Mosca lancia con Enel il car sharing elettrico

Global Look Press
Un nuovo investimento per mettere in circolazione minicar a emissioni zero entro il 2018. I dettagli dell’accordo non sono ancora stati rivelati ma si prevede di lanciare nel centro della capitale fino a 50 colonnine per ricaricare almeno 400 auto elettriche

Mosca dichiara guerra al traffico e all’inquinamento. E dopo il successo registrato dai servizi di car sharing, ora nella capitale russa ci si prepara ad accogliere il primo car sharing elettrico. Minicar a noleggio, quindi, a zero emissioni.
Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RFPI) e l’italiana Enel si preparano a lanciare nella capitale russa la versione elettrica del car sharing. Lo riporta il giornale Vedomosti. La firma dell’accordo è stata confermata da un rappresentante Enel, anche se non sono stati rivelati i dettagli della transazione.
Secondo quanto riportato da Vedomosti, Enel prevede di lanciare nel centro della capitale fino a 50 colonnine per ricaricare almeno 400 auto elettriche. Al momento non è noto che tipo di macchine saranno messe in circolazione. Il servizio, hanno fatto sapere, dovrebbe essere attivo entro la fine del 2018.
A Mosca intanto il servizio di car sharing sta prendendo sempre più piede: in attesa di veder circolare i veicoli elettrici, nella capitale si sono già affermate sei compagnie di car sharing. L’ultima società ad aver debuttato a Mosca nel settembre scorso con il primo crossover Renault Captur è stata l’italiana Easy Ride. Questa è già la sesta compagnia a essersi affacciata sul mercato della capitale dopo Delimobil, Car5, Anytime, YouDrive e Belka. In totale oggi nella capitale russa si contano più di 3.000 auto e circa 500.000 utenti attivi, per dei prezzi medi di noleggio che variano dai 5 ai 16 rubli al minuto (0,07-0,23 euro).

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più