I pensionati russi? Ricchi e sportivi. Ma è solo una pubblicità

Sberbank
La nuova campagna promozionale di Sberbank, la più grande banca russa, è al centro delle critiche e degli sberleffi sui social network, perché mostra degli anziani molto benestanti, molto felici, e molto lontani dalla media di chi deve arrivare alla fine del mese con 200 euro

Una mattina di inizio autunno, German Gref, Amministratore delegato e presidente di Sberbank, la più grande banca della Russia, entra in un discount alla periferia di Mosca. I pensionati si aggirano tra gli scaffali, cercando merce a buon mercato, ma alla fine infilano nel carrello solo qualche dolcetto e qualche patata. “Vladja, chi sono questi tipi?”, domanda allora al suo portavoce, indicando quegli sdruciti anziani, con i berretti mestamente calcati in testa. “Sono i pensionati, i nostri clienti principali”, risponde il collaboratore. Gref, pensando che il suo assistente lo prenda in giro, gli chiede allora di portarlo a vedere qualche pensionato “normale”.
Su un canale di Telegram, si ipotizza ironicamente che sia nata così la nuova campagna pubblicitaria di Sberbank, trasmessa su tutti i canali della tv russa, che mostra i pensionati russi come benestanti, attivi e sportivi.

Gli attori chiamati a interpretare i pensionati giocano a pallacanestro, piazzando una schiacciata alla Michael Jordan, fanno provare ai loro eredi abiti d’alta sartoria, vanno a ballare, progettano ponti all’avanguardia e abbracciano i loro nipoti sullo sfondo di un tramonto con skyline da sogno. Sberbank gioca poi con le parole, affermando che il “pension-ato” debba essere “sportiv-ato”, “stilist-ato”, “ballerin-ato”, e così via… Insomma, debba solo scegliere quale tipo di “pensionato attivo” essere.

Ma visto che gran parte dei pensionati nel Paese ha problemi economici, e la pensione media in Russia è di 13.700 rubli (202 euro) e quella minima circa la metà, sui social media il sarcasmo è esploso: “Nella sezione ‘Vivere fuori dalla realtà’ il premio per il miglior video va a Sberbank. Ritira il premio German Oskarovich Gref!”, scrive un utente. E molti altri proseguono con gli sberleffi.

La gara dei meme
“Il problema è che a Sberbank sono troppo avanti: mentre i nostri pensionati continuano a prendere le pensioni del 2017, loro vivono già nel 2117”, scrive un altro utente, ironizzando sulla Banca del popolo (solo in Russia Sberbank ha 110 milioni di clienti). La lamentela più comune tra quelli a cui la campagna pubblicitaria non è piaciuta è che gli attori non ricordino neanche alla lontana il pensionato medio russo: sostituito con immagini di vita patinata da agenzia di foto stock.

“Pensionato sportivo. Pensionato stilista. Pensionato. Miliardario. (L’ultimo a essere ritratto è proprio il capo di Sberbank, German Gref)

Dopo aver visto la pubblicità, gli utenti di Twitter sono andati a cercare su Google quali immagini dia il motore in risposta alla ricerca “Pensionati russi” e “Pensionati americani”. E il confronto non è certo lusinghiero:

russi

americani

Ma ci sono anche i supernonni
Sberbank voleva, con questa campagna, cambiare gli stereotipi sui pensionati, che, nel 2017, in Russia, sono circa 43,3 milioni di persone. “Sta andando in pensione la generazione di persone nate negli anni Sessanta e si tratta di persone che hanno goduto della conquista dello Spazio, e hanno sognato, diventando ingegneri, di fare scoperte epocali; hanno avuto successi professionali, si sentono a casa su internet e sono abituati ad apprendere sempre nuove cose”, ha scritto Aleksej Gijazov, direttore marketing del settore retail di Sberbank, sulla sua pagina Facebook.

La banca è stata così attiva nella lotta contro gli stereotipi che, di recente, prima ancora del lancio di questa campagna, si era aggiudicata il premio goliardico “Joker of the Year”, per i suoi cartelloni pubblicitari sulle pensioni integrative, in cui mostrava un anziano con in mano un nuovissimo iPhone ricevere il messaggio del banking online con scritto “Ti è stata accreditata la tua pensione di 50.000 rubli” (736 euro). Una cifra che per molti russi è una chimera.

Ma bisogna ammettere che la Russia ha diversi tipi di pensionati, compresi alcuni che assomigliano alle immagini pubblicitarie. “Alcuni di loro, per esempio, cucinano la pasta alla carbonara alla competizione ‘Supernonno moscovita’ (qualcosa di simile a un concorso di bellezza per anziani), prendono lezioni di fitness e di zumba, si tengono allenati con la passeggiata nordica, usano il tablet e frequentano corsi per la terza età”, dice Larisa Vedmed, organizzatrice di attività culturali in un centro distrettuale per il benessere pubblico.

“Ad essere onesti, non vedo nessun problema in quanto ha fatto Sberbank. Tanti anziani sono molto più attivi rispetto al passato. Ci sono in giro un sacco di supernonni e supernonne, adesso. E anche tra i pensionati con pensioni ordinarie ce ne sono parecchi che fanno sport o hanno interessi simili a quelli mostrati nella réclame”. E, come i sondaggisti sottolineano sempre, i pensionati sono la parte più attiva dell’elettorato.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale