Ma davvero il numero di migranti è drasticamente calato in Russia?

Vladimir Gerdo/TASS
A causa della chiusura dei confini per il contrasto all’epidemia di Covid-19 sono mancati all’appello il 40 per cento dei lavoratori stranieri stagionali, il che potrebbe incidere pesantemente su alcuni settori. Ma i numeri vanno interpretati con più attenzione

Rispetto allo scorso anno, nel 2020 il numero di migranti per ragioni di lavoro a Mosca è diminuito del 40%. Lo ha affermato il sindaco di Mosca Sergej Sobjanin nell’ottobre 2020. Secondo lui, la riduzione del numero di migranti influenzerà il mercato del lavoro, soprattutto nel settore dei servizi pubblici. Come ha detto Sobjanin, questo potrebbe portare a difficoltà in inverno, quando le nevicate aumentano il carico sui servizi.

LEGGI ANCHE: Come fanno a Mosca a far funzionare benissimo i trasporti pubblici con la neve e il ghiaccio? 

Quanti migranti mancano all’appello?

Il numero di stranieri che lavorano in Russia a settembre 2020 è diminuito del 22% rispetto allo stesso periodo del 2019, secondo il Ministero degli Affari interni. Il numero di migranti in Russia si è attestato a 1,8 milioni contro i 2,3 milioni dell’anno precedente. La riduzione è avvenuta proporzionalmente tra tutte le categorie di migranti. Inoltre, secondo il Ministero degli Affari interni, il numero di permessi di lavoro validi è diminuito e il numero di cittadini dei Paesi dell’Unione economica eurasiatica (oltre alla Russia ne fanno parte Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan) che lavorano in Russia è diminuito del 26%. Il numero maggiore di persone straniere nel mercato del lavoro in Russia nel 2020 provengono da:

  • Uzbekistan,
  • Tagikistan,
  • Kirghizistan,
  • Armenia,
  • Ucraina,
  • Azerbaigian,
  • Kazakistan,
  • Cina,
  • Moldova,
  • Bielorussia,
  • Vietnam,
  • Turchia.

Nel marzo 2020, la Russia ha chiuso i suoi confini per arginare l’epidemia di Covid-19. L’ingresso è poi stato consentito solo a quegli stranieri che hanno parenti stretti in Russia, sono cittadini russi, o per casi di emergenza. A causa del blocco del traffico internazionale, è diventato impossibile anche per i migranti spostarsi. Quindi, nei primi otto mesi del 2020, sono arrivati solo circa 50 mila cittadini del Tagikistan e 100 mila cittadini del Kirghizistan.

Perché il numero di migranti è diminuito in Russia?

“Vale la pena parlare di due problemi che si intersecano. Data la chiusura delle frontiere, molti migranti non sono stati in grado di recarsi al lavoro a causa della prima ondata di pandemia, che ha coinciso con il tradizionale picco stagionale della migrazione della manodopera, ma in seguito, sempre per le conseguenze della pandemia, anche il numero di posti di lavoro è diminuito”, spiega Jaroslav Kabakov, Strategy Director di “Finam” Investment Company.

Il rallentamento generale della crescita economica e l’indebolimento del rublo (passato da 68 rubli per un euro di fine 2019 ai 90 rubli per un euro di oggi) non hanno aggiunto ottimismo ai lavoratori migranti, molti dei quali hanno perso il lavoro. La seconda ondata autunnale della pandemia inoltre ha dato un ulteriore serio colpo alla stabilità dei rapporti di lavoro tra migranti e imprese. I primi non sono sicuri di trovare lavoro e spesso si accontentano di incarichi al nero, e anche le imprese, a loro volta, non si sforzano certo di essere molto trasparenti quanto al quadro reale del numero di migranti assunti.

È vero che a Mosca ci sono il 40% in meno di lavoratori migranti?

Gli esperti insistono sul fatto che in realtà non molti migranti abbiano effettivamente lasciato Mosca. Semplicemente sono entrati nella zona grigia.

“Questa cifra, molto probabilmente, non è del tutto corretta, poiché le statistiche tengono conto di quanti si registrano nell’elenco dei migranti, ma non di quanti ne escono. Cioè, stiamo parlando solo di quanti migranti si sono registrati”, afferma Evgenij Varshaver, ricercatore senior presso il Centro di Studi regionali e urbani presso l’Istituto per la ricerca economica applicata.

A causa della chiusura delle frontiere, molti che pianificavano di venire semplicemente non sono potuti arrivare in Russia, ma quelli che se ne sarebbero dovuti andare, al contrario, sono rimasti in Russia. Ciò significa che ce ne sono ancora più del 60% del valore dello scorso anno.

Secondo Jaroslav Kabakov, le cifre che parlano di una diminuzione dell’afflusso di migranti del 40% sono significativamente sovrastimate. “E poi possiamo sicuramente affermare che con l’aumento della domanda di manodopera, che avverrà con la ripresa della crescita economica, il flusso di migranti si espanderà in modo significativo, a condizione che non ci siano divieti di attraversamento del confine”, dice l’esperto.

In che modo il deflusso di migranti può influire sull’economia russa?

Le conseguenze possono essere suddivise in due gruppi: a lungo termine e a breve termine. “A lungo termine, ci si possono aspettare risultati positivi, perché il datore di lavoro sarà costretto ad aumentare i salari, migliorare a livello tecnologico dell’azienda, ecc”, spiega Aleksandr Shcherbakov, professore presso il Dipartimento del lavoro e delle politiche sociali presso l’Istituto di servizio civile e gestione. “Ciò aumenterà la produttività del lavoro e migliorerà la qualità del prodotto, e l’economia in generale ne trarrà vantaggio e diventerà più competitiva”.

Tuttavia, se prendiamo il periodo a breve termine, le piccole imprese e parte di quelle medie e grandi incontreranno difficoltà a causa della mancanza di manodopera per lavori poco qualificati. Non è escluso che saranno costrette a tagliare i volumi di produzione o addirittura a lasciare il mercato.

“Questo è possibile, ma non è detto che si verifichi. Dopo la pandemia, è assolutamente probabile che molti migranti, soprattutto da Paesi con un basso tenore di vita, tornino. Gli stipendi considerati poco significativi dai russi possono essere piuttosto alti per il livello salariale di certi Paesi. E la loro popolazione verrà in Russia attratta da queste paghe, come prima”, aggiunge Shcherbakov.

Quali sono i settori maggiormente colpiti?

Il deficit di migranti è particolarmente acuto nel settore edile. Secondo il Ministero delle Costruzioni, la carenza di addetti provenienti dalle ex repubbliche dell’Urss è evidente e tangibile e influisce sui tempi di completamento dei progetti. Inoltre, può congelare la messa in servizio di nuovi cantieri e portare a sanzioni per le aziende.

Tuttavia, analizzando dati indiretti, i migranti sembrerebbero già essere tornati attivamente al lavoro. Il volume delle rimesse dalla Russia alle repubbliche della Comunità degli Stati Indipendenti (che oltre alla Russia include 8 delle 15 ex repubbliche dell’Urss: Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan e Uzbekistan) è aumentato notevolmente nel terzo trimestre del 2020 e ha raggiunto 1.916 miliardi $, un terzo in più rispetto ai due trimestri precedenti, secondo il servizio statistico della Banca di Russia. Un forte aumento delle rimesse si è verificato anche verso Paesi confinanti non ex Urss. Ciò indica che i lavoratori migranti in Russia stanno nuovamente operando attivamente e trasferendo denaro alle famiglie restate a casa.


È facile per uno straniero trovare lavoro in Russia? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie