La vita d’estate in dacia raccontata dai pittori russi

Le tavole imbandite, i momenti di ozio, l’ora del tè. L’estate per i russi è sinonimo di dacia: un paradiso di quiete e relax immerso nella natura e magistralmente ritratto dai pittori di ogni epoca

1 / Lev Lagorio. Dacia. 1892

Le case di campagna della ricca nobiltà, o come in questo caso, i “palazzi” di campagna, apparvero nella metà del XVIII secolo; venivano utilizzati soprattutto d’estate perché il più delle volte non avevano il riscaldamento. 

2 / Vladimir Makovskij. L’arrivo in dacia. 1899

Fare i bagagli per trasferirsi in dacia nei mesi estivi equivaleva a un vero e proprio trasloco: si portava di tutto! Inoltre, dopo l’inverno, era necessario organizzare una pulizia generale della casa che era rimasta chiusa per mesi. 

3 / Konstantin Korovin. Al tavolo da tè. 1888

Fino alla metà del secolo scorso, l’usanza di bere il tè all’aperto con un grande samovar era molto diffusa. Quando arrivavano ospiti si poteva trascorrere l’intera giornata così, seduti a tavola sorseggiando tazze di tè e godendosi la dolce brezza estiva. Un dettaglio immancabile era il raffinato vasellame di ceramica. 

4 / Nikolaj Bykovskij. In dacia. Una ragazza pulisce le bacche. 1880

La vita in dacia non concede un minuto di riposo! Le attività più frequenti sono la raccolta delle bacche e la preparazione delle conserve per l’inverno successivo. 

5 / Isaak Levitan. Tramonto in dacia. Anni ‘90 del 1800

In questo quadro il maestro dei malinconici paesaggi russi, Isaak Levitan, mostra il volto quieto e sonnolento di una dacia al tramonto, illuminata da una luce soffusa che filtra dalle finestre. 

6 / Ilja Repin. Nella dacia dell’Accademia. 1898

Anche l'Accademia delle Arti di San Pietroburgo aveva la sua “dacia”. In estate gli studenti e i maestri si recavano in campagna per studiare e lavorare all’aria aperta.

7 / Boris Kustodiev. In terrazza. 1906

Kustodiev dipingeva spesso la vita dei mercanti; e bere il tè dal samovar era uno dei suoi soggetti preferiti. 

8 / Aleksandr Kiselev. Una dacia in Crimea. 1906

Una dacia sul mare era un lusso speciale. Molti artisti e scrittori famosi ne possedevano una in Crimea; anche gli zar, ovviamente, avevano le loro residenze estive. L’aria pulita, la natura, l’acqua di mare e il sole avevano un effetto straordinariamente curativo.

9 / Vladimir Makovskij. Spettacolo di marionette in dacia. 1908

I bambini trascorrevano il tempo libero con gli amichetti delle dacie circostanti, e spesso venivano organizzate attività collettive per tutti i ragazzi del vicinato.

10 / Marc Chagall. Una finestra della dacia. 1915

Gli alberi di betulla che si scorgono al di là della finestra punteggiano ovunque il paesaggio della campagna russa. Gli amanti di Chagall, che in altri quadri si librano felici sulla città, qui hanno probabilmente deciso di rilassarsi nella quiete di una dacia. 

11 / Vitold Byalynitskij. Dacia immersa nel verde, 1910

Una dacia non può prescindere da un orto da coltivare e da un frutteto; immancabili anche i fiori. C’è sempre molto lavoro da fare, ma è una gioia immensa per gli occhi.

12 / Isaac Brodskij. Foglie cadute. 1929

La stagione della dacia non tramonta con il finire dell’estate: molti si trattengono anche in autunno, fin quasi all’arrivo del freddo, in modo da poter ammirare il tripudio di colori che tinge il paesaggio di oro, rosso e arancio.

13 / Sergej Vinogradov. In dacia. 1932

La dacia ha mantenuto la sua importanza anche dopo la Rivoluzione. Ufficiali militari, burocrati, studiosi e scienziati avevano i loro appezzamenti di terra dove trascorrevano le vacanze estive con la famiglia. 

14 / Fjodor Reshetnikov. In dacia. 1949

Reshetnikov ha ritratto magistralmente la vita dei bambini sovietici, e con questo quadro ci racconta le loro giornate di ozio e relax in dacia.

15 / Maria Pavlova. In dacia. 2013

Estate, bambini, tè e gattini: la dacia è ancora oggi un’oasi di pace.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie