfisse con successo gli austriaci in Galizia. Nel pieno della battaglia, il cavallo del cosacco fu ucciso sotto di lui e il suo peso si schiantò sulla sua gamba.

Circondato dal nemico, Pridannikov combatté coraggiosamente con una lancia riuscendo a uccidere tre austriaci. Tirando ancora una volta la sua arma, ne uccise altri tre. Successivamente, cadde in stato di incoscienza, ma fu salvato dai suoi uomini e portato all’ospedale dove lo aspettava la sua ricompensa.

Il Marinaio Peter Semenischev

Mentre la flotta russa rimuoveva le mine austriache dal fiume Vistola nell’inverno del 1915, una si staccò e fluttuò a valle, minacciando di distruggere altre navi e persino un ponte sul suo cammino.

Senza esitazione, il marinaio Peter Semenischev si tuffò nell’acqua gelida e trascinò la mina a riva, nonostante il rischio di essere dilaniato dall’esplosione in qualsiasi momento. I suoi compagni a terra afferrarono l’ordigno e poi lo fecero brillare.
Il coraggio del marinaio, tuttavia, non si fermò qui. Più tardi, combatté contro otto ufficiali austriaci e ne uccise due, costringendo gli altri a ritirarsi. Ricevette sette colpi di baionetta e due colpi alla testa, ma sopravvisse.

Il Pilota Petr Nesterov

Si dice che il Capitano Peter Nesterov sia il primo pilota russo, nonché la prima persona al mondo, ad aver eseguito la complicata manovra acrobatica nota come “giro della morte”.

Nesterov fu anche il primo pilota abbastanza coraggioso da effettuare un attacco aereo di speronamento in combattimento. Il 26 agosto 1914 un aereo austriaco sorvolò un aeroporto russo in Galizia con l’intenzione di bombardarlo.

Nesterov reagì immediatamente, e con il suo monoplano leggero e si diresse verso l’aereo austriaco. Il pilota russo non era impegnato in una missione suicida, ma stava progettando di sorvolare l’aereo nemico e distruggerlo con il carrello del suo aereo. Tuttavia, urtò contro il centro dell’aereo austriaco, uccidendo sia Nesterov che il nemico.

Il Pilota Aleksandr Kazakov

Mentre Peter Nesterov morì durante il suo attacco aereo, Aleksandr Kazakov divenne il primo pilota a sopravvivere a una manovra altrettanto rischiosa. Nel 1915, attaccò un aereo tedesco chiamato “l’Albatros” e riportò con successo il suo aereo a terra.

Kazakov divenne anche il pilota da combattimento russo di maggior successo nella prima guerra mondiale. Le sue vittorie includono 19 abbattimenti di aerei nemici.

Durante la Guerra civile russa, Kazakov combatté appassionatamente contro l’Armata Rossa. Nell’agosto 1919, non potendo accettare il ritiro delle truppe britanniche da Murmansk, si suicidò schiantando il suo aereo a terra.

Il Cosacco Lavin

Mentre pattugliava la zona di Lublino da solo, il cosacco Lavin incappò in un gruppo di austriaci. Invece di sparare, si avvicinò di soppiatto al nemico, urlò ad alta voce e indicò il bosco. Gli austriaci, che credettero di essere circondati da un’imboscata, lasciarono cadere le armi e si arresero. Lavin scortò il nemico nel campo russo da solo. Un cosacco catturò da solo 19 austriaci, tre dei quali erano ufficiali.

L’Infermiera Rimma Ivanova

Non furono solo gli uomini a essere eroici sul campo di battaglia durante la Grande Guerra. Un’infermiera riuscì a salvare 600 soldati feriti e ad agire anche come un vero comandante.

Nel 1915, durante una battaglia vicino al villaggio di Dobroslavka in Bielorussia, l’infermiera Rimma Ivanova notò che i due ufficiali del suo squadrone erano stati uccisi e che i soldati stavano iniziando a ritirarsi.

Ivanova raccolse le truppe rimanenti intorno a lei e guidò l’attacco. Anche se i soldati riuscirono a conquistare il terreno nemico, Rimma rimase uccisa.

Come vivevano i soldati russi al fronte nella Prima guerra mondiale? Le foto

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie