Otto fatti poco conosciuti sul fondatore di Telegram Pavel Durov

AOP.Press/Corbis via Getty Images; Rodion Chepel / Kion Originals, 2021
È uscito un documentario che racconta la storia del “Mark Zuckerberg russo” e ci permette di sapere alcuni aspetti inediti di questo geniale programmatore e businessman, che da anni vive all’estero

Il film “Durov” (“Дуров”) è stato proiettato al Festival Internazionale di Mosca. Si tratta di un documentario del regista Rodion Chepel (1984-) sui momenti chiave della vita del miliardario russo dell’IT Pavel Durov (1984-), che vive all’estero ormai da anni.

Molto di quanto mostrato nel film biografico è stato precedentemente descritto in altre biografie di Durov: stiamo parlando dei suoi studi alla Facoltà di Filologia (dopo il ritorno dall’Italia, dove aveva vissuto fin da bambino, a Torino, d dove ha frequentato anche diversi anni delle scuole dell’obbligo), dei rapporti con i compagni di classe, della creazione di un social network chiuso per gli studenti, che diventerà poi il social più popolare del Paese, Vkontakte (Vk), della perdita del controllo sulla sua società, dei litigi con i partner, dei conflitti con le autorità russe, dell’emigrazione e del fallito lancio della piattaforma di blockchain TON.

Tuttavia, nel film ci sono anche rivelazioni inedite, divenute note grazie ai racconti di colleghi, conoscenti, compagni di classe e insegnanti del riservato imprenditore: lo stesso Durov non rilascia interviste da molti anni e si rifiuta di comunicare con i giornalisti.

Il documentario di Chepel non ha fatto eccezione: nel film, Durov è presente solo nei filmati d’archivio: “Pavel non vuole così tanto essere associato alla Russia che non ha accettato di partecipare a questo film per il pubblico di lingua russa”, ha detto il regista, che è volato da Durov a metà aprile a Dubai per mostrargli il film e “non danneggiarlo” con l’uscita. “Pavel ha accettato completamente ciò che ha visto, anche se c’erano cose che non aveva precedentemente rivelato su se stesso”, ha aggiunto Chepel.

“Durov” può già essere visto sul nuovo cinema online Kion, ma solo in russo. Abbiamo raccolto i fatti più interessanti su Pavel Durov per voi.

1 / Già a scuola si definì un “totem di Internet”

Secondo una tradizione consolidata, dopo i festeggiamenti per l’ultimo giorno di scuola, tutti i diplomandi vanno dall’insegnante coordinatore della classe per prendere un tè  e per i saluti. In quel caso hanno anche registrato un filmino, e nel video ognuno diceva come si vedeva tra dieci anni.

“Pavel ha cercato a lungo si schivare la camera, ma poi l’hanno fatto sedere e gli hanno detto ‘parla anche tu’ e lui ha mormorato qualcosa di non molto comprensibile. Ha detto ‘sarò un totem di Internet’. Assolutamente un’incredibile combinazione di parole; nessuno ci ha prestato attenzione, me ne sono appena ricordato ed è incredibile che l’abbia fatto”, ha raccontato l’insegnante del liceo di Durov, Georgij Mednikov.

2 / Durov è stato sposato e ha due figli

Durov ha conosciuto sua moglie, Darija Bondarenko, quando erano studenti. Frequentavano la stessa università e lei era impegnata nel lavoro di informazione nel consiglio studentesco. “Il giornale studentesco si chiamava ‘Studen’, e Dasha era la caporedattrice. Durov era così calvo all’età di 19 anni…”, racconta il compagno di corso di Durov Maksim Petrenchuk.

Darija “era la classica ragazza russa, con una faccia russa, e un bel seno grande e russo”. Secondo lui, una volta Dasha (diminutivo-vezzeggiativo di Darija) “ha indossato un vestito con una vistosa scollatura, è andata da Durov e gli ha detto: ‘Pavel Valerievich, sei una persona così brillante, talentuosa e meravigliosa, ti degneresti di concedermi un’intervista?’”. Inoltre, gli avrebbe chiesto di rimuovere Petrenchuk dalla posizione di moderatore del forum studentesco, perché “solleva argomenti controversi” e “parla degli insegnanti”.

“Pavel non ci ha pensato a lungo e mi ha semplicemente scritto: ‘Maxim, in riferimento alla situazione contingente, abbiamo preso la decisione di rimuoverti da questo ruolo’”, ha ricordato Petrenchuk. Ha aggiunto che Durov si faceva vedere in pubblico con Darija, “come se volesse farsi notare e dire ‘ehi guardate come sono figo, che ragazza ho’: era molto preoccupato di quello che pensavano di lui le persone che lo circondavano”.

Il film dice che Durov e la Bondarenko sono stati sposati e hanno due figli, ma che ora la coppia è divorziata.

3 / Aveva rapporti difficili con i compagni di classe

Secondo l’insegnante di scuola Mednikov, Pavel si distingueva rispetto agli altri studenti. “Aveva una serie di aspetti particolari che non piacevano a tutti i compagni di classe. Aveva un rapporto difficile con una parte di loro. Era preoccupato per come veniva giudicato, aveva un’ambizione molto sviluppata”. Al ginnasio, dove c’era una competizione di 7-8 persone per un posto, voleva con tutte le forze una medaglia, ma era impossibile studiare perfettamente in tutte le materie, a causa del livello proibitivo di carico di lavoro, quindi, secondo l’autore del film, in quel caso Durov copiava per fare bella figura, ove possibile. E non è rimasta nemmeno una fotografia di Durov nell’album della scuola. “A quanto pare, aveva un rapporto non facile con il tema della privacy”, suggerisce il compagno di classe Dmitrij Mironov.

4 / Si è finto macho per lo sviluppo del progetto

Nei primi anni dopo la creazione di VKontakte, i conoscenti iniziarono a notare “aspetti buffi” di Durov. “Aggiungeva costantemente spogliarelliste come amiche, e alcune escort. Durov cercò di crearsi l’immagine del macho. Scommetteva evidentemente sul mondo dei programmatori. E a quel tempo i programmatori erano solo dei nerd un po’ impacciati con le donne. Di punto in bianco, questo nerd vedeva una bellissima immagine di Durov circondato da donne fantastiche e subito correva a mettere in mostra i suoi talenti e le sue idee su VKontakte”, dice Petrenchuk.

5 / Ha deciso di emigrare dopo che la polizia è arrivata a casa sua

All’inizio di dicembre 2011, dopo le elezioni alla Duma di Stato, ci furono proteste di piazza in Russia: l’organizzazione e la gestione delle manifestazioni passarono principalmente attraverso gruppi chiusi di opposizione su VKontakte. Gli ufficiali dell’Fsb chiesero all’amministrazione del social network di bloccare questi gruppi, Durov si rifiutò.

L’11 dicembre, gli agenti della polizia bussarono alla porta dell’appartamento di Durov a San Pietroburgo. Il film non descrive in dettaglio la visita delle forze di sicurezza, ma si sostiene che fu in quel momento che Durov si rese conto che non avrebbe più lavorato a VKontakte né vissuto in Russia. Lo stesso giorno, iniziò a pensare alla necessità di avere un canale di comunicazione sicuro  e ne parlò con il fratello maggiore Nikolaj, uno dei principali sviluppatori di VKontakte, che ha creato l’intero “motore” del social network. Tre anni dopo, Durov lasciò l’azienda, e poi se ne andò dalla Russia e lanciò Telegram.

6 / Il progetto della blockchain TON era del fratello

Nikolaj Durov è ancora più riservato del suo celebre fratello. Non ha mai parlato con la stampa. “Nikolaj ha avuto uno dei ruoli più importanti, forse il più importante. È l’ideologo di questa blockchain, e ha contagiato Pavel con questa idea”, ha detto Ilja Perekopskij, vice presidente di Telegram.

“Tutti gli investitori del mondo volevano investire in TON”, dice. “Il compito non era nemmeno quello di raccogliere denaro, ma di scegliere da chi prendere i soldi”. Ma ad ottobre 2019, la Securities and Exchange Commission (SEC) americana ha intentato una causa contro Telegram, che ha posto fine al progetto, sebbene TON fosse ormai pronto per il lancio. Nel film, l’investitore di venture capital Pavel Cherkashin, che ha investito nel lancio di TON, lo definisce una truffa. “Presumibilmente i soldi sono andati al marchio personale di Durov”, dice. E definisce il team di Telegram “truffatori di alta classe”. Perekopskij invece sostiene che le autorità di regolamentazione semplicemente non erano d’accordo con la loro visione del mondo.

LEGGI ANCHE: Cinque modi in cui Telegram vuole cambiare il mondo delle criptovalute 

7 / Il blocco di Telegram in Russia costava a Durov 75.000 $ l’ora

Nel 2018, il regolatore russo Roskomnadzor ha iniziato a bloccare Telegram in Russia. Il motivo: il rifiuto da parte del servizio di fornire ai servizi di sicurezza, come richiesto dalla legge russa, le chiavi per decriptare la corrispondenza degli utenti. Per aggirare le restrizioni, il servizio di messaggistica ha aumentato esponenzialmente il numero di indirizzi IP (che le autorità cercavano di far bloccare ai provider): da 8000 a 15,5 milioni! Affittare un indirizzo IP costa circa 0,05 $ l’ora. Si scopre così che la società spendeva 75.000 $ l’ora per questo, ha calcolato Vladimir Ampelonskij, ex addetto stampa del Roskomnadzor.

8 / Voleva fondare la prima scuola privata in Russia

Georgij Mednikov

Nel 2011, a un incontro con i diplomandi, Durov suggerì a Georgij Mednikov di aprire “la prima scuola veramente privata” in Russia. “I miei figli sono ancora piccoli, dovranno studiare da qualche parte, voglio creare una scuola molto buona, simile a quella dove ho studiato. Voglio che questa scuola non prenda un centesimo dallo Stato e dai genitori. Voglio che questa sia la prima e forse l’unica scuola veramente privata in questo Paese. Con un consiglio di amministrazione, e un fondo, grazie ai cui proventi l’istituto avrà di che mantenersi”, ha riferito l’insegnante di Durov. Poi, però, per il fondatore di Vkontakte “iniziarono i problemi molto seri”, e il progetto dovette essere rinviato.


LEGGI ANCHE: Telegram: cos’è, come funziona, e chi possiede questo servizio di messaggistica istantanea 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie