Mirnyj, la capitale dei diamanti

Mirny, Sakha Republic

Mirny, Sakha Republic

Lori/Legion Media
Prosegue il viaggio di Rbth alla scoperta delle monocittà russe. A ovest della Repubblica di Sakha si trova la più grande miniera di pietre preziose del Paese: un luogo ricco di fascino e contraddizioni

Proprio a Mirnyj, nella parte occidentale della Repubblica di Sakha (Yakutia), si trova un'enorme cava di oltre un chilometro di diametro. È il tubo di kimberlite "Mir", da cui vengono estratti i diamanti.

Mirnyj è stata costruita negli anni Cinquanta, quando nel territorio della Yakutia sono stati trovati diversi grandi giacimenti di diamanti ed è iniziata la produzione industriale della pietra preziosa. Si tratta di una tipica monocittà: la maggior parte dei suoi abitanti lavora nella miniera "Alrosa", il gigante mondiale dei diamanti.

Mirnyj, Repubblica Sakha. Fonte: Yurij Smityuk/TASSMirnyj, Repubblica Sakha. Fonte: Yurij Smityuk/TASS

Una città progressista

Ajtalina (nome di fantasia) è nata e cresciuta nella capitale, Yakutsk. A Mirnyj si è trasferita con il marito Gennadij otto anni fa, quando quest'ultimo ricevette un'offerta di lavoro a livello manageriale nell'impresa di diamanti. "Quando siamo venuti qui pensavo che avrei navigato tra i diamanti - dice, ridendo, Ajtalina -. Mio marito mi ha subito spiegato che tutti i diamanti appartengono allo Stato e che prendere quelli estratti dalla miniera è impossibile".

Ajtalina gestisce un supermercato e hanno due figli. "Anche se Yakutsk è più grande di Mirnyj, io non ci tornerei", ammette Ajtalina. "Mirnyj è il luogo ideale per una giovane famiglia: intorno alla città trovi solo taiga incontaminata, fiumi e laghi. Guadagniamo abbastanza per le esigenze dei nostri figli. A Yakutsk, al contrario, c'è folla e sporcizia".

Secondo Ajtalina, la sua famiglia ha un reddito alto, perché possono permettersi di fare shopping e viaggiare regolarmente, tanto più perché la città ha un aeroporto. Ajtalina crede che Mirnyj sia una città progressista e tollerante. "A Yakutsk, spesso maltrattavano mio marito perché russo; o criticavano me perché io, yakuta, avevo sposato un russo. Qui non succede nulla del genere, perché metà delle persone in città sono russi che lavorano in azienda. A Mirnyj è importante quanto bene lavori".

Uno scorcio della città. Fonte: Lori/Legion MediaUno scorcio della città. Fonte: Lori/Legion Media

I problemi del luogo

Ma non per tutti la vita della città è così rosea. La famiglia di Olga e Khotoj è simile alla precedente, traslocata a Mirnyj circa dieci anni fa e con due figli. Khotoj lavora nella fabbrica di diamanti, Olga insegna in una scuola.

Ma qui finiscono le analogie: la famiglia di Olga e Khotoj fatica a sbarcare il lunario e sono costretti a vivere in una capanna di legno. Da diversi anni non riescono ad andare in vacanza. Secondo Olga, la causa di questa stratificazione sociale è da vedersi nella politica dell'azienda di diamanti: "Mio marito lavora da molti anni in miniera, ma lo stipendio non è alto e la possibilità di crescere non esiste. L'azienda risparmia sui suoi dipendenti: la sicurezza sociale viene ridotta di continuo e se cominci a lamentarti ti possono semplicemente licenziare".

Uno scorcio della città. Fonte: Nikolaj Zaytsev/RIA NovostiUno scorcio della città. Fonte: Nikolaj Zaytsev/RIA Novosti

Olga non è soddisfatta neanche dei prezzi alti che ci sono in città. "I prodotti hanno prezzi proibitivi. La loro qualità, poi, è piuttosto bassa". Stessa cosa per i mezzi: "Vorrei andare a Mosca, visitare i parenti, far vedere il mare ai bambini, ma i biglietti dell'aereo sono troppo costosi".

Olga dice che a Mirnyj buoni medici e insegnanti non si trovano. Si potrebbero attirare qua persone da altre regioni, ma, stando alle parole di Olga, in questo momento è impossibile: "Gli stipendi in città, al di fuori della miniera, sono bassi, soprattutto nel settore pubblico. Io guadagno 19mila rubli (circa 260 euro), che per i nostri prezzi è molto poco. Chi mai verrà qui da noi?".

Il futuro delle famiglie

Cava per l'estrazione di diamanti. Fonte: Lori / Legion MediaCava per l'estrazione di diamanti. Fonte: Lori / Legion Media

La vita a Mirnyj è piena di contraddizioni simili. Le famiglie di Gennadij ed Ajtalina e di Olga e Khotoj vivono in case vicine, i loro figli vanno alla stessa scuola, ma le due donne guardano alla vita e alle prospettive future in maniera molto diversa. Ajtalina ha trovato a Mirnyj un reddito stabile e un luogo per il futuro benessere; Olga invece sogna di andarsene da qui il prima possibile.

Tuttavia, il flusso di giovani da tutto il Paese che vuole fare fortuna nella "capitale dei diamanti" non si ferma. "Può guadagnare bene a Mirnyj chi ama davvero lavorare - ritiene Ajtalina -. Non c'è da stupirsi se gli yakuti dicono: i diamanti amano il lavoro, ma detestano l'avidità".

Ti potrebbe interessare anche: