In Siberia sorgerà un nuovo centro culturale futuristico

Kemerovo city hall; COOPHIMMELBLAU
Il progetto, ideato da uno studio d’architettura austriaco, rivoluzionerà un intero quartiere di Kemerovo, la città del carbone, creando nuovi spazi per l’arte e la cultura

La città siberiana di Kemerovo (a 3.600 km da Mosca), famosa per le sue miniere di carbone del Kuzbass, si prepara ad accogliere un nuovissimo complesso museale e teatrale. Il progetto, disegnato dallo studio di architettura austriaco Coop Himmelb(l)au, sarà realizzato entro il 2024. Per il team di architetti di fama internazionale si tratta del primo lavoro in Russia.  

I residenti della regione hanno avuto la possibilità di ammirare il progetto in anteprima e di esprimere il proprio parere con le autorità. 

Il complesso è stato pensato nello stile del Decostruttivismo, tipico dell'architettura postmoderna e più volte utilizzato da altri architetti come Zaha Hadid e Rem Koolhaas. Fra i materiali utilizzati spiccheranno soprattutto il ferro e il vetro: una combinazione voluta per conferire un aspetto di leggerezza alla struttura, simile al cristallo o alle nuvole. 

Il complesso diventerà il nuovo polo culturale della città e ospiterà le sedi di alcune istituzioni come il Teatro Mariinskij, il Museo di Stato russo e il Kuzbass Art Center. Il nuovo edificio occuperà un intero quartiere del centro, lungo la riva del fiume Iskitimka. 

Appositamente per il complesso verrà realizzata un’elevazione artificiale del paesaggio, visibile anche da lontano; l’area circostante, poi, sarà oggetto di un restauro e verrà trasformata in un parco pittoresco. 

Si prevede inoltre di realizzare una sala teatrale con 950 posti a sedere, un museo e studi d’arte, oltre a bar, ristoranti, zone VIP, una sala prove; è previsto anche un ampio parcheggio sotterraneo, che andrà così a supplire una delle principali esigenze dei cittadini.



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie