Siamo pazzi. No, siamo russi! Ecco i passatempi folli ed estremi più diffusi in inverno in Russia

Getty Images; Legion Media
C’è chi ama passeggiare sulle superfici ghiacciate dei fiumi, anche quando non vi è la piena sicurezza che le lastre di ghiaccio reggano il peso delle persone… Chi corre intere maratone e chi scia in bikini con temperature sotto zero

Non solo sci e pattini: quando arriva la stagione del gelo, i russi non si pongono limiti! Ed ecco che si concedono tuffi gelati, corse a prova di scivoloni e gare sulle superfici congelate di fiumi e laghi. Il ghiaccio, per loro, non è affatto un ostacolo: anzi, diventa il punto di partenza per nuove sfide! E poco importano i pericoli: spesso, infatti, le lastre di ghiaccio non sono sufficientemente spesse e resistenti da poter sostenere il peso delle persone.

Ogni anno i cittadini del paese più grande del mondo vengono avvertiti dal Ministero delle Situazioni di Emergenza di non camminare sul ghiaccio fragile. Ma non appena gli specchi d’acqua vengono coperti dai primi strati di ghiaccio, i russi corrono immediatamente sui fiumi e sui laghi ghiacciati, così, per divertimento. 

Tra i passatempi più diffusi c’è ovviamente il pattinaggio, e in tanti preferiscono il ghiaccio “naturale”. 

E l’età non è un limite, anzi! C’è chi sfreccia sui pattini noncurante delle tante “primavere” alle spalle. 

I russi amano inoltre concedersi delle belle sciate o delle passeggiate sulle superfici ghiacciate dei fiumi: accade soprattutto a San Pietroburgo, dove in inverno si incrociano molte persone camminare sopra il fiume Neva. 

Altre persone vanno a pescare sul ghiaccio e organizzano tornei di pesca.

I più avventurosi preferiscono lo “snowkiting”, uno sport invernale in cui le persone usano degli aquiloni per farsi trainare su superfici innevate. 

E poi c’è chi ama correre sul ghiaccio: ogni anno in Russia vengono organizzate delle vere e proprie maratone sulla neve; nella sola città di Vladivostok si registrano sempre un migliaio di partecipanti. 

Le maratone sul ghiaccio si svolgono anche sul lago Bajkal, come abbiamo raccontato qui

Si svolgono poi anche delle partite di hockey.

Da qualche anno, i turisti sul Bajkal compiono anche un nuovo rito, quello di “baciare il Bajkal”: si realizza un buco sulla superficie ghiacciata del lago, formando una specie di bicchierino di ghiaccio, nel quale si versa della vodka, cognac o champagne; ci si sdraia a pancia in giù e si beve attraverso una cannuccia oppure appoggiando le labbra sul ghiaccio. 

E ci sono poi i “trichechi”, gli appassionati di nuoto nel ghiaccio, che ogni anno in inverno lasciano il mondo a bocca aperta (e con i brividi di freddo) con i loro tuffi gelati. Avreste il coraggio di provare anche voi?  



LEGGI ANCHE: “Ho attraversato da sola il Bajkal ghiacciato: i miei consigli per un’avventura così estrema”

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie