I dieci atleti russi più promettenti alle Olimpiadi di Tokyo, su cui scommettere per l’oro

Angelika Sidorova, Arina Averina, Sofia Velikaya

Angelika Sidorova, Arina Averina, Sofia Velikaya

Valerij Sharifulin, Egor Aleev/TASS; Grigorij Sysoev/Sputnik
Anche quest’anno saranno costretti a salire sul podio senza inno e senza bandiera (avranno quella del Comitato olimpico nazionale), ma siamo sicuri che sapranno comunque emozionare e far felici i loro tifosi

1 / Andrej Zamkovoj, 34 anni, pugile

La squadra russa di boxe a Tokyo è rappresentata da 11 pugili, tra cui ci sono quattro campioni del mondo, ma solo uno di loro, Andrej Zamkovoj, originario della Regione dell’Amur, ha precedenti esperienze olimpiche. Nel 2012 ha vinto una medaglia di bronzo ai Giochi di Londra e nel 2016 è sceso sul ring alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, anche se ha perso ai sedicesimi di finale contro il keniota Rayton Okwiri.

Tre anni dopo, nel 2019, Andrej si è laureato campione del mondo nella categoria dei pesi welter. Zamkovoj si esibirà nella stessa categoria alle Olimpiadi, dove sarà il capitano dell’intera squadra di boxe. L’atleta sembra molto determinato:

“Non abbiamo rivali ‘speciali’. Contro ogni avversario andremo come all’ultima battaglia. Ogni atleta capisce perché è venuto alle Olimpiadi”, ha detto Zamkovoj a Ria Novosti.

2 / Maksim Mikhajlov, 33 anni, pallavolo

Mikhajlov è uno dei due portabandiera dell’intera delegazione di atleti russi alle Olimpiadi. Questi Giochi saranno i quarti per lui. In precedenza ha già partecipato ai Giochi Olimpici di Pechino nel 2008, di Londra nel 2012 e di Rio de Janeiro nel 2016. A Pechino Mikhajlov è diventato il miglior realizzatore della squadra che si è aggiudicata il “bronzo”, mentre a Londra si è messo al collo la medaglia d’oro olimpica, dopo la combattuta finale contro il Brasile. E questo senza contare le vittorie negli Europei, nella Nations League e in altre importanti competizioni.

Di Mikhajlov di dice che sia un perfezionista e un maniaco del lavoro e in un sondaggio i giocatori di pallavolo della Super League russa lo hanno definito il compagno di squadra più ambito. Speriamo che dimostri tutte queste qualità anche ai giochi di Tokyo.

3 / Sofja Velikaja, 36 anni, scherma

Il secondo portabandiera della delegazione russa è Sofja Velikaja, originaria di Alma-Atà (città del Kazakistan). La ragazza ha vinto il suo primo oro ai Mondiali nel 2006. Nella sua carriera, Sofja è diventata 8 volte campionessa del mondo e 14 volte campionessa europea, sia a squadra che nella competizione individuale. Tre volte la Velikaja si è esibita alle Olimpiadi, e nel 2016, a Rio de Janeiro, ha vinto l’oro nella competizione a squadre, quando era già mamma di un bimbo di tre anni.

Dopo le Olimpiadi, Sofja ha dato alla luce la sua secondogenita, è andata in congedo di maternità ed è tornata due anni dopo, vincendo altre quattro medaglie ai Campionati europei nel 2018-19.

4 / Nikita Nagornyj, 24 anni, ginnastica artistica

Questo è uno dei ginnasti russi più titolati. Nel 2019 è diventato Campione del Mondo, mentre nel 2016 aveva conquistato la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Rio.

Nikita racconta tutti i suoi successi sportivi su YouTube, Instagram e TikTok, e su quest’ultimo social network alcuni video con i suoi esercizi raggiungono più di un milione di visualizzazioni. Inoltre, nel 2018, Nagornyj ha fondato il club “Akademija Chempionov”, l’Accademia dei Campioni, dove bambini e i ragazzi praticano la ginnastica. Speriamo che Nikita abbia modo di girare un video a Tokyo su come riceve un’altra medaglia!

5 / Svetlana Romashina, 31 anni, nuoto sincronizzato

Moglie e madre felice di una bimba di tre anni, cinque volte campionessa olimpica di nuoto sincronizzato, 21 volte campionessa del mondo, Svetlana è una delle atlete più titolate al mondo.

Sembra essere un vero terminator tra i nuotatori sincronizzati; in tutta la sua carriera ha perso solo tre volte. Quasi tutte le sue vittorie, secondo la stessa Romashkina, sono state ottenute senza grandi drammi, tranne che alle Olimpiadi di Rio, quando ha dovuto esibirsi in acque troppo trattate con sostanze chimiche.

A Tokyo, Svetlana ha in programma di diventare sette volte campionessa olimpionica e terminare la sua carriera lì, iniziando una nuova vita senza allenamenti costanti. E a giudicare da quanto ha fatto finora, ha tutte le possibilità di realizzare questo sogno.

6 / Anna Vjakhireva, 26 anni, pallamano

Dopo aver vinto le Olimpiadi di Rio, la ragazza ha ricevuto dai giornalisti il soprannome di “Messia della pallamano”. La ragione di ciò sono i suoi agili tiri, i passaggi e le torsioni con la mano sinistra. Grazie a questi suoi colpi, la squadra russa ottiene ottimi risultati, come nel 2018, quando è arrivata seconda all’Europeo, o nel 2019 quando è arrivata terza al Mondiale in Giappone.

Nel novembre 2020, la Vjakhireva si è infortunata alla regione lombare e non è stata in grado di giocare nel Campionato Europeo, vinto dalla Norvegia, tuttavia è riuscita a riprendersi per le Olimpiadi e non vede l’ora che inizino i giochi.

7 / Abdulrashid Sadulaev, 25 anni, lotta libera

“Carro armato russo” (“Russkij tank”) è il soprannome di questo atleta originario del Daghestan che ha vinto le Olimpiadi del 2016. Ha solo una sconfitta in carriera, ai Mondiali del 2017. Successivamente, Abdulrashid si è allenato per nove ore al giorno per un anno intero e al campionato successivo ha sconfitto il suo avversario prima del previsto.

Khabib Nurmagomedov si è congratulato più di una volta con l’atleta per le sue vittorie e lo ha definito il migliore per la sua perseveranza. Il lottatore utilizzerà questa qualità per portare a casa la medaglia olimpica a Tokyo nella categoria di peso dei 97 kg.

8 / Natalja Vorobjova, 30 anni, lotta libera

La prima campionessa olimpica russa di lotta libera femminile ha vinto l’oro a Londra nel 2012 nel peso fino a 72 kg ed è così entrata nella storia dello sport russo. A Rio nel 2016, si è dovuta accontentare dell’argento nei 69 kg.

Nel 2018, Natalja ha avuto un figlio. Tre mesi dopo l’atleta è tornata ad allenarsi e ha continuato a portare premi alla Russia: nel 2019 ha vinto l’oro ai Campionati del mondo di Nur-Sultan e nel 2020 agli Europei di Roma. Nel 2021 ha portato invece a casa dagli Europei di Varsavia un argento.

A Tokyo, l’atleta ha in programma di vincere di nuovo l’oro, e nel prossimo futuro, dopo la vittoria, vorrebbe dare alla luce un altro bambino e porre fine alla sua carriera.

9 / Anzhelika Sidorova, 30 anni, atletica leggera, salto con l’asta

Se si bada all’esperienza e ai numeri, allora la Sidorova ha più possibilità di vincere una medaglia d’oro rispetto ad altri atleti russi: nel 2019, l’atleta ha vinto l’oro ai Campionati del mondo con un salto di 4,95 m.

Nel 2020, la ragazza ha ottenuto un risultato di 4,92 m al campionato russo e nel 2021 ha conquistato il secondo posto nella Diamond League a Monaco con un bel 4,80.

Tuttavia, a Tokyo, Sidorova gareggerà con la statunitense Katie Nageotte, che ha anche superato il punteggio di 4,95, e che è la principale rivale di Anzhelika.

10 / Dina e Arina Averina, 22 anni, ginnastica ritmica

Le due sorelle gemelle si sfideranno per l’oro a Tokyo, esibendosi con programmi individuali. È difficile giudicare quale di loro sia la migliore. Dina è già diventata 13 volte campionessa del mondo, mentre Arina ha al collo “solo” quattro medaglie d’oro iridate. Tuttavia, all’ultimo Campionato Europeo nel 2021, è stata Arina a conquistare il primo posto.

Le sorelle hanno ripetutamente affermato di completarsi a vicenda perfettamente. Questa è la loro prima Olimpiade e speriamo che ottengano premi a raffica.


LEGGI ANCHE: Le sorelle Averina, le regine della ginnastica ritmica che sognano le Olimpiadi 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie