Tassisti addio: le auto pubbliche senza pilota sono ormai realtà in Russia

Yandex
Il gigante dell’IT russo continua a testarle con sempre maggiore successo per le strade di Mosca e di altre città. Sanno già fare tutto, tranne il pieno di benzina e violare le regole della strada (anche quando servirebbe). E dopo il traffico passeggeri sarà l’ora delle merci, con i tir a guida robotizzata

Le auto senza conducente, che sono costruite dalla più grande azienda IT russa, Yandex, hanno già percorso un milione di chilometri sulle strade russe. Il futuro immediato dei veicoli senza pilota è quello dei taxi. Abbiamo cercato di capire quando le persone potranno dimenticarsi di guidare e semplicemente godersi il viaggio.

Come sono i veicoli senza conducente di Yandex?

La stragrande maggioranza della flotta senza pilota di Yandex si basa sulla berlina Toyota Prius. Sulla strada, è facile notarle per la brillante carrozzeria bianco-rossa. Yandex acquista auto usate con cambio automatico prodotte nel 2014-2017: finora la società ha acquisito circa 90 di queste auto e 50 di loro sono già state convertite in vetture senza conducente.

“La trasformazione richiede appena un paio di giorni”, ha detto Julija Shveiko, portavoce di Yandex per il business dei veicoli senza pilota, “entro la fine del 2021, ce ne saranno un migliaio in giro”. Per il raggiungimento degli obiettivi è necessario collaborare con i produttori, quindi in primavera Yandex ha firmato un contratto con Hyundai Mobis, una sussidiaria di Hyundai Motors, responsabile dei pezzi di ricambio e della manutenzione, per lo sviluppo di veicoli senza guidatore. È già pronta una una berlina senza pilota Hyundai Sonata (sul mercato italiano si chiama Sonica), ma Yandex vuole produrre diversi tipi di veicoli senza pilota, ad esempio Suv e minibus.

Ogni macchina ha un nome. Fino a poco tempo fa, davano loro il nome dei personaggi della serie sui robot androidi “Westworld - Dove tutto è concesso”: Wyatt, Bryan, Christopher, Dolores… “Ma recentemente i personaggi sono finiti e gli ingegneri hanno creato una speciale rete neurale che ha imparato a generare nuovi nomi, partendo da quelli esistenti. Insomma ora è un robot a scegliere nomi da robot per i robot”, dice Julija.

Quali strade percorrono?

Yandex sta testando le sue auto in Tatarstan, a Mosca e a Tel Aviv. In primo luogo, le auto vengono testate in un luogo chiuso nella Regione di Mosca, che simula una città, con tunnel, semafori e varie situazioni di traffico. Lì vanno in giro tutto il giorno da sole, tornando da un umano solo quando stanno per esaurire il carburante. Finora non sanno farsi il pieno da sole, ma è una questione di tempo. In realtà, si tratta di automobili con 4 livelli di autonomia su 5, in cui una persona è necessaria solo in caso di emergenza (secondo la classificazione generalmente accettata dell’Associazione degli ingegneri automobilistici, SAE International).

Qui si può vedere un video dallo speciale poligono dove si svolgono i test

Le autorità russe hanno permesso alle auto senza pilota di viaggiare in una vera città nell’autunno del 2018. Per ottenere questo permesso, l’auto deve passare attraverso un lungo processo di certificazione statale: su 50 macchine Yandex, solo 35 sono finora riuscite a ottenerlo. Secondo le regole, un ingegnere (un “quality assurance engineer”) deve sedersi al posto di guida durante il viaggio ed essere pronto a prendere il controllo in caso di necessità.

Per la prima volta, le auto senza pilota hanno iniziato a girare in due poli di eccellenza della ricerca; due Silicon Valley russe: Skolkovo (nella regione di Mosca) e Innopolis (in Tatarstan), dove c’è poco traffico. È stato a Innopolis che Yandex ha lanciato un taxi senza pilota già nell’agosto 2018, il primo in Europa. Chiunque può chiamarlo, assolutamente gratis, tramite l’applicazione Yandex.Taxi, che è  familiare a tutti i russi. L’area di copertura è ancora piccola, ma il servizio si sta attivamente sviluppando: all’inizio dell’estate 2019 c’era solo una macchina, ma entro la fine dell’autunno il numero aumenterà a sette unità. A proposito, a differenza di altre città di prova, a Innopolis il sedile del conducente è vuoto e l’ingegnere siede accanto, come passeggero.

A Mosca, le auto senza pilota vengono testate dall’estate del 2019 nell’area della stazione della metro Kuntsevskaja, nella periferia occidentale della capitale,  in diverse strade del centro e nei quartieri dormitorio di Butovo, Jasenevo e Kommunarka. La società prevede di portare la sua auto in altre città, ad esempio a San Pietroburgo e Nizhnij Novgorod.

Mosca

Nel gennaio 2019, Yandex ha mostrato il suo veicolo senza pilota a Las Vegas al Consumer Electronics Show, realizzandolo sul posto a partire da una Prius acquistata in America. Ci sono volute due settimane per addestrare un’auto alla guida in Nevada, afferma Artjom Fokin, direttore dello sviluppo del business delle automobili senza pilota di Yandex: “Quando abbiamo stabilito il percorso, ci siamo resi conto che potevamo trasferire in sicurezza l’ingegnere dal sedile del conducente a quello del passeggero. E c’erano molte persone che volevano provare la macchina, che è andata in giro per 10 ore ogni giorno.”

Las Vegas

Nel giugno 2019, un taxi senza pilota è arrivato in Israele e ha girato a Tel Aviv in modalità test. Come a Mosca, c’è un ingegnere al volante, che prende il comando se necessario. E non si tratta per niente di evitare ostacoli: l’auto evita facilmente una buca sulla strada, un pedone o le altre macchine. Il fatto è che il principio base che guida il conducente robotico è la stretta osservanza delle regole del traffico. E se non è possibile continuare a muoversi senza violarle, la macchina semplicemente si ferma.

Tel Aviv

“Ad esempio, se un’auto si è guastata nella tua corsia e per superarla devi allargarti nella corsia opposta, il robot non lo farà, perché superare la linea continua è una violazione delle regole”, dice Julia. Per tali casi, è necessario un ingegnere che si assuma la responsabilità.

Quali sono le caratteristiche delle auto senza pilota russe?

Tecnicamente, tutte le auto senza conducente al mondo sono più o meno simili. Sensori, telecamere e lidar (una tecnica di telerilevamento che permette di determinare la distanza di un oggetto utilizzando un impulso laser) sono appesi alla macchina, e scansionano lo spazio fino a 300 metri di distanza decine di volte al secondo. Pertanto, l’auto determina la sua posizione nello spazio rispetto ad altri oggetti e seleziona il percorso ottimale, regolandolo in base alla situazione sulla strada.

E poi inizia il bello: la macchina deve prevedere le azioni di tutti gli attori del traffico attorno a sé. Quel pedone attraverserà la strada? Questa vettura girerà senza mettere la freccia? E, soprattutto, in che modo il percorso di uno influenzerà l’altro? Un guidatore esperto può spesso prevedere lo sviluppo di eventi sulla strada, e l’auto robotizzata dovrebbe acquisire un’esperienza simile, percorrendo decine di migliaia di chilometri e raccogliendo un database di esempi di comportamento.

Yandex sottolinea che non loro creano un “sistema di assistenza alla guida automatizzato, come Tesla, ma un robot guidatore che può prendere decisioni da solo”. Ecco perché testano le auto in diverse condizioni stradali e meteorologiche. “L’unico incidente che ha coinvolto un’auto senza pilota di Yandex è avvenuto a luglio 2018 nel centro di Mosca  in via Trubetskaja, quando un guidatore in carne e ossa distratto si è schiantato contro una delle nostre macchine ferma al semaforo”, dice Julia. In conseguenza del tamponamento, è rimasta danneggiata la parte posteriore della “macchina intelligente”; il paraurti, i parafanghi e il bagagliaio.

In soli due anni, Yandex ha raggiunto un milione di chilometri percorsi senza pilota. Solo le compagnie americane Waymo, Uber e la cinese Baidu hanno un chilometraggio simile. Oltre a Yandex, stanno testando le loro auto senza pilota in Russia l’Università di Costruzione di Automobili e Strade di Mosca (MADI), KB Avrora, un’azienda specializzata in robotica, il produttore di autocarri KamAZ, e appositi laboratori dell’Università di Innopolis e dell’Università di Taganrog, ma non hanno ancora ottenuto alcun successo serio: e si tratta solo di pochi prototipi.

Chi ci guadagna?

Come ci ha raccontato l’ufficio stampa di Yandex, l’azienda pianifica di lanciare i taxi senza pilota in diverse città della Russia in un arco di 5 anni, e già tra 2-3 anni un simile servizio potrebbe apparire in diverse aree di Mosca. “Il costo sarà inferiore per il cliente, le corse saranno effettuate 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e non bisognerà pagare più nessuno stipendio al conducente”, ha affermato la società, sottolineando che il costo della macchina stessa è diminuito di un terzo in due anni: “Quando abbiamo iniziato nel 2017, il nostro primo veicolo ci è costato 9,5 milioni di rubli [135 mila euro; compreso il costo della macchina], e ora costa 6,5 milioni [circa lo stesso importo che spende la statunitense Waymo]. L’attrezzatura sta diventando più economica: per esempio, i lidar prima avevano prezzi spaziali, attorno ai 100 mila dollari. Oggi, il prezzo è diminuito di 5 volte e possiamo testare quelli di diversi produttori in concorrenza tra loro”. La società non rivela l’importo totale degli investimenti, ma afferma che spende la maggior parte del denaro per pagare gli ingegneri dello sviluppo. Inoltre, Yandex attende davvero con impazienza la regolamentazione legislativa del traffico su veicoli senza pilota in Russia, qualcosa come il Self Drive Act negli Stati Uniti.

Secondo un recente studio di Ubs Bank, entro il 2030 l’attività nel settore del trasporto senza pilota di Yandex potrà valere oltre 6,4 miliardi $. Gli esperti di Ubs credono che Yandex possa sviluppare senza pilota sia il trasporto di passeggeri che di merci, diventando in ogni caso, un monopolista nel mercato. “In caso di successo, il progetto può rendere Yandex un’azienda molto più grande, le cui entrate entro il 2030 cresceranno dell’85% rispetto all’anno in cui è iniziato il lancio commerciale di auto senza pilota”, afferma il rapporto. Allo stesso tempo, il volume dell’intero mercato dei trasporti senza pilota in Russia entro il 2030 ammonterà a 9,5 miliardi $ in caso di lancio anche del trasporto commerciale di merci, o a 4 miliardi $ in sua assenza.

I rivali russi di Google e Facebook: perché Yandex e Vk continuano a dominare? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie