In Russia il femminismo è una questione di vita o di morte

L’opinione di Julia Shamporova sulle questioni di genere e sulla necessità per la società russa di appianare al più presto le enormi disuguaglianze tra uomini e donne

La vittoria del femminismo in Russia è falsa, anche se è stata venduta a uomini e donne sovietici per decenni. Nonostante il movimento femminista fosse attivo nell’Impero russo nei primi anni del XX secolo (leggi la storia della prima femminista russa) e il fatto che alle donne sia stato dato il diritto di voto nel 1917 (prima rispetto a molti altri Paesi; in Italia, per esempio, il suffragio universale è stato concesso solo dopo la Seconda guerra mondiale), l’uguaglianza di genere in Russia non esiste.

Il governo del nuovo Paese sovietico si rese presto conto di come usare l’idea del femminismo nell’interesse dello Stato. Il piano era semplice: utilizzare la forza lavoro a basso costo delle donne mentre si spingeva il loro ruolo “tradizionale” di casalinghe al di fuori dell’orario di lavoro. Per più di 70 anni di dominio sovietico, il lavoro quotidiano per uomini e donne era obbligatorio: se le persone rimanevano inattive, venivano viste come parassiti e rischiavano la prigione. Ma mentre la giornata lavorativa di un uomo nell’Urss si concludeva dopo il turno di otto ore, il lavoro di una donna proseguiva la sera a casa.

Molti russi pensano ancora che la felicità di una donna si basi sul matrimonio e sull’avere figli, e naturalmente che lei dovrebbe assumersi la piena responsabilità di allevarli… 

Non fare la femminuccia!

Tutto inizia con l’educazione, sia a casa, che a scuola e all’università. In Russia ci sono forti stereotipi su come devono comportarsi i ragazzi e le ragazze, con quali giocattoli devono giocare, a cosa devono interessarsi. Ed è differente anche quello che studiano nelle lezioni di economia domestica a scuola. Le ragazze imparano a cucinare e a cucire. I ragazzi a lavorare il legno e a fare altre riparazioni.

Se un ragazzo piange, gli verrà detto che si sta comportando come una ragazza, il che è considerata una vergogna. Al contrario, il miglior complimento per una ragazza forte è: “Sei come un uomo.” Leadership, iniziativa e processo decisionale sono aspetti che ci si attende da un ragazzo, mentre a una ragazza si richiedono compiacenza, cortesia e passività. Il messaggio è chiaro, non è vero? 

Non parlare dei tuoi diritti!

Data la società patriarcale russa, le donne nel Paese vivono molte ineguaglianze e violazioni dei diritti umani (il femminismo è un aspetto dei diritti umani fondamentali, non una forma di matriarcato, come alcuni pensano). Ma loro non ne parlano spesso.

Parte del problema è che la parola “femminismo”, e le femministe in generale, in Russia sono percepite in una luce negativa. La società si rifiuta di discutere la questione della disuguaglianza di genere. Molte persone hanno paura di definirsi femministe, pur sostenendo l’idea di uguali diritti per uomini e donne. Un paradosso? Non in Russia!

Parlando del femminismo, molto probabilmente verrai pubblicamente messa a tacere, derisa o criticata in modo aggressivo.

Non sognare di diventare presidente!

La moderna società russa dà alle donne l’idea che il grande business, la politica alta e le posizioni di alto livello siano riservate agli uomini e, che una donna sarebbe costretta a dire addio alla sua femminilità per poter diventare un leader. Ed è spaventoso che le donne russe perdano la loro femminilità! Oltre a ciò, una donna che esprime le sue qualità di leadership può essere massicciamente criticata.

Di fatto, mentre le donne in Russia in genere mostrano risultati migliori a scuola e all’università, a livello lavorativo finiscono di solito in posizioni medie, mentre i posti apicali sono per lo più occupati da uomini. Secondo il Gender Gap Index 2017 del World Economic Forum, il 38,7% delle donne rispetto al 61,3% di gli uomini lavorano come legislatori, alti funzionari e dirigenti. Allo stesso tempo, il 61,3% delle donne lavora come operatore tecnico e professionale rispetto al 36,8% degli uomini.

Non ci sono solo meno donne in posizioni chiave, ma anche in Parlamento: solo il 15,8%. La percentuale di donne in posizioni ministeriali è ancora inferiore: solo il 9,7 per cento.

Mentre la metà della popolazione della Russia è di sesso femminile, le donne sono totalmente sottorappresentate al potere e le loro voci non vengono ascoltate.

Allo stesso tempo, è scientificamente provato che la presenza di leader femminili nella gestione aziendale aumenta significativamente la redditività di un’azienda.

Un rapporto delle Nazioni Unite mostra che la crescita dell’occupazione e dell’istruzione delle donne influisce direttamente sulla crescita dell’economia di uno Stato.  

Pensa al matrimonio, non alla carriera!

La Russia occupa il 71° posto nella classifica Gender Gap Index 2017, con la stima del potere di potere d’acquisto che è per gli uomini pari a 29.138 dollari e per le donne di 17.975. 

Ci sono situazioni frequenti in cui le donne sono pagate il 30 percento in meno rispetto ai colleghi maschi per lo stesso lavoro. La rivista Snob ha recentemente pubblicato un articolo che evidenzia casi di discriminazione femminile sul lavoro. Nel reportage un capo giustificava la disuguaglianza di pagamento con il “fatto” che gli uomini devono sostenere le loro famiglie, e lo faceva mentre si trovava di fronte ai suoi dipendenti, la maggior parte dei quali erano madri single.

Allo stesso tempo, la Russia è uno dei leader quando si tratta di professioni vietate alle donne: ce ne sono 456.

Quindi, se vuoi sposarti e avere una carriera, potresti avere problemi a trovare un lavoro. Il potenziale datore di lavoro ti chiederà che piani hai quanto all’avere figli, perché poi potresti prendere un congedo di maternità, che è di tre anni in Russia. Se rispondi che vuoi averne, probabilmente finirai con l’ottenere un lavoro di livello più basso rispetto alla tua qualifica.

Tutto ciò incoraggia le donne a trovarsi un marito “sponsor”. Ma perché una donna adulta, istruita, professionale dovrebbe trovare uno sponsor per ottenere uno stipendio uguale ai suoi colleghi maschi? L’altra domanda assurda che spesso viene posta, è perché le donne hanno bisogno di soldi se gli uomini pagano per tutto.

Una possibile soluzione a questo problema è dividere il congedo di maternità tra donna e uomo e incoraggiare gli uomini a partecipare all’educazione dei bambini, nonché a dividere equamente il lavoro di casa e le spese finanziarie. Il congedo di paternità può aiutare a fermare i datori di lavoro che discriminano le donne in quanto gli uomini avrebbero bisogno dello stesso tempo libero delle donne.

Nel 2016, i ricercatori hanno raccolto dati su 217 Paesi e hanno scoperto che pulire, cucinare e prendersi cura di bambini e genitori anziani occupa 23 anni di lavoro aggiuntivo dalla vita della donna. Non sarebbe giusto dividere questo impegno in parti uguali?  

Violenza domestica: i panni sporchi si lavano in famiglia!

Ci sono anche molti casi di violenza domestica in Russia che restano impuniti e non denunciati. Molte vittime non contattano nemmeno la polizia. Ci sono diverse ragioni per questo: la tolleranza nei confronti della violenza domestica nella società, l’assenza di punizioni obbligatorie, il rifiuto del fatto che, ad esempio, lo stupro possa accadere anche all’interno della vita matrimoniale.

Nel gennaio 2017 la Duma russa ha approvato una legge che depenalizza la violenza domestica. Ciò significa che picchiare un membro della famiglia è punibile con una multa, e non automaticamente con il carcere. Sono soprattutto donne e bambini che soffrono di violenza domestica, e ora c’è molto meno potere legislativo per proteggerli. Secondo le statistiche ufficiali del Ministero dell’Interno russo, nel 2015 50.780 persone sono state vittime di violenza domestica, tra cui 36.493 donne e 11.756 bambini.  

La colpa èdella vittima

I casi di donne molestate, violentate o uccise di cui parla la stampa spesso sono accompagnati da commenti negativi. I messaggi sono del tipo: Probabilmente è colpa sua perché aveva una gonna troppo corta; sorride sempre; è troppo amichevole; è lei che lo ha provocato. Alcune persone arrivano persino a esprimere compassione per lo stupratore o il killer.

L’anno scorso il più popolare show giornaliero della tv russa ha dedicato cinque puntate al caso di Diana Shurygina, una ragazza di 16 anni che è stata violentata a una festa. Durante le ore di punta, politici, pop star, attivisti e la famiglia dello stupratore hanno discusso chi era responsabile. Molte persone hanno accusato la ragazza di essere ubriaca al momento del fatto. Inoltre, l’adolescente era così traumatizzata da essersi sottoposta poi a un trattamento psicologico. Cosa che faceva muovere altri dubbi.

Le molestie sessuali sul luogo di lavoro rimangono un grosso problema e spesso non vengono denunciate. Le donne in Russia hanno ancora troppa paura di parlarne e incolpare pubblicamente chi ha abusato di loro.

Solo il 10-12 percento delle vittime di violenza sessuale in Russia contatta la polizia; molte si vergognano, secondo le organizzazioni che si occupano della questione. 

E ti stai ancora chiedendo se la Russia ha bisogno del femminismo? È davvero una questione di vita o di morte.

 

Clicca qui per un’opinione completamente diversa sull’argomento. 

Le opinioni espresse qui sono quelle dellautrice e non riflettono necessariamente le opinioni di Russia Beyond.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più