Il punto sul coronavirus in Russia: almeno 1.000 morti e 100.000 contagi

Keystone Press Agency/Sergej Mikhalchenko/Global Look Press
Oltre 7.000 nuovi casi nelle ultime 24 ore; più di 11.000 guariti, 3 milioni e mezzo di tamponi effettuati dall’inizio della crisi. Focolaio principale resta Mosca

In Covid-19 in Russia non si arresta. Al 30 aprile 2020 si contano 106.498 casi in tutto il paese (+7.099 rispetto a ieri) e 1.073 decessi (+ 101). Lo riferisce l’unità di crisi incaricata della lotta contro la pandemia.

Focolaio principale resta Mosca, dove si registra oltre la metà dei malati (53.739); seguono la Regione di Mosca (11.710), San Pietroburgo (4.062), la regione di Nizhnij Novgorod (1944) e la Repubblica del Daghestan (1.389).

Nella Federazione, salita all’ottavo posto tra le nazioni più colpite dal virus secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono guarite 11.616 persone, e dall'inizio della crisi sanitaria sono stati effettuati 3,49 milioni di tamponi.

Il picco di contagi, secondo gli specialisti, non è ancora arrivato, ragion per cui nei giorni scorsi il presidente Putin ha annunciato un prolungamento del lockdown fino all’11 maggio. Le riaperture per ora dipenderanno dall’evoluzione della situazione, mentre le frontiere resteranno chiuse agli stranieri fino a quando la lotta contro il Covid-19 non sarà completata e la situazione epidemiologica in Russia migliorerà. 



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie