I russi guidano davvero come pazzi? Le esperienze dei lettori di Russia Beyond

Legion Media
Internet è pieno di folli video ripresi sulle strade russe, con incidenti rocamboleschi e manovre spericolate. Ma è come sembra o si tratta di una sovraesposizione mediatica dovuta alla diffusione senza pari delle camere da cruscotto? Il parere degli stranieri che vivono e guidano nel Paese più grande del mondo

“DashCam Russia” è uno dei tag di YouTube più popolari. Riunendo vari video delle diffusissime telecamere da cruscotto, i russi fanno compilation annuali del “meglio del meglio” (o forse sarebbe meglio dire del “peggio del peggio”) delle situazioni più stupide, incredibili e folli verificatesi sulla strada. Vi capita di vedere sul web come una berlina attraversa senza paura cinque corsie di traffico intenso in direzione opposta? Non c’è dubbio, è in Russia!

Vivendo in Russia ci si abitua a molte cose e abbastanza in fretta, quindi abbiamo deciso di chiedere direttamente a chi non viene qui tanto spesso quanto sia bello o brutto guidare nel nostro Paese, rispetto agli Stati di provenienza. I risultati sono stati meno univoci di quanto ci saremmo aspettati.

“Circa ¼ di questi guidatori potrebbe fare lo stuntman”

“Ho la patente negli Stati Uniti dall’età di 15 anni. Ogni volta che vengo in Russia, mi ci vogliono circa due settimane per ambientarmi alla follia della strada. Tutte le volte che sono in un’auto che frena per un semaforo rosso o qualsiasi altro ostacolo e si ferma solo a pochi centimetri dall’auto davanti, nella mia mente sto già prefigurando il disastro. Mi sembra sempre di essere sul punto di fare un incidente. Non credo di voler guidare personalmente in Russia. È tutto troppo pazzo”, scrive un utente con il nickname “spider.monkey.ninja.assassin”.

L’imprevedibilità è uno dei principali indicatori della “russità” sulla strada. “Una volta, quando sono andato a Novosibirsk nel 2018, io e il mio amico abbiamo chiamato un taxi. Il tassista era audioleso e un cartello lo diceva. Me lo ha detto il mio amico che parla il russo. Durante la corsa verso la nostra destinazione, il guidatore ha dovuto frenare bruscamente per colpa di un altro conducente ed è diventato visibilmente furioso. I suoi problemi di udito non gli hanno certo impedito di dirne di tutti i colori all’automobilista. Lol! A un certo punto, a un semaforo, ha abbassato il finestrino e ha fatto segno a gesti al ragazzo che gli aveva fatto quel torto che voleva prenderlo a calci in culo! Ma che roba!

Amo i russi, a voi ragazzi onestamente non ve ne frega proprio niente di niente… Ho dato una mancia al tassista, non me lo aspettavo affatto. Siamo arrivati a destinazione sani e salvi e puntuali. Ma per quanto riguarda le strade, sì. Le vostre strade fanno cagare. Soprattutto quando piove o nevica. Solo nerume e fango ovunque”, ha detto Sergio Santillano.

La guida veloce e l’audacia russa al volante impressionano molti. Tim Butler ha parlato di un trasferimento aeroportuale non del tutto standard: “Ci è capitato un autista pazzo dall’aeroporto di Sheremetjevo al centro della città. La Nissan X-Trail sui cui viaggiavano superava tutte le auto zigzagando e persino facendo lampeggiare le quattro frecce di emergenza. Il tassista avermi visto spaventato perché nel traffico ho sentito la sua forte voce russa tranquillizzarmi: ‘Non si preoccupi, sono un pilota di rally addestrato’. Lol. Per fare un po’ di dialogo, ho commesso un errore, indicando una Ferrari. Da lì in poi ogni infrazione contenuta nel codice della strada è stata commessa, pur di permettermi di vedere da vicino la supercar. Ma sono sopravvissuto e sono arrivato in hotel con questa fantastica storia sul mio trasferimento aeroportuale nel traffico di punta di Mosca da raccontare. Lo adoro”.

Questo il bilancio di Nathan Harmston. “Io negli Stati Uniti: ‘Circa ¼ di questi tassisti non sanno guidare’. Io in Russia: ‘Circa ¼ di questi tassisti potrebbero fare lo stuntman, peccato che abbiano anche tendenze suicide’”.

“Ho sempre detto che le linee continue sulla strada in Russia sono solo un suggerimento)))”, ironizza eloopee.

“‘Se guidi in Russia, capirai perché i russi sono così bravi a scacchi’, mi ha detto il mio tassista a Mosca”, scrive mikebeeler37.

“Non è stato poi così male”

Tuttavia, non tutti sono stati così “fortunati”. Alcuni non hanno simili avventure da raccontare.

“Ho viaggiato a Mosca e San Pietroburgo nel 2019. Per lo più ho preso taxi Yandex per spostarmi. Tutti i tassisti erano semplicemente fantastici. Nessuna guida avventata”, scrive shivajibhaskar.

“I russi sono stati i primi ad adottare in massa le dash cam, le telecamere da cruscotto. È per questo che su Internet ci sono molti più video di incidenti provenienti dalla Russia che da qualsiasi altra parte del mondo, e questo dipinge un’immagine pessima dei guidatori russi. Ho vissuto nel Regno Unito, in Australia, in Russia, negli Stati Uniti e ora vivo in Spagna. Sono stato a San Pietroburgo per quasi 11 anni. In realtà, ho trovato che la guida era sicuramente un po’ diversa dall’Europa, ma dopo un po’ di abitudine era completamente ok, senza grandi stress. Anche mia moglie guidava tutti i giorni. L’unico danno alla macchina in 11 anni lo abbiamo avuto quando del ghiaccio è caduto dal tetto del nostro casamento!”, racconta cgrubb99.

“Non va così male in Russia. Ho visitato quattro città e non ho vissuto nessun momento choc in macchina. Solo una o due esperienze di guida veloce di notte a Sochi, niente di più”, testimonia Himanshu Dahiya.

“Dopo oltre 25 anni di viaggi in Russia ogni due anni, finalmente ho noleggiato un’auto nel nostro ultimo viaggio (nel Territorio di Krasnodar). Niente di che. Le regole generalmente venivano seguite e uno stile di guida standard un po’ prudente ha evitato ogni problema. Non ho guidato di notte però…”, dice Christopher L.Wendt.

“Certe cose non sono immaginabili per gli olandesi”

Tuttavia, le strade russe continuano a impressionare molti viaggiatori. “I Paesi Bassi sono così piccoli che è molto facile mantenere tutte le strade in buone condizioni, e qualsiasi meta tu voglia visitare troverai un ottimo manto stradale. E poi ci sono stazioni di servizio ovunque, e officine di riparazione. I passaggi a livello vengono chiusi automaticamente se un treno si avvicina e quasi non ci si accorge di passare sopra i binari perché sono fatti in modo da consentire un passaggio molto morbido ai veicoli, tanto che non occorre ridurre particolarmente la velocità. Lo stile di guida degli olandesi non è sempre esemplare: egocentrici e scortesi, sembrano spesso non considerare gli altri utenti della strada.

Ma ho guidato in Russia. E la prima volta che ho provato ad attraversare una ferrovia la mia macchina è quasi andata in pezzi, perché non sapevo che ci fosse un tale dislivello tra strada e la ferrovia. Inoltre una volta mi hanno detto che se la macchina non si metteva in moto avrei dovuto tirare fuori il martello dal vano portaoggetti e poi colpire il blocco motore alcune volte. E sarebbe partita (l’ho fatto e ha funzionato). Queste cose non sono immaginabili per gli olandesi, ma mi piacciono”, dice hoofdrus.

Bisogna fare attenzione alle buche! In Russia lo fanno tutti. “Dopo aver guidato a Napoli, guidare in Russia è fantastico. Devi solo fare attenzione ai conducenti che improvvisamente cercano di evitare le buche e deviano dalla traiettoria”, commenta Nicolò Maffeis.

Ma ci sono anche aspetti positivi, secondo Paolo Miserini: “Vivo in Russia, ci sono molti guidatori pazzi e le strade non sono sempre le migliori, ma le riparano più velocemente che nel mio Paese (l’Italia) e c’è di più rispetto tra i guidatori.

Un rapporto di amore-odio

Nonostante tutto, il mondo si divide in due: quelli che sono al settimo cielo per l’esperienza di guida in Russia e quelli che pregano di non doversi mai più ritrovare in un inferno simile. 

“Sono andato a Saratov con la mia ragazza (lei viene da lì) per le vacanze. In tre settimane ho visto più incidenti e cose strane sulla strada che in tutta la mia vita in Francia. Ho anche notato che mettere la cintura di sicurezza è considerato totalmente inutile e strano. Alla fine ho ammirato le capacità di guida della mia ragazza”, scrive dadastaus.

“Nessuna grande differenza con la Germania. Nelle grandi città tedesche molti guidatori sono parecchio aggressivi. A Nizhnij Novgorod ho notato un traffico più rilassato rispetto a Francoforte. E il conto alla rovescia dei secondi ai semafori in Russia rende i conducenti più rilassati”, ritiene knt_Imn.

“Dopo aver guidato in Turchia, qui è semplicemente meraviglioso!”, dice allan_rousu.

“Vivo in Asia da oltre dieci anni. Quando vengo in Russia, mi sento molto sicuro mentre attraverso le strade. Qui nelle Filippine, ad esempio, le auto non si fermano nemmeno se attraverso la strada con un bambino in carrozzina sulle strisce pedonali. In Cina va un po’ meglio, ma un guidatore può mettere la freccia a destra e svoltare a sinistra, o cose così. Quello che ho scoperto è che i conducenti russi sono molto attenti ai pedoni da quando il governo ha alzato le multe”, dice veraleto.

“È molto meglio che nel mio Paese (l’India). E guido in Russia da 3 anni”, assicura anuraganilkumar.

“È spaventoso rispetto alla Finlandia dove vivo. I russi guidano molto velocemente e possono sorpassarti anche a destra se non sei abbastanza veloce”, dice katiablomberg.

“È proprio come in Romania, il traffico è sostenuto e rumoroso”, conclude Andra Neacșu.


Al volante: tutto quello che dovete sapere se siete stranieri e volete guidare un’auto in Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie