Che aspetto ha la Rubljovka, il quartiere più lussuoso dell’intera Russia? (FOTO)

Reuters
In questa zona poco fuori Mosca vivono tutti i pezzi grossi del Paese, ma da turisti o curiosi sarà difficile anche solo immaginare la sfarzosità delle loro residenze: vedrete solo invalicabili muri di cinta

“Ed ecco la celebre Rubljóvka, quartiere d’élite di Mosca, qui nei ristoranti non ti danno il menù ma il libro delle specie in via d’estinzione”. Così veniva descritta la Rubljovka nel popolare programma televisivo umoristico “Nasha Rasha” (gioco di parole tra “nasha”; “nostra”, e la pronuncia inglese di “Russia”), dove una serie di sketch era dedicato ai senzatetto della Rubljovka, Sifon e Borodà. I due,  rovistando nella spazzatura, trovavano costantemente borse Gucci o biglietti per viaggi in Egitto e nutrivano i gatti randagi con il caviale rosso buttato via dai ricchi.

Villa Barvikha, area relax nella libreria

La Rubljovka è un insieme di insediamenti d’élite (Barvikha, Razdory, Zhukovka, Usovka e Gorki), 10 chilometri a ovest di Mosca, dove vivono politici russi, oligarchi, generali, vertici della Chiesa ortodossa russa e rappresentanti del mondo dello spettacolo. Rubljovka è un nome non ufficiale, non lo troverete sulla mappa, ma è rimasto attaccato addosso a quest’area grazie a giornalisti, scrittori contemporanei, agenti immobiliari e persino autori di film comici, che, per brevità, hanno designato così il territorio in cui si sono stabiliti compatti a vivere i personaggi più ricchi e famosi della Russia.

A prima vista, la maggior parte dei villaggi è solo una strada stretta tra alte recinzioni e muri invalicabili; i ricchi locali preferiscono nascondere il loro lusso e sembrano ossessionati dalla sicurezza e dalla privacy.

LEGGI ANCHE: Perché i russi sono così fissati con le recinzioni? 

Negli ultimi anni, il luogo ha perso un bel po’ della sua attrattiva e un sacco di immobili sono stati posti in vendita: a novembre 2020 ci sono più di 1.000 ville e cottage d’élite di questa zona in vendita sui siti specializzati. Per l’immobile più costoso serve un assegno da 17 miliardi di rubli (188 milioni di euro). 

Alcuni sembrano astronavi più che case… Come questo, progettato da Zaha Hadid, che a quanto pare era un regalo Vladislav Doronin a Naomi Campbell al tempo del fidanzamento. Con lo sconto, costa sui 6,5 miliardi di rubli (72 milioni di euro):

La Capital Hill Residence realizzata da Zaha Hadid

Altri sono come una versione pacchiana della casa di Barbie.

La maggior parte degli edifici sono arredati in modo molto kitsch: con letti in oro, tende leopardate e sedie dorate.

In ognuna di queste ville si possono trovare diversi soggiorni con camini, svariate camere da letto, almeno cinque bagni, uffici, nonché le proprie saune, cinema privati, sale biliardo, cantine e così via. E questo senza contare gli enormi territori con boschi, giardini o stalle per i cavalli.

Funzionari e oligarchi si recano a Mosca per lavorare, ma le loro donne possono stare a casa tutto il giorno o andare al Barvikha Luxury Village, un complesso di edifici che combina un centro commerciale, ristoranti, un hotel, un centro benessere e una sala concerti.

“La sala da concerto è il centro di questo villaggio di lusso, l’unico posto della Rubljovka che la fa sembrare un insediamento di persone rispettabili, e non una cooperativa di proprietari di dacie, dove ogni casa è diventata un castello”, ha scritto il critico di architettura Grigorij Revzin sulla sala da concerto, tra le cui mura, negli anni si sono esibiti personaggi del calibro di Elton John, Tom Jones ed Erykah Badu. Con il passare del tempo il repertorio è diventato più “filo-russo”: oggi si tengono spettacoli russi, e vi si esibiscono comici e rapper nazionali.

Ci sono molti ristoranti alla Rubljovka, ma pochi davvero di rango. Secondo il giornale “Proekt”, il “Veterok” è il ristorante a conduzione familiare dove i miliardari vanno con mogli e figli per mangiare khachapuri, la tipica focaccia georgiana ripiena, di lusso e rilassarsi sulla terrazza.

Elton John prima del concerto al Barvikha Luxury Village

Un altro ristorante, “Tsarskaja Okhota”, è il luogo di riposo preferito dai funzionari statali. All’interno, assomiglia a una tradizionale isba russa: i piatti sono cucinati in una vera stufa russa, e le pareti di legno sono decorate con monete antiche, tende di tessuto elaborate e ritratti degli zar.

Un’isba più moderna con pizza, sushi e cucina uzbeka è la “Veranda u Dachi”. Lì si possono incontrare spesso celebrità e giovani, in particolare ragazze dall’aspetto di modelle.

Tuttavia, persone del tutto comuni vivono sulla vicina via di grande comunicazione Rubljovo-Uspenskoe. Nel villaggio “Gorki-10”, ad esempio, ci sono molte case prefabbricate di quelle che si vedono ovunque in giro per la Russia.

Il centro multifunzionale del piccolo villaggio “Uspenskoe”, dove le persone ricevono vari servizi statali, si trova in una vecchia casa di legno. A un paio di minuti a piedi da essa, la chiesa locale della Dormizione della Vergine (in russo: “Uspenija Bogoroditsy”), è modesta ma ben curata.

La chiesa dell'Assunzione della Beata Vergine Maria nel villaggio di Uspenskoe

Il centro multifunzionale nel villaggio di Uspenskij, Rublevka

E a meno di dieci chilometri dalla chiesa si trova la residenza del presidente russo Vladimir Putin, a Novo-Ogarjovo.

La residenza di Novo-Ogarevo a Barvikhinskoe

A un paio di chilometri dalla residenza ci sono un’altra chiesa, quella del Salvatore (Spasskaja), delle zone residenziali piuttosto povere, e la stazione ferroviaria di Usovo, che ricordano la vita nel resto della Russia fuori dalla lussuosa Rubljovka.

La chiesa del Salvatore

La stazione ferroviaria di Usovo


Chi sono gli “oligarchi” russi? Ed esistono davvero? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie