Cosa ha esportato la Russia nel 2021 e verso quali Paesi?

Russia Beyond (Legion media; Ufficio stampa di GAZ)
Dopo le difficoltà del 2020 legate allo scoppio della pandemia, l’export ha vissuto una buona ripresa

Le esportazioni della Russia nei primi dieci mesi del 2021 sono state pari a 388,4 miliardi di dollari, con un aumento del 42,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo i dati forniti dal Servizio doganale federale russo. Questo importante incremento è dovuto ai bassi livelli del 2020, anno della crisi pandemica, all’aumento dell’inflazione e alla ripresa economica quest’anno.

I principali partner commerciali della Russia sono i Paesi non dell’ex Urss (86,9%), tra i quali i primi sette includono, quanto a volume degli scambi:

  1. Cina (112,4 miliardi $),
  2. Germania (46,1 miliardi $),
  3. Paesi Bassi (37 miliardi $),
  4. Usa (28,8 miliardi $),
  5. Turchia (25,7 miliardi $),
  6. Corea del Sud (24,4 miliardi $),
  7. Italia (23,7 miliardi $)

Fondamentalmente, la Russia fornisce a questi Paesi combustibili e prodotti energetici, metalli e prodotti chimici. Circa il 13% viene esportato invece nei Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (Csi), soprattutto in Bielorussia e Kazakistan, con cui il giro d’affari è rispettivamente di 13,4 e 11,4 miliardi $. Le principali forniture in area Csi sono materie prime, carburante e cibo.

Ecco i sei principali prodotti di esportazione della Russia in termini di valore del prodotto.

1 / Combustibile ed energia – 53,8%

Più della metà delle esportazioni russe (53,8%) sono tradizionalmente combustibili ed energia. Il valore delle esportazioni è aumentato del 51% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Crescita dei volumi delle esportazioni:

  • elettricità – 92%,
  • cherosene – 22%,
  • carbone – 9,1%,
  • gas naturale – 5,7%.

Allo stesso tempo, le forniture di benzina per motori sono diminuite del 26,1% e di petrolio greggio del 4,7%. La diminuzione delle esportazioni di petrolio è associata a restrizioni sulla sua produzione nell’ambito dell’accordo OPEC+ e a un aumento dei consumi nel mercato interno.

2 / Metalli e prodotti in metallo – 11,2%

Sul totale delle esportazioni russe l’11,2% erano metalli e prodotti in metallo. Nella prima metà dell’anno, i prezzi in questo settore sono aumentati in modo significativo.

Il valore delle esportazioni di metalli è aumentato dell’87% e il volume fisico del 13%. Sono aumentate le esportazioni di metalli ferrosi (del 12,9%), compresi i semilavorati in ferro e acciaio non legato (del 19,4%) e i laminati in ferro e in acciaio non legato (del 15,1%).

La Russia è il quinto produttore di acciaio al mondo, secondo la World Metallurgical Association (Wsa). Secondo le previsioni della Wsa, a conti fatti, il consumo di acciaio nel mondo entro la fine del 2021 sarà cresciuto del 4,5% e il trend continuerà nel 2022.

Tuttavia, si è verificata una diminuzione dell’offerta di rame e leghe di rame del 19,6%, e di nichel non lavorato del 52,5%. Ciò è stato influenzato dalla crisi industriale in Cina, uno dei principali importatori di rame, e dall’intenzione di Pechino di utilizzare le proprie riserve per sostituire le costose importazioni.

3 / Prodotti dell’industria chimica – 7,6%

La quota dei prodotti chimici nella struttura delle esportazioni russe è del 7,6% (era il 7,3% nel 2020). Con un aumento dei volumi del 4,6%, il valore delle esportazioni è aumentato del 48,6% e si è attestato a 29,3 miliardi di dollari. A differenza di altre industrie (come l’industria automobilistica) che hanno ristagnato lo scorso anno, l’industria chimica non ha una base di partenza bassa in riferimento alla quale possa mostrare passi da gigante.

Crescita dei volumi delle esportazioni:

  • plastica e derivati – 17,4%,
  • caucciù e gomma – 16,9%,
  • fertilizzanti – 6,7%,
  • sapone e detersivi – 3,3%.

L’export di prodotti farmaceutici è diminuito dell’8,3%.

4 / Prodotti alimentari e materie prime per la loro produzione – 7,2%

La quota delle esportazioni di prodotti alimentari e materie prime necessarie per la loro produzione nella struttura merceologica delle esportazioni è stata del 7,2% nei primi dieci mesi del 2021. In valore, le esportazioni sono aumentate del 21,1%, mentre i volumi fisici sono diminuiti dell’8,1%. Il cibo russo viene esportato principalmente nei Paesi dell’Ue, in Turchia e in Cina.

Il grano rimane la voce di esportazione alimentare più importante, circa un terzo di tutte le forniture. 

LEGGI ANCHE: Effetto coronavirus sulle esportazioni russe: ora il grano costa più del petrolio

Nonostante il fatto che, in termini monetari, le esportazioni alimentari siano ai massimi storici a causa dei prezzi elevati, i volumi di molti prodotti sono diminuiti.

Diminuzione dei volumi delle esportazioni:

  • grano e  frumento segalato – 8,6%,
  • orzo – 14,7%,
  • olio di girasole – 17,1%,
  • carne di pollame – 0,4%.

L’offerta di pesce fresco e congelato è diminuita del 16,2%. Ciò è dovuto a una significativa diminuzione delle forniture di pesce alla Cina (il principale importatore di pesce russo), che ha rafforzato il controllo su questo tipo di prodotto durante la pandemia.

Crescita dei volumi delle esportazioni:

  • latte e panna – 22,1%,
  • formaggi e ricotta – 19,9%,
  • carne fresca e congelata –19,1%,
  • carne di maiale fresca e congelata – 14,1%.

Da diversi anni la Russia sta aumentando l’esportazione di vodka. Anche se la sua quota nelle esportazioni mondiali è di solo circa il 7%, e Svezia e Francia sono significativamente più avanti nell’elenco dei leader. Nei primi dieci mesi del 2021, la Russia ha esportato 1 miliardo e 859,7 milioni di decalitri di vodka, il 5,6% in più rispetto al 2020. In termini monetari, questo equivale al 12,3% in più: le entrate totali ammontano a 127,7 milioni di dollari.

5 / Macchinari e attrezzature – 6,3%

Macchinari e attrezzature rappresentano il 6,3% del totale delle esportazioni russe. Rispetto al 2020, in termini monetari, le esportazioni sono aumentate del 29,3%.

Il valore dell’export è aumentato del:

  • apparecchiature elettriche – 40,4%,
  • attrezzature meccaniche – 23,5%,
  • strumenti e apparecchi ottici –16,7%,
  • mezzi di trasporto terrestre, ad eccezione della ferrovia – 10,1%.

Il volume delle consegne di autovetture è aumentato in modo significativo, del 42,3%, pari a 1 miliardo 159 milioni di dollari. Il volume dei camion forniti all’estero è aumentato dell’11,5% (272,6 milioni di dollari). Gli indicatori dell’export di questo segmento stanno crescendo principalmente per effetto della base bassa del 2020, quando l’export si era ridotto di oltre un terzo.

Inoltre, le case automobilistiche russe stanno espandendo la loro presenza sul mercato mondiale: non molto tempo fa lo stabilimento automobilistico di Uljanovsk è tornato sul mercato dell’Angola, mentre il gruppo Gaz ha iniziato a vendere auto in Bulgaria. Ma la maggior parte delle esportazioni resta per ora diretta nei Paesi della Csi.

6 / Legname e prodotti di cellulosa e carta – 3,6%

La quota delle esportazioni di legname e prodotti di cellulosa e carta nel periodo gennaio-ottobre 2021 è stata del 3,6% sul totale delle esportazioni. In termini monetari, le esportazioni sono cresciute del 37,7%, il che si spiega con l’aumento dei prezzi quest’anno. Allo stesso tempo, il volume fisico è rimasto invariato e ci sono stati cambiamenti nella sua struttura.

Crescita dei volumi delle esportazioni:

  • compensato – 5,1%,
  • legname non lavorato – 0,3%.

I volumi delle esportazioni sono diminuiti del:

  • carta da giornale – 17,3%,
  • legname segato – 5,2%.

Bonus: forte aumento delle esportazioni segrete verso i Paesi della Nato

Secondo il Servizio federale russo, nel gennaio-settembre 2021, l’esportazione di merci di categorie secretate, che includono armi, aerei, materiali nucleari e altri, verso i Paesi della Nato è aumentata notevolmente. Le esportazioni di merci in questa categoria sono state di 8,1 miliardi di dollari. Per il secondo anno consecutivo il principale acquirente in questo settore resta l’Algeria (985 milioni di dollari), e tradizionalmente nella top ten ci sono Cina e India. Tuttavia, quest’anno molti Paesi della Nato sono finiti inaspettatamente in top ten.

Paesi importatori di merce secretata russa:

  • Algeria
  • Usa
  • Repubblica Ceca
  • Cina
  • India
  • Emirati Arabi Uniti
  • Germania
  • Gran Bretagna
  • Estonia
  • Olanda

In parte, la crescita delle esportazioni verso la Repubblica Ceca, i Paesi Bassi e la Germania potrebbe essere tecnica e correlata al modo in cui si riflette l’esportazione temporanea di aeromobili dalla Russia per le riparazioni, suggerisce la pubblicazione economica russa “RBC”.

È anche noto che “prodotti della chimica inorganica,  […] elementi o isotopi radioattivi” sono stati forniti alla Germania per un importo di circa 50 milioni di dollari. Le esportazioni negli Stati Uniti, comprese le forniture di uranio arricchito (plutonio), sono state di 841 milioni di dollari.


LEGGI ANCHE: Aumentano le esportazioni segrete russe verso gli Stati Uniti e altri paesi della Nato 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie