Come affrontare la burocrazia russa e uscirne vincitori

Sputnik
L’importante è non scoraggiarsi, essere decisi ma non maleducati, e soprattutto non farsi venire la tentazione della corruzione. Abbiamo raccolto per voi un po’ di consigli utili. Buona fortuna!

Quando parliamo di “burocrazia russa” intendiamo un gran numero di enti: non solo il governo federale, ma anche i governi delle regioni e i funzionari della sfera giudiziaria e delle forze di polizia. Lo sapevate, per esempio, che ogni condominio in Russia ha le sue “autorità”? (Si tratta delle persone che gestiscono l’alloggio e dei servizi comunali). Se il lavandino si rompe o il gabinetto s’intasa, dovrete avere a che fare con queste persone. Ma attenzione: si comportano prevalentemente in modo straziantemente burocratico. Ecco come affrontarli. 
“La Sindrome del guardiano”

Sfortunatamente, in Russia, i dipendenti pubblici non si percepiscono come al servizio della gente, ma piuttosto come padroni assoluti delle loro sfere di competenza. Tutto ciò proviene dritto dritto dal XVI secolo, quando c’erano pochi funzionari civili, ma erano molto potenti. A quei tempi, per ottenere qualcosa dallo Stato (come la protezione o alcuni privilegi commerciali) bisognava corrompere i funzionari, che non avevano salari mensili fissi e vivevano grazie alle mazzette (abbiamo persino fatto un servizio speciale sulla storia della corruzione in Russia). Da questo periodo proviene il concetto di “chiedere” alle autorità statali di fare qualcosa per le persone, come se non fosse questa la funzione primaria dello Stato e un loro dovere! Piaccia o no, i russi seguono ancora questa logica. 
Un guardiano o un portiere sono persone che normalmente hanno pochissima influenza; questo è il motivo per cui amano esercitare tutto il loro potere nel caso qualcuno abbia bisogno di qualcosa. Quindi, se il vostro lavandino ha bisogno di essere riparato, il lavoratore municipale del vostro distretto potrebbe farvi aspettare giorni prima di mandare l’idraulico a dare solo un’occhiata. Per una persona che non ha molta conoscenza della lingua russa, discutere la questione sulla base delle leggi potrebbe essere un compito impossibile. Quindi, per ottenere le cose che desiderate, siate ostinati: parlate rispettosamente con i funzionari, spiegate ripetutamente il vostro problema e continuate a chiedere gentilmente aiuto. Non urlate, non discutete, né minacciate di chiamare la polizia. Tenete presente che ogni burocrate russo cerca di tenere le persone lontane dal suo ufficio, quindi se rifiutate di andarvene e siete maleducati c’è una grande possibilità che il vostro problema non venga risolto. E no, non provate a dare tangenti, ecco perché. 
Non corrompere, scrivi lettere di reclamo! 

Attualmente, lo Stato russo è in guerra contro la corruzione. Molti funzionari di alto rango, compresi i capi di regioni e funzionari statali federali, sono sotto inchiesta e i loro redditi vengono passati al vaglio. Alcuni anni fa è stata introdotta una legge che proibisce ai funzionari statali di accettare regali più costosi di 3.000 rubli (39 euro). La maggior parte dei capi di governo e degli enti enti locali vietano ai loro subordinati di ricevere qualsiasi regalo, figuriamoci tangenti. Quindi il nostro consiglio è: dimenticate la corruzione. L’unico modo efficace per influenzare i burocrati che sono lenti a risolvere i vostri problemi è scrivere lettere di reclamo a organismi governativi superiori, e ora si può farlo online. Basta chiedere aiuto agli amici russi se non siete in grado di scriverle da soli. 
Tenete al sicuro i vostri documenti 

“Ero terrorizzata dalla quantità di documenti che devi conservare ed essere pronto a mostrare ai funzionari qui in Russia”, dice Lucia, un’italiana che vive e lavora in Russia. Ovviamente, ogni russo ha (a parte il suo passaporto) un codice fiscale personale, una tessera sanitaria statale, una carta previdenziale, un libretto del lavoro, un certificato di nascita e una serie di documenti riguardanti la proprietà della casa, e se qualcuno fa ufficialmente affari, allora la quantità di documenti cresce esponenzialmente…
Quindi, i russi sono consapevoli del fatto di dover tenere le carte in ordine e al sicuro, perché nessuno vuole passare attraverso le difficoltà del recupero di un documento smarrito. Assicuratevi di avere sempre con voi il passaporto, la carta di immigrazione, la registrazione di residenza e conservate tutti gli altri documenti. E se siete veramente paranoici, fate delle fotocopie di questi documenti, plastificateli affinché non si rovinino e portateveli in giro, tenendo gli originali a casa: molti russi lo fanno con i loro passaporti. 
Imparate gli orari delle istituzioni di cui avete bisogno 
Recentemente, i servizi statali russi hanno iniziato a passare alla forma online, utilizzando un portale apposito. Ora, per esempio, la maggior parte dei russi può pagare le tasse online. A volte, però, bisogna recarsi in qualche ufficio, ad esempio per firmare documenti di persona.

Qui, è importante ricordare che i funzionari russi non lavorano la sera: di solito l’orario di lavoro prosegue fino alle 17 o alle 18, e c’è una pausa pranzo (diversa per ogni istituzione). Quindi, per risparmiarvi un’attesa di ore dietro una porta chiusa, controllate i giorni e gli orari di lavoro delle istituzioni di cui avete bisogno. Tuttavia, raramente sarete soli; ci sarà una bella coda, l’ultima barriera che dovrete superare prima di affrontare il burocrate, e queste code sono un po’ diverse da quelle a cui siete abituati al di fuori della Russia…
“È strano quando ti trovi per la prima volta in una coda russa: le persone dietro di te sono così vicine, sembra che vogliano salirti sulle spalle”, nota Peggy, una tedesca residente a Mosca. Bene, questa è una tradizione di lunga data. In epoca sovietica, quando le merci erano scarse, i russi hanno imparato a stare in fila per ore per ottenere quello di cui avevano bisogno.

Maggiori informazioni su questo argomento, potete trovarle nella nostra guida alle dieci cose che puoi capire solo se hai vissuto in Unione Sovietica 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie