I colori della Russia nei quadri di Marc Chagall

Nel libro "La mia vita" Chagall descrive alcuni periodi della sua esistenza e i suoi soggiorni in Russia

Nato in Bielorussia nel 1887, Marc Chagall è uno degli artisti più famosi del XX secolo / Finestra sul villaggio, Galleria Tretyakov, Mosca, 1915
Chagall visse quattro anni in Russia. La prima volta nel 1915 come studente della Società ebraica per il sostegno delle arti a San Pietroburgo / Finestra sul giardino, Casa-Museo di Brodsky, San Pietroburgo, 1917
Nel 1917, durante la Rivoluzione, tornò a Vitebsk, sua città natale, dove apri una scuola di arte / Vista da una finestra. Vitebsk, Galleria Tretyakov, Mosca, 1914
Nel 1920 Chagall fece ritorno a Mosca, dove iniziò a lavorare come artistic designer presso il Teatro da Camera ebraico. L'anno successivo Chagall iniziò a insegnare alla Scuola della comunita ebraica per i bambini di strada / Il bagno del bambino, Museo statale di storia e architettura, Pskov, Russia, 1916
Nel 1909 a Vitebks Chagall incontrò l'amore della sua vita, Bertha (Bella) Rosenfeld, e molte delle sue creazioni furono dedicate a lei. La sua immagine si trova in oltre duemila dipinti / Bella con colletto bianco, disegnato a San Pietroburgo, collezione privata, 1917
"La mia camera era invasa da una luce blu intensa, proveniente da una finestra solitaria. Veniva da lontano, da una collina sulla quale sorgeva una chiesa. La collinetta e la chiesa sono apparse in molti miei ritratti. Mi è sempre piaciuto dipingerle" / Villaggio russo, collezione privata, 1929
Chagall fa spesso riferimento alla sua vita in Russia: "Mia moglie, la mia cara figliola, la bambinaia ed io dormivamo insieme nella stessa stanza. Si accendeva la stufa. E l'umidità iniziava a gocciolare dal tetto, tanto da far lacrimare gli occhi: lacrime di fumo e gioia. Il vento soffiava pacificamente" / Amanti in rosa, disegnato a San Pietroburgo, collezione privata, 1916
"Ho dipinto il tuo ritratto, David. Stai ridendo di cuore, i denti scintillanti, reggendo un mandolino. Tutto è sui toni del blu" / Ritratto del fratello David con il mandolino, Galleria d'Arte di Primorsky Kray, Vladivostok, Russia, 1914
Nel 1922 emigrò in Europa e successivamente negli Stati Uniti, dove si fermò quando scoppiò la Seconda guerra mondiale / Villaggio russo sotto la luna, disegnato a Parigi, Staatsgalerie Moderner Kunst, Monaco, Germania, 1911
Trascorse parecchio tempo prima che l'artista facesse ritorno in Russia. Nel 1973, su invito del ministro della Cultura dell'Unione Sovietica, Chagall visitò Mosca e Leningrado. Nella Galleria Tretyakov di Mosca venne allestita un'esposizione a lui dedicata / Matrimonio, Galleria Tretyakov, Mosca, 1918
Nel libro "La mia vita" Chagall descrive alcuni periodi della sua esistenza e i suoi soggiorni in Russia: "In serata mio zio mi portò a San Pietroburgo per alcuni trattamenti. I dottori del posto mi diedero tre giorni di vita. Stupendo! Ogni giorno la morte si fa sempre più vicina. Sono un eroe. È andata a finire che il cane aveva la rabbia"
"Attraversando la Neva, decisi che il ponte era sospeso dal cielo" / La passeggiata, Museo Russo, San Pietroburgo, 1918

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie