Alina Sanko, la ragazza più bella della Russia sogna lo scettro di Miss Universo

Denis Grishkin / Moskva Agency; Vyacheslav Prokofyev/TASS
Originaria della piccola città di Azov, nella Russia meridionale, è artista e architetto. Due anni fa ha vinto il concorso Miss Russia, e ora punta al titolo mondiale che sarà assegnato a maggio

Alina Sanko, Miss Russia 2019, sarà in gara per il concorso di Miss Universo (il concorso, inizialmente previsto nel 2020, è stato posticipato a maggio 2021). È nata il 31 dicembre 1998 nella piccola città di Azov, nel sud della Russia (1.100 km da Mosca).

“Vivere in luoghi così belli mi ha permesso di coltivare il mio hobby principale, il disegno”, ha raccontato Alina in un'intervista al quotidiano Komsomolskaya Pravda nel 2019.

A scuola, Alina si è classificata più di una volta al primo posto nelle competizioni di disegno, ed è stata tra i vincitori delle Olimpiadi di Arte e Architettura di Tutte le Russie.  

Terminata la scuola, Alina si è iscritta alla facoltà di Architettura dell'Università statale di gestione del territorio di Mosca.

All'inizio del 2019 si è avvicinata al mondo delle passerelle e della moda, e ha trovato lavoro in un’agenzia russa per modelle, la A.B.A. Group international talent & production. Ha iniziato così a muovere i primi passi tra book e servizi fotografici. E poi l’ambita decisione: partecipare al concorso Miss Russia 2019. 

“In precedenza avevo partecipato al concorso Miss Fashion Russia 2017. Alcune ragazze si iscrivono ai concorsi di bellezza per rafforzare la propria autostima. Per alcune, come me, rappresentano un obiettivo che si vuole raggiungere. (...) Amo la mia città, ma studio a Mosca, e vorrei portare la mia cara e amata madre a Mosca”, ha raccontato in un'intervista alla vigilia del concorso.

Alina si è classificata prima, e ha confessato di aver realizzato la vittoria solo qualche giorno dopo la finale.

“Quando stavo ricevendo il premio, la sensazione era indescrivibile: mi sembrava di essere in un sogno fantastico - ha raccontato -. Non riuscivo a crederci: Solo dopo essere tornata a casa ho capito che era tutto vero, e allora mi sono venute le lacrime”.

Dal 2019 al 2020 ha partecipato a diversi spettacoli, ed è entrata nella Scuola Superiore di Studi Televisivi dell'Università Statale Lomonosov di Mosca (MGU).

Nel tempo libero, Alina continua a disegnare; ama viaggiare, leggere e guardare film. Tra i suoi libri preferiti si contano “Al paradiso delle signore” di Émile Zola e “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen; tra i film, “Titanic”, “Romeo & Giulietta”, “The Prestige” e “Whiplash”.

A tavola non sa rinunciare ai gamberoni del fiume Don, e non si è mai messa a dieta.

“La genetica ha naturalmente avuto un certo peso in tutto ciò. Un esempio di bellezza e di valore è rappresentato da mia madre - ha raccontato -. Per mantenermi in forma e di buon umore ho bisogno di passeggiare all'aria aperta e, per quanto possibile, in luoghi pittoreschi, in modo da poter fare esercizio e allo stesso tempo avere un'occasione di contemplazione”.

Nell'aprile 2021 Sanko è stata al centro di una polemica dopo aver postato su Instagram Stories una serie di video in cui, insieme al truccatore Serdar Kambarov, prendeva in giro l'aspetto delle altre concorrenti di Miss Universo 2020. Nel video il truccatore criticava il loro trucco e i loro capelli, mentre Alina rideva fuori campo. Sanko ha poi chiesto pubblicamente scusa.

“Devo chiedere scusa a tutti coloro che si sono sentiti offesi dalla situazione in cui mi sono trovata (...) Mi dispiace non aver potuto trattenere quest'uomo dal dire cose scortesi sulle concorrenti. Sono addolorata”, ha detto.

In uno dei suoi post successivi Alina ha confessato di aver ricevuto diversi commenti offensivi da parte di alcuni haters. Ma non ha mai smesso di inseguire i suoi progetti e ora sogna lo scettro di Miss Universo.

LEGGI ANCHE: Due modelle russe sono state accusate di razzismo e appropriazione culturale. Ecco perché  



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie