Quali copricapi indossano nel Caucaso?

Evgenij Shivtsov (CC BY-SA 4.0); Stephen McCarthy/Sportsfile/Getty Images; Alana Khugati
In questa zona montuosa della Russia dicono che se c’è una testa deve esserci anche un cappello. Sì, ma quale? Ecco una lista dei più diffusi tra le varie etnie della regione

I copricapi non solo proteggono dal freddo, dal vento e dalle sciabole, ma hanno anche un significato sacro per i popoli che vivono nelle regioni montuose del Caucaso. Ecco che tipo di cappelli indossano le donne e gli uomini del Caucaso e quanto sono importanti per loro.

Papakha

Khabib Nurmagomedov a Las Vegas, USA

Uno dei combattenti di arti marziali miste più famosi del nostro tempo, Khabib Nurmagomedov, prima del ritiro dalle competizioni è apparso spesso di fronte ai giornalisti con in testa una enorme e soffice “papakha”, il tradizionale copricapo di molti popoli del Caucaso. Questo è il copricapo più comune in Daghestan, Karachaj-Circassia e Inguscezia, e molte tradizioni sono associate ad esso. Togliere il cappello dalla testa di qualcun altro era considerato un grosso insulto (anche perché, “se c’è una testa, deve avere una papakha”, come si dice qui), ma gettarlo dalla finestra a una ragazza era una dichiarazione d’amore. Era consuetudine per i caucasici avere diverse papakha: una per tutti i giorni, una per i matrimoni e una per i lutti. La papakha viene realizzata con pelle di pecora o capra, ma la più costosa è in pelliccia di astrakan (pelli del karakul; pecora nera originaria dell’Asia centrale). La papakha aumenta visivamente l’altezza di una persona e alcuni montanari possono ancora oggi competere per l’altezza dei loro cappelli.

Kubanka

Cadetti cosacchi

È una sorta di papakha più compatta, indossata dai cosacchi. Un cappello cosacco dovrebbe proteggere dal colpo delle armi bianche (o almeno mitigarlo). Prima della battaglia, alcuni soldati mettevano delle piastre di metallo nei loro cappelli. E le dimensioni ridotte rendevano il cappello più stabile durante le galoppate. La kubanka è realizzata con pelliccia di astrakan, di orso o persino di lupo.

Pies

Ramzan Kadyrov, presidente della Cecenia

In Cecenia e Inguscezia, potete vedere spesso uomini con calotte con nappe, che sono chiamate “pies”. A volte ci sono ortografie diverse, come “pjas”, “pes” o “fes”, che richiama la parola “fez”. Questo copricapo viene indossato per eseguire il namaz (nell’Islam ci si deve coprire la testa quando si prega), ma oggi le persone lo indossano al di fuori dei tempi della preghiera.

Nimat khud

Gli agricoltori osseti indossano tradizionalmente cappelli di feltro chiamati “nymat khud”: cappelli marroni o bianchi festivi intessuti con peli di capra. È un cappello basso a tesa larga perfetto per proteggere dal sole cocente e dal vento di montagna. I cappelli di feltro sono comuni oggi, non solo come copricapo per tutti i giorni, ma anche come souvenir del Caucaso.

Osetinskaja Tjubetejka

Anche le donne ossete hanno un cappello che indossano per le feste. Ha l’aspetto a calotta di una tjubetejka dell’Asia centrale, ma è rivestito di velluto rosso o bianco e decorato con ornamenti nazionali. Sopra un tale cappello, le donne indossano uno scialle osseto traforato di lana pregiata.

LEGGI ANCHE: Sette diversi scialli tradizionali che vengono realizzati da secoli nelle regioni russe 

Bashlyk

Il bashlyk in passato ha fatto parte delle uniformi militari

Uno dei copricapi più antichi indossati da molti abitanti delle regioni montuose, e poi dai cosacchi, è un cappuccio in feltro a punta con estremità lunghe, che possono essere avvolte attorno al collo come una sciarpa. Protegge dal sole, dalla pioggia e dal freddo. A partire dal XIX secolo, il copricapo fece anche parte dell’uniforme militare dell’esercito imperiale russo, diventando in seguito popolare tra i soldati dell’Europa occidentale. I bashlyk sono ora nel guardaroba di molti caucasici.

Kurkhars

Il costume cerimoniale di una donna delle montagne dell’Inguscezia includeva l’insolito cappello kurkhars (o kurkhas), simile a un berretto con una treccia attorcigliata. Oggi può essere visto in Inguscezia solo durante gli eventi festivi, quando si indossano i costumi tradizionali.

Cappelli da donna Nogai

Il costume tradizionale di una donna Nogai dovrebbe essere completato da diversi copricapi. Ad esempio, le ragazze non sposate indossavano cappelli bassi, detti “oka bork”, con un supporto superiore in metallo (di solito argento) per il velo, che poteva avere la forma di rondine o di ali di uccello.

Lo status di donna sposata era enfatizzato da un cappello alto con diverse strisce, il cui numero indicava quanti fratelli aveva. La sommità in un cappello del genere poteva avere la forma di una palla.

Cappelli ancora più alti sono indossati dalle spose Nogai. Sono chiamati “teke bork” (“cappello di capra”), in quanto sono realizzati in pelle di capra e poi ricoperti di velluto. L’altezza di un tale cappello può raggiungere gli 80 centimetri e il peso di 5 chili! I Nogai sono convinti che il Teke Bork porti alle ragazze una vita familiare felice.


La storia dell’ushanka, il colbacco russo che ripara dal freddo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie