Quattro ragioni per cui dovreste investire in Russia nel 2018

Pixabay
L’economia crescerà e non risentirà, se non positivamente, degli importanti eventi che attendono il Paese (tra cui le elezioni presidenziali e i Mondiali). Basta solo trovare la nicchia di mercato giusta e il giusto posizionamento geografico

L’economia russa ha ripreso slancio alla fine del 2017, con una crescita del Pil dell’1,6 per cento, e un’espansione del 2,5 per cento del settore agricolo, come ha comunicato il presidente Vladimir Putin, l’11 gennaio, dicendo che la cosa “ispira ottimismo”. E il governo confida in un’ulteriore crescita. È dunque un buon momento per i potenziali investitori stranieri per fare la loro mossa?

Abbiamo chiesto agli esperti russi di condividere le loro aspettative per l’anno appena iniziato ed elencare i settori che offrono maggiori opportunità di profitto (ce ne sono parecchi!). 

Leconomia crescerà

L’economia russa crescerà probabilmente a un tasso simile a quello del 2017, ha dichiarato Ivan Karjakin, analista finanziario presso Global FX. “I principali fattori economici dovrebbero essere gli stessi. Il prezzo del petrolio, anche se fluttuante, non scenderà al di sotto dei 55 dollari al barile; il rublo rimarrà stabile, l’inflazione si attesterà a circa il quattro per cento e la crescita sarà modesta, non più del due per cento”, ha detto Karjakin, aggiungendo che i redditi reali probabilmente non cambieranno molto.

Roman Alekhin, fondatore dello studio legale Alekhin and Partners, ritiene che la crescita economica russa sarà bassa, con una possibilità di stagnazione. Un cambiamento favorevole dei prezzi del petrolio potrebbe stimolare la crescita, ma ci sono potenziali problemi se altre banche si vedranno revocare le licenze e se le tensioni geopolitiche provocheranno ulteriori sanzioni.

Mentre le previsioni di Alekhin tendono al pessimismo, quasi tutti gli altri esperti sono più ottimisti. Eldijar Muratov, presidente di Castle Family Office Singapore, pensa che anche se la crescita economica della Russia è ora inferiore a quella degli anni precedenti, ha però basi più solide.

“Nei prossimi due anni la crescita economica potrebbe registrare una piacevole sorpresa e potrebbe raggiungere il 2,8 per cento nel 2018, salendo leggermente al di sopra di questo livello nel 2019, anche se i prezzi del petrolio scendessero a 55 dollari al barile”, ritiene Muratov. “Questo è leggermente superiore alle attuali aspettative del mercato.” 

Il rublo rimarràstabile

Non bisogna aspettarsi sorprese dal tasso di cambio del rublo. “Il tasso di cambio rublo-dollaro ha trovato il suo equilibrio sotto quota 60 rubli, e c’è un’alta probabilità che questo valore non cambierà in modo significativo”, ha aggiunto Muratov.

Alcuni analisti pensano che la valuta russa potrebbe rafforzarsi. Petr Pushkarev, capo analista di TeleTrade, ritiene che il tasso di cambio del dollaro potrebbe fermarsi stabilmente a 53-55 rubli, il che renderebbe gli investimenti in rubli più redditizi.

“Per essere al sicuro, si può sempre coprirsi dai rischi, attraverso la Borsa di Mosca, con accordi rublo-dollaro o rublo-euro”, ha detto Muratov. Anche il cambio con l’euro si è piuttosto stabilizzato, sotto quota 70 rubli.

Gli eventi politici e sociali non danneggeranno leconomia

Sebbene importanti per il Paese, gli eventi del 2018, tra cui le elezioni presidenziali del 18 marzo e i Mondiali di calcio, non avranno molta influenza sull’economia. Gli stadi e le infrastrutture della Coppa del Mondo sono già stati costruiti, e l’arrivo di molti tifosi dall’estero potrebbe dare una spinta al rublo, ha detto Karjakin. Per quanto riguarda le elezioni, non porteranno a cambiamenti significativi nella politica economica.

“Vladimir Putin non ha una strategia economica perché non ne ha bisogno”, ha detto Karjakin. “Le riforme saranno introdotte sotto forma di decreti, che avranno in gran parte obiettivi sociali e populistici, e porteranno a una maggiore spesa pubblica”.

Un sacco di nicchie di mercato e di opportunitàdi investimento

Nel settore finanziario le obbligazioni offrono buone opportunità di investimento, ha detto Pushkarev, perché i rendimenti sono fissi e non dipendono dalla crescita economica. Inoltre, proprio come l’anno scorso, le offerte di titoli russi nel cosiddetto “carry trade” promettono buoni rendimenti, ha aggiunto Karjakin.

Per quanto riguarda gli altri settori, si possono trovare buone opportunità nell’information technology, nell’industria automobilistica, in quella mineraria, nel settore del legname, nell’agricoltura e nel turismo. Sarà utile dare un’occhiata da vicino ai settori e ai progetti supportati dallo Stato, perché godranno di una crescita migliore rispetto alle medie di mercato, ha affermato Pushkarev.

Nell’agricoltura, ad esempio, si potrebbe prendere in considerazione l’investimento nelle infrastrutture o nella trasformazione dei prodotti alimentari. Nel turismo, potrebbe essere redditizio investire in hotel, ristoranti e trasporti; ma questo significherebbe dover preferire regioni periferiche, piuttosto che le grandi città come Mosca, ha detto Karjakin.

“La Crimea è un posto molto interessante per gli investimenti. La regione è colpita dalle sanzioni occidentali, ma i rischi offrono molto potenziale a chi sceglierà di lavorare lì”, ha detto Karjakin. “Presto o tardi la questione della Crimea sarà risolta e la zona vedrà un’enorme ondata di investimenti da tutto il mondo, ma a quel punto sarà troppo tardi. Per ora i più coraggiosi investitori provengono dalla Cina, il che è un peccato”.

In generale, gli esperti dicono che il mercato russo ha ancora molti segmenti che non sono saturi o mancano di vera concorrenza. E sono proprio queste aree a offrire buoni ritorni sugli investimenti.

 

Raggiungere il successo negli affari in Russia non è facile, e ci sono alcune sfide legali ed economiche. Nonostante questo, alcuni uomini d’affari ce l’hanno fatta alla grande. Leggi i loro consigli. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond