Le dieci più belle canzoni russe sulla Seconda Guerra mondiale

TASS
Sono ancora molto amate nella Russia contemporanea e rientrano tutte nella hit del Giorno della Vittoria. Alcune furono composte prima del conflitto, alcune durante, altre dopo (anche come colonna sonora di film), ma tutte fanno venire gli occhi lucidi

1 / Давно мы дома не были – Da tanto tempo non siamo a casa

Originariamente questa canzone, scritta nel maggio del 1945 dalle parti di Königsberg () (oggi la russa Kaliningrad), aveva dei versi che recitavano: “In Germania, in Germania, terra maledetta”. Tuttavia, dopo la fine della guerra, fu deciso di cambiare quel “maledetta” in “lontana”.

2 / Марш артиллеристов – Marcia degli artiglieri

Questa canzone, dedicata al “Dio della guerra”, l’artiglieria (definizione di Stalin), fu scritta nel 1943 e divenne immediatamente popolare. Dopo la destalinizzazione, il verso “Artiglieri, Stalin ha dato l’ordine!”(“Stalin dal prikaz”) furono cambiati in “Artiglieri, l’ordine dato è esatto!” (“tochnyj dan prikaz!”).

3 / Пора в путь-дорогу – È l’ora di mettersi in strada

La canzone è stata scritta appositamente per uno dei film sovietici più amati, “Nebesnyj Tikhokhod” (1945). Racconta la storia di tre piloti, tre ufficiali e migliori amici, che giurano di non innamorarsi fino alla fine della guerra. Ma i loro piani vengono rovinati dopo aver incontrato uno squadrone di aviazione femminile.

4 / Смуглянка – Moretta

Considerata una delle canzoni sovietiche più famose sulla Seconda Guerra Mondiale, Smugljanka (“mora”, “moretta”) è stata scritta… prima della guerra! Apparve nel 1940 e racconta la storia di una ragazza moldava che si era unita ai partigiani durante la Guerra civile russa (1918-1922). Tuttavia, si adatta perfettamente anche ai tempi della Grande Guerra Patriottica. La seconda “rinascita” della sua popolarità avvenne nel 1973, quando fu inserita in uno dei migliori film di guerra, il più amato dai russi, secondo una recente classifica: “V boj idut odni stariki” (“In battaglia vanno solo i vecchi”). 

LEGGI ANCHE: I dieci migliori film sovietici sulla Seconda guerra mondiale secondo i russi 

5 / Вечный огонь – Fiamma eterna

Questa canzone è stata scritta nel 1971 per il film patriottico sovietico “Ofitsery” (“Gli ufficiali”), che racconta di vite dedicate al servizio della Patria. Lì, era interpretata dall’aiuto regista del film, Vladimir Zlatoustovskij, che non era un cantante professionista. Nonostante ciò, la sua esibizione è diventata un cult.

6 / Священная война – La guerra sacra

Questa canzone apparve il 24 giugno 1941, ossia nel terzo giorno dell’invasione tedesca. Motivò fortemente i soldati a difendere la Patria, e quindi fu considerata la canzone principale del primo periodo della guerra, il più difficile del conflitto. La canzone è stata tradotta in diverse lingue, tra cui tedesco, ungherese e polacco. Di versioni polacche ne esistono addirittura due: con menzione dell’Unione Sovietica e senza.

7 / Эх, дороги… – Eh, strade…

Questa canzone fu scritta dopo la guerra, nell’autunno del 1945, per una rappresentazione teatrale. Tuttavia, la sua popolarità è andata ben oltre quello spettacolo ed è ancora amata ai nostri giorni.

8 / Тёмная ночь – Notte oscura

Questa canzone è stata scritta nel bel mezzo della guerra, nel 1943, per il film “Dva bojtsà” (“Due guerrieri”; “Due soldati”), nel quale era interpretata dal popolare artista Mark Bernes. Secondo i sondaggi, condotti dalla rivista “Russkij Reportjór” nel 2015, i suoi versi occupano il 25° posto tra i primi 100 testi poetici più popolari in Russia. La canzone è il tema musicale principale anche del film polacco “Cenere e diamanti” di Andrzej Wajda (1958), del corto israeliano “Layla Afel (Dark Night)” di Leonid Prudovsky (2005) e dell’horror svedese “Frostbite” di Anders Banke (2006).

9 / Катюша – Katjusha

Proprio come “Smugljanka” (si veda al numero 4), Katjusha (una forma diminutiva-vezzeggiativa del nome “Ekaterina”) è stata scritta prima della guerra, nel 1938, ma ha guadagnato la sua popolarità durante il conflitto. La canzone è la fonte del soprannome di una potente arma sovietica: i lanciarazzi BM-8, BM-13 e BM-31 “Katjusha”. I russi, secondo il sondaggio della rivista “Russkij Reportjór” del 2015, hanno messo i suoi versi al 13° posto tra i più popolari testi poetici del Paese.

10 / День Победы – Giorno della vittoria

Questa canzone è stata scritta dal compositore David Tukhmanov nel 1975 per il 30° anniversario della vittoria sulla Germania nazista, e in breve è diventata un vero simbolo della Grande Guerra Patriottica. Nessuna celebrazione del Giorno della Vittoria si tiene in Russia senza che risuoni. Nel summenzionato sondaggio di “Russkij Reportjór”, i suoi versi occupano il 5° posto. Come ha detto il compositore Vladimir Shainskij, “la canzone sembra aver cambiato il tempo. Sebbene sia stata scritta tre decenni dopo la guerra, ora sembra che sia stata lei ad aiutarci a ottenere la vittoria”.


La colonna sonora dell’anima russa: 10 canzoni per capirla 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie