Com’è finire in un ospedale russo se ci si ammala di Covid-19?

Sergej Kiselev/Moskva Agency
Anche in Russia l’epidemia ha ripreso forza. Dalla metà di ottobre i nuovi casi non sono mai meno di 16 mila al giorno e gli istituti sanitari cominciano a essere in affanno

Quando il tennista americano Sam Querrey (attualmente 50° nella classifica mondiale Atp), insieme a sua moglie, la modella Abby Dixon, e al loro bambino di otto mesi, è volato a San Pietroburgo per disputare il St. Petersburg Open (ATP 500) a metà ottobre, certo non immaginava quello che stava per succedergli. All’arrivo in Russia si è sottoposto a un test di routine per il Covid-19 che ha dato esito negativo. Ma prima del torneo è stato nuovamente testato e questa volta il risultato del tampone si è rivelato positivo, come anche nel caso di sua moglie. Quindi la famiglia è stata messa in quarantena nell’hotel a cinque stelle in cui pernottava. Si preannunciavano due settimane in condizioni di lusso.

Tuttavia, presto il tennista ha ricevuto una chiamata da parte delle autorità sanitarie russe, e si è molto spaventato. A quanto ha capito, avrebbero mandato un medico a controllare la presenza di sintomi e se questi fossero stati presenti, i Querrey sarebbero stati ricoverati in ospedale.

L’atleta, che riteneva di avere sintomi lievi, ha deciso di non aspettare la decisione dei medici. Terrorizzato dall’idea di finire in un ospedale russo, ha organizzato la fuga della famiglia dalla Russia noleggiando un jet privato. Sì, contrariamente a tutti i protocolli di sicurezza! Ha volato in coda all’aereo per essere il più lontano possibile dai piloti, dirigendosi in “un Paese europeo” dove non è richiesto il test negativo in dogana. Lì ha affittato un appartamento su Airbnb. Querrey, che ha 33 anni, ora rischia fino a 100.000 $ di multa e una sospensione di tre anni dai tornei.

Ma un ospedale russo fa così paura? In rete i russi hanno preso in giro il tennista, così spaventato da una struttura medica russa, ma c’è stato anche chi ha sostenuto Querrey, dicendo di comprendere il suo desiderio di fuggire a ogni costo dalla medicina russa. Perché, dicevano quei commentatori, quanto sarà buono l’ospedale in cui finisci è “una questione di pura fortuna”.

LEGGI ANCHE: Come funziona la sanità pubblica gratuita in Russia? 

Buone condizioni, ma non per tutti

A dire il vero, uno come Sam Querrey che può permettersi un jet privato, non aveva niente di cui temere. A differenza di tanti russi, in caso fosse davvero dovuto andare in ospedale, avrebbe potuto permettersi, e pagando meno del volo con cui è fuggito, la migliore clinica privata della città. Il costo del soggiorno per i pazienti con Covid-19 varia da città a città, ma quasi tutte le cliniche private operano chiedendo un anticipo di circa 300-400 mila rubli (3.200-4.400 euro) e poi una tariffa giornaliera. Ad esempio, un giorno nella clinica di Mosca “К+31” costa 50 mila rubli (550 euro) per i pazienti in forma lieve; 75 mila rubli (825 euro) se il loro stato è medio, 90 mila rubli (990 euro) se sono gravi. Quando sono necessarie la rianimazione e la ventilazione polmonare meccanica, un giorno costa almeno 120 mila rubli (1.320 euro).

Il Centro di Osservazione allestito presso il Centro espositivo e di convegni di Sokolniki

Dato che tutto questo è disponibile solo per i clienti facoltosi, ci sono posti liberi per cure a pagamento anche al culmine della pandemia. La maggior parte dei russi è invece curato gratuitamente dal sistema statale. All’inizio, a Mosca, tutti i contagiati e le persone con sospetto di coronavirus venivano ricoverate in due ospedali specializzati in malattie infettive, nonché nel nuovo complesso della Kommunarka, alle porte di Mosca, diventato il “principale ospedale covid” del Paese.

A marzo, una delle pazienti di quel nosocomio, Katerina Nazarova, ha detto che l’ospedale era come la “Umbrella Corporation” del videogame “Resident Evil”: “I corridoi sono ampi e deserti. Sono in una camera doppia da sola. La stanza ha il proprio bagno con doccia e tv al plasma. Una o due volte al giorno lavano il pavimento e tutte le superfici con candeggina, e anche se un paio di volte lo hanno pulito alla meglio, di solito lo fanno molto scrupolosamente. Cinque volte al giorno chiedono se c’è spazzatura da portare via”.

Kommunarka

Le visite erano iniziate subito. Raccontava Katerina a marzo: “Non sono mai stata esaminata in modo così approfondito in vita mia. Abbiamo fatto molti test. Anche nel reparto di accettazione, mi hanno immediatamente prelevato tamponi dal naso e dalla gola per il coronavirus, sangue, urina in due provette, mi hanno fatto un elettrocardiogramma, e una tac dei polmoni. Recentemente mi hanno tolto il sangue per le analisi biochimiche”.

“Cinque pasti al giorno, tutto il cibo è in contenitori monouso individuali, l’acqua bollente per il tè viene portata a ciascuno separatamente e versata direttamente nella tazza. C’è Internet, puoi continuare a lavorare da remoto. La comunicazione con la famiglia e gli amici è solo virtuale. La clinica è divisa in un’area rossa (dove stanno i malati di Covid-19) e una verde (pulita). Nessuno, tranne il personale, può entrare nella zona rossa.”

Kommunarka

“Ti puoi far portare cose da casa. E il servizio è organizzato molto bene, non come nei normali ospedali, dove le consegne possono avvenire solo dalle due alle cinque. Qui ti possono portare un pacco dal mattino fino alle 22. E ti viene consegnato ogni due o quattro ore”, aveva raccontato Katerina.

In quegli ospedali in cui la divisione in zona rossa e verde non erano originariamente previste, è stata effettuata una riorganizzazione. “Con il Covid, le operazioni pianificate si sono fermate. Abbiamo creato un percorso chiaro: nell’edificio di cinque piani ci sono aree pulite e aree Covid, e precise indicazioni su come devono arrivare i pazienti, come devono essere attrezzate le camere di disinfezione e formato il personale. Sono stati appesi adesivi rossi e verdi con scritte chiare ovunque. Le sedie sono state rimosse dalla sala conferenze. Ora lì ci sono letti per il riposo del personale e uno spogliatoio. Il reparto di radiologia è diventato una sala visite, le stanze di fisioterapia sono diventate un’area di riposo, dove i medici dormono sui lettini da massaggio”, ha detto un rianimatore di San Pietroburgo, che ha voluto restare anonimo.

L'ospedale allestito nel palazzetto del ghiaccio di Krylatskoye

Ma con il tempo, la crescita del numero di pazienti (al 28 ottobre, 1.563.976 russi hanno contratto l’infezione; 16.202 nelle ultime ventiquattr’ore; qui i dati sempre aggiornati) ha costretto le autorità sanitarie a ridisegnare ospedali non centrali in tutto il Paese, nonché ad aprire ospedali di riserva (a Mosca si trovano nei padiglioni della Fiera e nel Palazzetto del ghiaccio). E in provincia la situazione è molto diversa dallo stato delle cose nelle nuove cliniche di Mosca.

Il Centro di Osservazione allestito presso il Centro espositivo e di convegni di Sokolniki

Bisogna portarsi il letto da casa

La pandemia di Covid-19 ha messo in luce due principali carenze della riforma sanitaria, attuata nel 2014-2015, rilevate il 28 marzo, nella prima ondata, dal capo economista di VEB.RF, l’agenzia statale per lo sviluppo, Andrej Klepach. La riforma ha portato a una riduzione del numero di letti negli ospedali, dei medici di malattie infettive, degli infermieri e di tutto il personale socio sanitario. Di conseguenza, tutto ciò ha influito sulla prontezza nel rispondere a una pandemia: a fine settembre, il ministero della Salute russo ha affermato che l’89% dei letti per i malati di Covid-19 erano già occupati. In alcune regioni, ad esempio, nel Territorio dell’Altaj, al 28 settembre il 97% (2111 su 2168) era occupato.

Il “Kommersant” riferisce che i reparti diagnostici non sono in grado di far fronte all’afflusso di pazienti in attesa di una Tac dei polmoni, che a volte devono rimanere per 6-8 ore in coda. E non si può ricoverare una persona senza i risultati della Tac, secondo i protocolli. Il marito della moscovita Anastasia ha dovuto aspettare diverse ore per le procedure e l’appuntamento dal medico: “Per tutto questo tempo è stato in corridoio con una temperatura di 39, e c’erano da 6 a 15 persone come lui lì attorno. Quando si è sottoposto alla Tac, si è scoperto che aveva meno del 25% dei polmoni danneggiati e quindi gli è stato negato il ricovero ed è tornato a casa in taxi. Ma ora lui sta male e il dottore non viene a visitarlo a casa”, racconta. A Ufà, i pazienti devono attendere anche 12 ore per l’esame.

Il Centro di Osservazione allestito presso il Centro espositivo e di convegni di Sokolniki

“Non tutti ora vengono ricoverati in ospedale: se il danno polmonare è inferiore al 45% e la saturazione di ossigeno è soddisfacente, vengono mandati via per essere curati in regime ambulatoriale”, conferma Sergei M., medico di Pronto Soccorso nella Regione di Mosca.

In alcune regioni il ricovero è negato, per via della mancanza di posti letto, anche a chi ha un danno polmonare significativo. Ciò è avvenuto nella regione di Orenburg, a un residente di Novotroitsk, e finora le autorità non hanno commentato questa situazione. Anche in uno degli ospedali di Lipetsk [a 465 km da Mosca] i reparti sono sovraffollati e i medici devono cercare una via d’uscita, tipo accettare in ospedale chi può portarsi da casa un letto. “Altrimenti, dicono che le persone saranno tenute e curate sulle sedie”, dice Denis Vlasov, che ha portato sua suocera di 70 anni in ospedale (portando anche una brandina da casa, come richiesto).

L'ospedale allestito nel palazzetto del ghiaccio di Krylatskoye

Il 25 settembre, un infermiere, Artjom Boriskin ha pubblicato un video sul suo Instagram: una fila di 20 ambulanze che portavano i pazienti per la Tac o per il ricovero all’ospedale. “Pensate a quante squadre non possono lavorare mentre restano in fila con i pazienti con sospetto Covid”, ha scritto. Le ambulanze devono stare in coda e durante il ricovero in ospedale i pazienti possono entrare uno alla volta al pronto soccorso e, a causa di un complesso iter burocratico, la registrazione spesso dura circa un’ora; per tutto questo tempo, le ambulanze con i pazienti restano ferme in attesa.

Per questo motivo, anche chi chiama l’ambulanza a casa a volte deve aspettare molto tempo. Azamat Mustafin, coordinatore della sezione di Magnitogorsk del sindacato del personale sanitario “Dejstvie”, ha detto a “Znak.com”: “È molto difficile per le persone con la febbre far venire un medico a casa, e devono aspettare un’ambulanza per almeno due giorni”.

Allo stesso tempo, non tutti gli ospedali hanno una chiara divisione in zone. “Il confine tra zona rossa e verde è molto sfocato. Le aree verdi sono piene di persone infettate dal Covid; l’isolamento non funziona. La visita di pazienti Covid e non Covid viene eseguita negli stessi reparti. Può fare la Tac prima un paziente sano e subito dopo un malato i viceversa”, dice Sergej K., un medico di terapia intensiva di Mosca, a “Mash”. Non tutti sono fortunati con le condizioni delle stanze. Nessuna doccia o tv al plasma. Spesso è difficile anche trovare un posto libero per essere ricoverati.

Oggigiorno ci sono problemi anche nei principali “ospedali Covid” di Mosca. Una fonte della Kommunarka ha detto che recentemente il numero di pazienti in ospedale è raddoppiato e la maggior parte di loro ha un quadro clinico più grave rispetto alla primavera. Denis Protsenko, il primario dell’ospedale, ha spiegato la fila delle ambulanze proprio con l’aumento del numero di casi. “La velocità con cui la situazione sta peggiorando è molto allarmante”, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: Cinque medici e infermieri russi divenuti noti al grande pubblico dopo l’epidemia di Covid-19 

Molti cercano di risolvere il problema della mancanza di posti dimettendo i pazienti. Ora questo è ufficialmente consentito anche in assenza di un risultato negativo del test; non bisogna più attendere, insomma, fino alla completa guarigione e negativizzazione. Il paziente viene dimesso se non ha febbre e insufficienza respiratoria, e continua le cure in isolamento a casa.


La Russia sta sviluppando in contemporanea diversi vaccini contro il Covid-19: ecco perché 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie