Perché i russi vivono uno attaccato all’altro in enormi palazzoni?

Legion Media
Il Paese non ha certo problemi con il consumo di suolo, eppure, per un mix di tradizione sovietica e forte accentramento urbano, si continua a risiedere in massa nei “formicai”

Chiunque sia mai stato in Russia e abbia visto la periferia di Mosca, San Pietroburgo o di qualsiasi altra grande città del Paese, conosce i grandi complessi di appartamenti che assomigliano a giganti formicai. 

Un complesso edilizio di questo tipo può ospitare migliaia di famiglie sotto lo stesso tetto. Ma considerando che la Russia è così grande, sorprende che le persone scelgano di annidarsi in piccoli appartamenti situati all’interno di giganteschi complessi residenziali. Perché è così?

Eredità sovietica

Per la Russia, i complessi residenziali a più piani sono un’eredità sovietica. Dopo la Rivoluzione russa del 1917, la Russia sovietica raggiunse un’elevata crescita industriale, il che, a sua volta, portò a una rapida urbanizzazione.

La popolazione rurale si riversò nelle città in cerca di una vita migliore. Molte persone erano pronte a vivere in baracche di legno o appartamenti in comune, le cosiddette kommunalki, in spazi condivisi con altre famiglie. E così milioni di sovietici si ritrovarono a doversi confrontare con un’assenza quasi assoluta di privacy, sognando condizioni di vita più confortevoli.

Negli anni Cinquanta, il governo sovietico, guidato da Nikita Khrushchev, affrontò finalmente il problema, lanciando la costruzione di Stato di edifici residenziali a più piani in tutta l’Unione Sovietica.

Il programma fu molto efficace e molte famiglie sovietiche, che solo di recente vivevano in condizioni disastrose, divennero felici proprietarie di appartamenti individuali.

LEGGI ANCHE: Poteva un cittadino sovietico comprarsi un appartamento? 

Il primo tipo di palazzone prese il nome proprio da Nikita Khrushchev e si chiama ancora oggi “khrushchjovka”. Erano edifici facili da costruire e risolsero efficacemente il problema degli alloggi in Urss. Tuttavia, la costruzione di questi blocchi abitativi portò a nuovi problemi. Per prima cosa, molte città russe, in particolare i loro quartieri residenziali e dormitorio, divennero molto grigie e noiose.

LEGGI ANCHE: Perché la Russia dà l’impressione di essere così grigia? 

“I nostri compatrioti erano sinceramente felici quando si trasferirono nelle khrushchjovki. Ma poi il tempo è passato e tutte le carenze sono venute a galla”, dice Marat Galjamov, capo di una società immobiliare con sede a Kazan, in Russia.

Nonostante lo scioglimento dell’Urss, l’approccio sovietico alla casa è continuato in Russia.

I “formicai” di oggi

Nella Russia moderna vengono eretti enormi palazzi di appartamenti in tutto il Paese. Questi possono essere visti soprattutto a Mosca e San Pietroburgo, dove la domanda di alloggi è alta.

La costruzione su larga scala di complessi di appartamenti a più piani offre a molte persone la possibilità di stabilirsi nella capitale, dove appartamenti in case di alta classe e situate in centro sono un lusso insostenibile per molti.

In alcuni quartieri di lusso nel centro di Mosca, un metro quadrato in un edificio di quattro o cinque piani può costare fino a 32.500 euro! Molti potenziali acquirenti possono trovare questa cifra irragionevole, e i costruttori edili tirano su in continuazione enormi condomini alla periferia della capitale, chiedendo in media 2.215 euro al metro quadrato.

Sebbene alcune persone associno la vita nei cosiddetti “formicai” (in russo: “муравейник”, muravéjnik, da cui è stato tratto anche l’ironico termine “человейник”, chelovéjnik; da “chelovék”; uomo, persona) alla mancanza di parcheggi, al traffico da incubo e alla scarsa accessibilità al centro città, molti preferiscono risparmiare denaro e stabilirsi lì, sacrificando la vicinanza del centro a favore di più spazio vitale.

“Gli edifici a più piani che ospitano la maggior parte della popolazione sono destinati solo ad abitazioni, ma lì non c’è nient’altro. Dopo aver lasciato la casa, un abitante di una di quelle zone vuole andarsene il prima possibile in centro, al lavoro o al centro commerciale e di intrattenimento più vicino. Da qui il famigerato pendolarismo che crea gli ingorghi record”, ha detto Vitalij Stadnikov, professore associato della Scuola superiore di studi urbani presso l’HSE, in un articolo pubblicato nel 2016.

LEGGI ANCHE: Così Mosca combatte i suoi famigerati ingorghi 

Poiché molti russi credono che pagare un affitto sia come dare fuoco ai soldi, le persone vogliono acquistare appartamenti in grandi complessi, nonostante i problemi associati al risiedervi.

“Fondamentalmente, le persone acquistano alloggi in questi formicai per trasferirsi nella metropoli il più rapidamente possibile e non pensano che rimarranno a vivere in questi appartamenti a lungo. Ma in effetti, molti ci restano per sempre”, conclude Galjamov.


LEGGI ANCHE: Così gli edifici a pannelli di epoca sovietica hanno segnato l’aspetto urbano di tutta la Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie