In Russia costa meno spostarsi sempre in taxi che avere una propria auto. Ecco perché

Ramil Sitdikov/Sputnik
Le tariffe sono molto basse, la concorrenza ampia, e diventare tassisti è facilissimo e gratuito

In Russia, l’uso del taxi si è rivelato essere più economico rispetto a quello di un’auto di proprietà. A questa conclusione è giunta la banca britannica HSBC in uno studio. Secondo i calcoli dell’istituto di credito, nei prossimi dieci anni, per le persone che percorrono meno di 5.388 km all’anno sarà più economico utilizzare il taxi piuttosto che acquistare e mantenere un’auto propria.

In questo, la Russia guida le statistiche con un ampio distacco rispetto ai principali Paesi del mondo. In India, la soglia chilometrica sotto la quale l’utilizzo di un taxi diventa più economico rispetto al possesso di un’auto è di 2.731 km all’anno, negli Stati Uniti è di 1.102 km e in Germania di 811 km. Ecco perché.

Motivo 1. Le tariffe dei taxi in Russia sono molto basse, mentre i prezzi delle auto sono alti

Secondo i calcoli della banca, il costo medio di un viaggio in taxi in Russia è di 130 rubli (1,80 euro) e di circa 350 rubli (4,80 euro) a Mosca, dove le tariffe sono le più alte del Paese. Per fare un confronto: negli Stati Uniti, le cifre sono in media superiori del 75%.

Inoltre, i redditi medi dei russi sono bassi e e le tariffe dei taxi sono pensate di conseguenza (leggi qui per scoprire quanto guadagna un russo medio). Ciò non si può dire per i prezzi delle auto, visto che a causa dei dazi doganali sull’import sono piuttosto alti. Ad esempio, per acquistare una Toyota Camry, un russo medio dovrà risparmiare almeno tre volte più a lungo di un americano medio.

“Pertanto, in Russia, i prezzi dei taxi sono proporzionali al reddito, mentre i prezzi delle auto non lo sono. Da qui la situazione attuale”, spiegano gli analisti di HSBC.

Motivo 2. Vi è una forte domanda di servizi di taxi

In molte regioni russe, il trasporto pubblico non è così ben sviluppato come dovrebbe. Gli autobus notturni sono una rarità. In diverse città, il trasporto pubblico smette del tutto di funzionare dopo le dieci o le undici di sera. Per questo c’è una grande domanda di servizi di taxi, il che consente alle compagnie di abbassare le tariffe.

“La principale forza trainante per la riduzione dei prezzi è l’aumento del numero delle corse e tempi più rapidi di chiamata e raccolta dei clienti. Un conducente trascorre meno tempo ‘inattivo’ e più tempo con i passeggeri”, afferma Aleksandr Gornij, vicedirettore generale per la strategia di CityMobil.

In Russia, il 45 percento della popolazione ha installato app di taxi sui propri telefoni. Solo Cina e Messico hanno una penetrazione di questo mercato più elevata, rispettivamente del 51 e del 46 per cento.

Motivo 3. Non esiste un servizio di taxi statale o pubblico in Russia

C’era un servizio di taxi statale in Urss, ma negli anni Novanta si rivelò inutile. A differenza dell’Europa, dove ci sono licenze gestite dagli enti locali, in Russia c’è una completa deregulation nel settore: il 50 percento del mercato dei taxi russi è costituito da compagnie private, che possono stabilire le tariffe a loro discrezione e il resto del mercato è occupato da operatori di taxi senza licenza, che sono ancora abbastanza numerosi nelle province e sono spesso indicati con il termine gergale di “bombìlo”.

Quando Uber è arrivato in Russia nel 2013, alcune grandi compagnie di taxi hanno studiato il modello e lanciato le proprie applicazioni. Decine di altre compagnie di taxi hanno tagliato le loro tariffe e si sono collegate all’equivalente russo di Uber, Yandex.Taxi, o all’applicazione israeliana Gett. Entrambe le compagnie offrivano condizioni ottime all’inizio.

L’unica cosa che lo Stato russo continua a fare sul mercato dei taxi è di sovvenzionare le compagnie per potenziare e rinnovare la loro flotta. Ad esempio, dal 2012 a oggi, l’amministrazione della città di Mosca ha stanziato per questo oltre 700 milioni di rubli (circa 9,5 milioni di euro).

Motivo 4. Diventare un tassista è facile

In varie regioni (tra cui Mosca), le licenze di taxi sono rilasciate gratuitamente o dietro pagamento di una tariffa simbolica. L’unica condizione è che l’autista debba far parte di una compagnia di taxi o registrarsi come imprenditore individuale. Quando si richiede la licenza, non è necessario superare né un test di conoscenza della città né di lingua russa.

Prendere un’auto a noleggio per usarla come taxi è economico (1.500–2.000 rubli, circa 20-27 euro, al giorno), oppure i conducenti possono usare la propria auto, purché soddisfi i requisiti specifici in termini di colore della carrozzeria, condizioni dell’abitacolo, condizioni tecniche, ecc.

* Lo studio HSBC ha utilizzato i seguenti indicatori: il costo di una Toyota Camry in un determinato Paese, il costo del carburante e della manutenzione dell’auto, i prezzi medi dei taxi e il reddito medio della cittadinanza.

Tre tassisti russi davvero speciali, nel bene e nel male 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie