In Russia c’è una nuova famiglia in testa alla top ten dei miliardari

Mikhail Metzel, Artem Geodakyan / TASS; AFP
La crisi del Covid-19 ha dato una scossa alla classifica annualmente stilata da “Forbes”. Ecco chi ha il portafoglio più gonfio

1 / Rotenberg – 5,45 miliardi $

Arkadij e Boris Rotenberg al Gran Prix di Formula 1 a Sochi, 2017

La famiglia Rotenberg è entrata in questa classifica dei maggiori patrimoni privati per la prima volta nel 2014, ma fino a quest’anno non era mai salita al primo posto. Durante questo periodo, molto è cambiato nella loro attività.

Arkadij e Boris Rotenberg hanno concluso contratti con Gazprom, il più grande fornitore di gas naturale al mondo. In particolare, hanno costruito quasi 1.500 km del gasdotto “Forza della Siberia” (“Sila Sibiri”) verso la Cina. E il figlio di Arkadij, Igor, è il proprietario di maggioranza di “Gazprom burenie” (“burénie” in russo significa “trivellazione”), che riceve ordini per il 95% da Gazprom.

La seconda “specializzazione” dei Rotenberg è quella delle infrastrutture. Hanno costruito la maggior parte del Ponte di Crimea attraverso lo stretto di Kerch (per il quale i Rotenberg sono stati colpiti dalle sanzioni americane dal 2014, e Arkadij anche da quelle europee) e sono coinvolti nei più grandi progetti di costruzione del Paese per un valore di trilioni di rubli. Anche Lilia, la figlia di Arkadij, è nell’azienda di famiglia: è comproprietaria di TPS Real Estate, una società che costruisce centri commerciali e di intrattenimento.

Infine, nel conquistare il primo posto, i Rotenberg sono stati aiutati dal panico generale del marzo di quest’anno, dopo il lockdown per la pandemia di Covid-19. Mentre altri miliardari russi stavano diventando più “poveri”, la fortuna di questa famiglia è cresciuta di oltre 200 milioni $ in una sola settimana! Grazie a una sapiente riorganizzazione aziendale.

2 / Gurjev – 5,1 miliardi $

Andrej Gurjev partecipa al Campionato Mondiale di Scacchi 2016 a New York

L’ex senatore Andrej Gurjev è diventato il re dell’agrobusiness, come importante produttore di fertilizzanti. La società PhosAgro, che ora è guidata da suo figlio, è stata creata all’interno del gruppo Menatep di Mikhail Khodorkovskij, e da esso si è separata dopo l’affaire Yukos.

PhosAgro è la risorsa principale della famiglia Gurjev, i cui membri vivono a Londra, nella zona di Highgate, e sono i beneficiari del trust. Il fondo di famiglia investe nel settore immobiliare. Forse la sua acquisizione più notevole è la villa Witanhurst di 65 stanze da parte di Gurjev padre: è la casa privata più costosa di Londra (stimata in 450 milioni $) e la seconda residenza più grande di Londra dopo Buckingham Palace.

3 / Gutseriev –  3,2 miliardi di dollari

Mikhail Gutseriev e la cantante Polina Gagarina durante il concerto

Petrolio, carbone, proprietà immobiliari, due grandi fondi pensione, catene di supermercati: questo è ciò con cui la famiglia Gutseriev ha fatto fortuna. Nel 1994, il capo della famiglia, Mikhail Gutseriev, è stato in grado di acquistare un aereo, fornendo prodotti petroliferi a tre aeroporti di Mosca contemporaneamente. Poi è diventato quasi l’unico che, avendo perso i suoi beni nella lotta contro i concorrenti nei primi anni 2000, è riuscito a tornare in sicurezza dall’emigrazione, rilevare la sua stessa attività (con debiti impressionanti) e incrementare il suo capitale. Oggi i ruoli più importanti nell’azienda di famiglia sono ricoperti dallo stesso Mikhail, che dirige Russneft, e da suo fratello minore, il milionario (in dollari) Sait-Salam, e dal figlio di sua sorella, il banchiere Mikail Shishkhanov.

Erano stati i Gutseriev, negli ultimi cinque anni, a detenere la testa della classifica dei più ricchi. Ma la crisi del coronavirus ha svalutato vari loro progetti immobiliari e ha fatto crollare le quotazioni della loro compagnia petrolifera “Russneft”. Tuttavia, la famiglia si è persino adattata alla pandemia impegnandosi in opere di beneficenza: al suo apice, sette hotel deserti della famiglia Gutseriev, incluso il National, sono stati dedicati ad accogliere i medici, e in quattro di loro tutte le spese sono state coperte da Mikhail.

4 / Shajmiev – 2,85 miliardi $

Ajrat e Radik Shajmiev

Ajrat e Radik Shajmiev sono i figli del primo presidente del Tatarstan, Mintimer Shajmiev e sono gli uomini d’affari più ricchi di questa repubblica sul Volga. Hanno fondato l’impero petrolchimico TAIF, che comprende diverse imprese e una rete di distributori di benzina. La holding ha iniziato a privatizzare le più grandi imprese della regione durante la presidenza di Shajmiev, e in questo modo ora il 96% della chimica, della petrolchimica e della lavorazione del petrolio e del gas del Tatarstan è concentrato sotto il controllo di TAIF. Ajrat è anche il capo di una delle più grandi imprese nel settore stradale della repubblica, “Tatavtodor”. I due fratelli sono i residenti più ricchi del Tatarstan.

5 / Evtushenko – 2,3 miliardi $

Vladimir Etushenko alla festa per il 15° anniversario del Crocus City Mall di Mosca, 2017

Negli ultimi anni, l’uomo d’affari Vladimir Etushenko ha attraversato momenti difficili: è stato agli arresti domiciliari con un braccialetto elettronico alla gamba, ha perso la compagnia petrolifera Bashneft (e tre quarti della sua fortuna), ma è riuscito a non finire in carcere e a mantenere la sua risorsa principale: la società di investimento “AFK Sistema”. Il contenzioso con Rosneft, che ha accusato Evtushenko di acquisizione illecita di azioni di Bashneft e di riciclaggio di denaro, ha quasi portato al crac AFK Sistema, ma le parti hanno poi trovato n accordo. “Negli affari succede sempre così: perdi qualcosa, ma vai avanti”, ha detto Evtushenko, che, dopotutto, continua a essere una delle persone più ricche del Paese. Suo figlio Feliks lavora in AFK Sistema da oltre vent’anni, contribuendo ad aumentare la fortuna privata della famiglia.

6 / Bazhaev – 1,9 miliardi $

Musa Bazhayev nel palazzetto del ghiaccio Arena Krasnoyarsk

Nell’autunno del 2014, i fratelli Bazhaev, nativi di un villaggio ceceno, hanno lasciato l’attività petrolifera e si sono dedicati ai metalli preziosi. Insieme con il nipote Deni (uno degli scapoli più ricchi in Russia), gestiscono ora miniere di platino nel Territorio di Krasnojarsk e nell’Estremo Oriente e un giacimento d’oro in Kirghizistan. Nello stesso anno i tre hanno acquistato il resort di lusso Forte Village in Sardegna per 180 milioni di euro. Uno dei fratelli, Mavlit, sta investendo anche nel settore immobiliare nella Repubblica Ceca e in Slovacchia con suo figlio Mansur.

7 / Rakhimkulov – 1,8 miliardi $

I fratelli Timur e Ruslan Rakhimkulov sono diventati miliardari grazie al padre Megdet Rakhimkulov, ex dirigente della filiale di Gazprom in Ungheria. Megdet acquistava azioni di società ungheresi con i proventi ricevuti dal commercio del gas. Tra le principali attività di famiglia ci sono la più grande banca ungherese, OTP Bank e la società magiara del settore gas MOL.

Nel 2007, quando era il residente fiscale più ricco dell’Ungheria, Megdet è tornato da Budapest a Mosca, e ora ha intenzione di passare al figlio avuto dal primo matrimonio, Rinat, le azioni Gazprom che possiede direttamente. Si tratta di un portafoglio di circa 4,5 milioni di dollari.

8 / Sarkisov – 1,7 miliardi $

Il regista e produttore Sergej Sarkisov, a sinistra, con il fratello Nikolaj Sarkisov

I fratelli Sergej e Nikolaj Sarkisov possiedono il gruppo RESO, il cui asset principale è una delle più grandi compagnie di assicurazione in Russia “RESO-Garantia” di cui possiedono il 60,6% delle azioni, mentre un altro 36,7% è di più grandi gruppi assicurativi e di investimento del mondo, la francese AXA.

Sergej Sarkisov ha anche un lavoro diplomatico alle spalle; è stato il console generale dell’Armenia a Los Angeles. E da molto tempo è coinvolto nel mondo del cinema (nel 2015 si è diplomato in regia), e suo figlio Nikolaj ha seguito le stesse orme: insieme gestiscono la società di produzione Blitz Production a Hollywood. I Sarkisov sono poi proprietari di 115 ettari di terreno a Monaco, tre case a Los Angeles, una villa a Londra, un castello in Francia e altre proprietà immobiliari in tutto il mondo.

9 / Linnik – 1,35 miliardi $

Viktor Linnik

“La gente deve pensare allo sviluppo del proprio Paese, e non a prosciutto e parmigiano”, ha detto Viktor Linnik nel 2019, quando ha lanciato un’iniziativa di legge per vietare ai privati l’importazione anche in minime dosi, quando tornano dalle vacanze, di salumi e formaggi dall’estero.

Lo stesso Viktor, insieme al fratello gemello Aleksandr, ha fatto fortuna importando prodotti a base di carne in Russia. Nel 1995 fondarono l’azienda Miratorg, specializzata nell’importazione di carne bovina e suina dall’America Latina. Gli agro-miliardari ora posseggono terreni agricoli in diverse regioni del Paese e Miratorg è il più grande produttore di carne di maiale in Russia.

10 / Mikhajlov – 1,1 miliardi $

Sergej Mikhailov

Ecco un’altra famiglia di miliardari che si è arricchita con la carne. Possiedono il gruppo Cherkizovo, il più grande produttore di carne in Russia, e tutte le azioni dell’azienda sono divise tra i membri della famiglia. Il pacchetto principale appartiene alla madre, Lidia Mikhailova (29,5%), e le restanti quote appartengono ai suoi due figli e alla nipote. Tuttavia, Lidia vive in Europa e non partecipa agli affari dell’azienda: l’intera attività con i suoi numerosi allevamenti di pollame e di suini le è stata intestata dal suo ex marito, Igor Babaev, che ne aveva preso possesso in seguito alle privatizzazioni degli anni Novanta. I figli sono i veri responsabili dell’impero della carne.

Igor Babaev, nel frattempo, è passato ad altri settori: ha unito diversi ex kolkhoz (le fattorie collettive sovietiche) e coltiva grano. Inoltre ha iniziato a costruire villaggi di cottage d’élite.


Dove hanno la residenza i miliardari russi? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie