Chastushki: gli stornelli popolari russi dall’ironia corrosiva

Moskva Agency
Nei villaggi ci si è sempre divertiti un sacco a comporre canzoni in rima maliziose, e a cantarle con l’accompagnamento della fisarmonica o della balalajka. I temi? Ovviamente, sesso, lavoro e politica

I canti popolari russi non parlano sempre e solo di betulle e di valenki. Immaginate: al caldo dell’estate tanto attesa, i giovani escono a far festa per le strade del villaggio e si alternano a cantare brevi versi dal contenuto “piccante”, inventati sul momento.

Tradurre questi stornelli conservando la rima non è sempre facile, e a volte è impossibile. Ma noi ci proveremo, magari prendendoci qualche licenza poetica e fornendovi in ogni caso l’originale.

По деревне мы идем

Всем подарки раздаем

Кому сына, кому дочь

Чтобы Родине помочь

***

Per il villaggio andiamo

a tutte un regalin portiamo

a chi un figlio, a chi una figlia

per aiutar patria [e famiglia]!

Dall’amore alla politica, in rima

A studiare questo tipo di arte si è cominciato solo nella seconda metà del XIX secolo. Lo scrittore Gleb Uspenskij (1843-1902) pubblicò una raccolta di canti popolari, definendo quelli più corti e ritmati “chastushki” (al singolare: частушка; chastùshka, che si pronuncia “cistùshka”), dal verbo colloquiale “частить” (chastit’; pronuncia: “cistìt”) che significa “fare frequentemente” o, in questo caso “parlare fitto”.

Stornelli dal film “Soldàt Ivàn Bróvkin” (1955) del regista Ivan Lukinskij

Questi stornelli venivano eseguiti con l’accompagnamento del garmon (un tipo di fisarmonica) o della balalajka, e ogni regione e etnia della Russia ne aveva di propri: i tatari i loro, i mari i loro, e così i ciuvasci o i baschiri. Cambiano le melodie e anche le lingue, e i temi sono i più vari. Si può dire che le chastushki riflettano tutti gli avvenimenti di cui il popolo è testimone. E cos’è che in ogni tempo interessa e preoccupa le persone? I rapporti con l’altro sesso, il lavoro, e, ovviamente, non può mancare un po’ di politica.

La più diffusa forma di chastushka è sicuramente la “Семеновна” (“Semjónovna”): su questo motivo vengono inventati di volta in volta testi diversi sulle ragazze e la vita nel villaggio (“Semjónovna” è un patronimico femminile: “figlia di Semjón”). Non è necessario ballare, ma come non farlo con un ritmo simile?

“Эх, Семеновна, пою от скуки я,

Пою и думаю, какая жизнь моя”

***

“Eh Semjónovna, io canto sai dall’uggia

Canto e penso, che faccio una vituccia!”

Dopo la Rivoluzione del 1917 nel Paese apparvero un sacco di stornelli politici, per esempio “Яблочко” (“Jàblochko”; “melina”), canto dei marinai rivoluzionari.

Viene ritenuto un canto popolare, perché su questo motivo si possono sentire un enorme numero di improvvisazioni. È ben interpretata anche nel film tratto dal romanzo “Cuore di cane” di Mikhail Bulgakov, ed è la prima cosa che inizia a cantare il cane Sharik (nella versione italiana “Pallino”) dopo essere diventato uomo.

Эх, яблочко, ты мое спелое,

А вот барышня идет кожа белая,

Кожа белая, а шуба ценная,

Если дашь чего - будешь целая.

Эх, яблочко, да с голубикою,

Подходи буржуй глазик выколю,

Глазик выколю - другой останется,

Чтоб видал говно кому кланяться.

***

Ehi, melina mia, sei proprio matura

Ecco una signorina, dono della natura

Ha le pelle bianca e la pelliccia buona

Se gliela dai, il marinaio ti perdona!

Ehi, melina mia, seme di finocchio

Vieni qua borghese, che ti cavo un occhio!

Tanto te ne basta solo uno d’occhi

per vedere il bastardo a cui t’inginocchi!

Gli scrittori, così come gli sceneggiatori e i registi del periodo sovietico ricorrevano piuttosto spesso all’uso degli stornelli popolari. Per esempio, i personaggi di “Le dodici sedie”, romanzo di Ilja Ilf ed Evgenij Petrov del 1928, alla vista di Ostap Bender, truffatore che si presenta loro sotto le mentite spoglie di un ispettore anti incendio, cantano:

На стене клопы сидели

И на солнце щурились,

Фининспектора узрели –

Сразу окочурились…

***

Le cimici sul muro se ne stavano

e per il sole gli occhi socchiudevano

Ma quando hanno scorto l’ispettor fiscale

hanno preferito subito crepare!

Tra la gente del popolo, ovviamente, le chastushki erano ben più satiriche, soprattutto quando il discorso cadeva sulla cronica mancanza di prodotti alimentari. Comprensibilmente questi testi politicamente pericolosi non venivano cantati in presenza di estranei e non venivano messi per iscritto, anche se è stato possibile trovarne alcuni negli archivi privati, in alcune regioni della Russia. 

В Ворошиловском совхозе

Переменна пища:

Утром чай, в обед чаек,

Вечером чаище.

***

Nel Sovkhoz “Voroshilov”

il cibo è molto vario:

la mattina tè, a pranzo un teino

e la sera un teuccio 

Una tradizione che continua fino a Putin

Ai tempi della Perestrojka e della glasnost, gli stornelli politici iniziarono a essere cantati apertamente, seppure fossero diventati ormai molto poco popolari tra la gioventù, che preferiva di gran lunga la musica commerciale occidentale. In ogni caso, ancora oggi ci sono artisti specializzati in chastushki d’autore.

E di questi sonetti salaci ce ne sono anche con protagonisti i politici contemporanei. Per esempio questo stornello dello spettacolo “Den vyborov” (“Il giorno delle elezioni”) è diventato molto famoso grazie all’unione tra l’umorismo e il soggetto. La storia è triste: in un villaggio le donne non riuscivano a raggiungere l’orgasmo. E le avevano provate tutte, senza successo! Finché non arrivò l’aiuto dall’alto.

И сказал тогда народ:

«Путина харизма

Очень сильную дает

Встряску организму».

Девки глянули в окно:

А в окне все ближе

Едет Путин в кимоно

И на горных лыжах.

Девки выскочили вон

В чем их мать родила…

Поглядел на девок он.

Тут их и накрыло!

***

E disse allora la gente

“Il carisma di Putin

dà all’organismo

una bella scossa”.

Le donne guardarono dalla finestra:

e là, sempre più vicino,

arrivava Putin 

col kimono e sugli sci

Le donne uscirono fuori

come mamma le aveva fatte

Lui le guardò

e loro vennero!


Le migliori barzellette su Stalin, che potevano costare il gulag o la vita a chi le raccontava 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie