È facile per uno straniero trovare lavoro in Russia?

Natalya Nosova
Ecco un po’ di buoni consigli da parte di chi ce l’ha fatta, per non restare delusi e non perdere troppo tempo nella ricerca del posto e nell’ottenimento dei documenti

Come forse saprete, la svalutazione del rublo, a seguito della crisi ucraina del 2014, ha costretto le compagnie russe a ridurre il numero di professionisti stranieri che normalmente assumevano. “Il calo del tasso del rublo ha reso l’assunzione di un expat piuttosto costosa per i datori di lavoro russi, prendendo in considerazione non solo il salario, ma anche i benefit che di solito gli expat ricevono”, afferma Timur Beslangurov, socio di “Vista”, una compagnia che si occupa proprio di supporto legale al foreign business. “Allo stesso tempo, possiamo vedere che la Russia è diventata una destinazione più popolare tra gli stranieri, specialmente dopo i Campionati del Mondo di calcio del 2018, e sempre più stranieri vorrebbero vivere e lavorare in Russia”.

Secondo i dati ufficiali del semestre gennaio-giugno 2019, ben 2,4 milioni di stranieri si sono trasferiti in Russia per lavoro. La maggior parte di loro sono cittadini dei paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (che raccoglie nove delle quindici ex repubbliche sovietiche), ma alcuni arrivano da Paesi più lontani. A guidare la classifica di questi altri Paesi è la Cina (50.200 migranti) seguita da Germania (10.800), Turchia (10.200), Italia (9.500), Serbia (6.800), e persino Regno Unito (4.300) e Stati Uniti (3.700). 

Ma cosa serve esattamente per ottenere un’offerta di lavoro in Russia? Lo abbiamo chiesto a degli esperti professionisti esteri che lavorano qui.

La ricerca potrebbe richiedere del tempo

Robert van Oosten, un archeologo professionista olandese, si è trasferito nella città russa di Cherepovèts (regione di Vologda) nel 2013 per vivere con la moglie russa, ma, a quanto racconta, è stato impossibile trovare un lavoro qui nel suo campo professionale. L’Istituto archeologico locale della regione di Vologda non aveva posti vacanti né un budget sufficiente, quindi lui ha dovuto reinventarsi.

“Ho deciso di diventare un insegnante / tutor di lingua inglese e olandese e ho cercato di trovare un lavoro in alcune scuole di lingua qui in città, ma nessuno voleva mettermi sotto contratto; tutti erano spaventati dalle tasse”, ricorda. “Poi, tre anni fa, una delle migliori scuole della città mi ha offerto un posto. Purtroppo sono stato rifiutato dal provveditorato agli studi cittadino, che ha voluto riconoscere la validità del mio diploma europeo. Alla fine, ho scelto di lavorare come insegnante indipendente e come freelance per diverse scuole”.

Anche per Umut Uyan, ingegnere per il controllo dei costi e la pianificazione proveniente dalla Turchia, trovare un lavoro in Russia ha richiesto del tempo, quattro mesi per essere precisi. “Volevo lavorare come ingegnere per il controllo dei costi e la pianificazione, quindi cercavo solo offerte per questa posizione. Non avevo aspettative sul processo di reclutamento perché più o meno è sempre lo stesso con le imprese di costruzione. Il problema principale per me era entrare in contatto con i dipartimenti delle risorse umane delle aziende, perché non parlavo russo”, spiega.

Steven Ligoff, nato in Australia, è arrivato per la prima volta in Russia dalla Nuova Zelanda nel 2017 e si è innamorato del Paese, eppure gli ci è voluto un anno e mezzo per trovare lavoro qui. “È stato estenuante. Se non sei stato mandato qui da una multinazionale o non hai alte qualifiche, è quasi impossibile entrare nel mondo del lavoro. Ero solo un ragazzo con una laurea in insegnamento dell’inglese come seconda lingua, e nessuno voleva fare un visto di lavoro così rischioso. Più che altro cercavo un posto come insegnante, ma di fatto facevo domanda per ogni lavoro che vedevo. Il processo di reclutamento è stato molto più rigoroso e professionale che in Australia, ed è stato più complicato del previsto”.

Oppure si può trovare lavoro ma poi impazzire per il visto

Léa Pieraggi, che viene della Corsica, ha iniziato a cercare lavoro non appena si è trasferita a Mosca, due anni fa. Aspirava a fare l’interprete, ma a Mosca ha lavorato come barista e poi come manager e insegnante di inglese in un campo estivo nella regione di Mosca. “Ho usato tutto ciò che sono riuscita a trovare: principalmente il sito hh.ru, perché me lo avevano consigliato; ho chiesto ad amici e amici degli amici, e letto ogni post di Facebook nei gruppi di offerte e ricerca di lavoro”, ricorda.

E anche se ha ottenuto un sacco di colloqui e diverse offerte di lavoro, è stata la questione del visto la maggiore complicazione. “Non mi aspettavo che le aziende fossero così riluttanti a fare un visto di lavoro! Di tutte queste società con cui ho parlato, nessuna era in grado di offrirmene uno (o perché era una procedura troppo complicata e gravosa per il loro ufficio, o perché la società non aveva l’autorizzazione del governo russo ad assumere ufficialmente gli stranieri). Mi aspettavo che fosse piuttosto difficile, ma c’erano così tante opportunità e persone pronte a farmi lavorare e nessuna a farmi il visto! Non mi aspettavo che il processo di ottenimento del visto fosse così lungo, complesso e costoso per entrambe le parti, sia il datore di lavoro che il dipendente”, afferma, aggiungendo che una volta assunta, ha comunque dovuto aspettare quattro mesi prima che il visto fosse pronto.

Ecco alcuni suggerimenti per massimizzare le vostre chance

Cercate di saperne di più sul mondo del lavoro in Russia prima di partire con un visto turistico e sperare poi di trovare qualcosa. Questo non solo vi aiuterà ad adattarvi alla Russia in caso di successo, ma vi permetterà anche di capire se volete davvero trasferirvi qui e renderà meno ostico il processo di reclutamento.

“Direi che la domanda sempre presente [nei colloqui di lavoro] ‘quanto vorresti essere pagata?’ è stata la cosa che mi ha sorpreso di più”, afferma Léa Pieraggi. “Sono sempre stata abituata a ricevere uno stipendio fissato dal mio datore di lavoro, non a iniziare a negoziare sin dal primo colloquio.”

“Mi aspettavo un livello di inglese più alto, più passaggi successivi e domande maggiormente approfondite nel colloquio, ma erano domande molto generali e comuni”, afferma il peruviano Cristian Javier. “Ho imparato di dover mostrare il massimo potenziale durante i colloqui; dimostrare a chi ti sta di fronte che sei la persona giusta per quella posizione aperta”.

Anche se in alcuni casi il Paese di origine gioca un ruolo, alla fine, sono le abilità e la conoscenza del russo che permettono di distinguersi dalla massa.

“Le persone provenienti dai Paesi avanzati di lingua inglese hanno molte più possibilità rispetto a quelle dei Paesi del terzo mondo”, commenta Tommy, giornalista cinese che lavora a Mosca. “Ancora una volta, l’esperienza professionale di uno straniero è importante anche nella caccia al lavoro, come ovunque. Senza conoscere bene il russo, le scelte sono piuttosto limitate”.

Inoltre, ricordate di utilizzare tutti i contatti che avete nel Paese

“Creatavi un’enorme rete di amici e contatti. È il modo migliore per trovare un lavoro. Il social networking è essenziale. Intendo quello nella vita reale, non sui social media!”, afferma Robert Van Oosten.

Léa è d’accordo: “Puoi mettere tutta l’energia che vuoi nella ricerca di un lavoro, ma qui non arriverai da nessuna parte senza conoscere le persone giuste e usare i contatti al meglio. Provate a trovare un lavoro prima di venire in Russia, perché tutto in questo processo richiede secoli. Ma ne vale la pena, quindi buona fortuna!”

“Laureatevi, fate conoscenza con molte persone, siate professionali e ben organizzati. Parlate un buon russo e un buon inglese”, raccomanda Steven Ligoff. “Se potete venire qui con un’azienda, fatelo! Questo è il posto migliore in cui vivere sulla terra, ma non è amichevole e se siete sottoqualificati, è dura. Detto questo, ingegneri, insegnanti professionisti ed esperti, meccanici, specialisti del campo petrolifero e estrattivo sono accolti a braccia aperte. Io sono qui da 12 mesi e un giorno. È stata la migliore decisione della mia vita. Qui guadagno più denaro di quanto potrei mai sognare a casa, ho una vita sociale eccezionale e la mia salute mentale non potrebbe essere migliore”.


Quante e quali tasse si pagano in Russia? E com’è il trattamento fiscale per gli stranieri? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie