L’arte veneziana torna a casa: 70 capolavori da San Pietroburgo a Mestre

Il teatro Bolshoi (facciate laterali)/Quarenghi

Ufficio stampa
Dopo secoli, alcuni quadri di incredibile valore conservati all’Ermitage si riaffacciano in Laguna per la mostra “Venezia e San Pietroburgo. Artisti, principi e mercanti”, al Centro Culturale Candiani dal 18 dicembre al 24 marzo 2019. La collezione va da Veronese a Tiziano, fino a Tiepolo, Canaletto e Guardi e include una singolare opera tarda di Jacopo Tintoretto

Venezia e San Pietroburgo sono due città riflesse nell’acqua, che, guardandosi, da oltre tre secoli si riconoscono l’una nell’altra. Il filo rosso che le lega è una trama fatta di architetti, musicisti, artisti, principi, mercanti, ambasciatori e di centinaia e centinaia d’opere d’arte che, seguendo vie e vicende diverse, hanno lasciato negli anni la città lagunare e i territori della Serenissima per raggiungere le terre russe e la magica città fondata nel 1703 da Pietro il Grande.

Ritratto di Alvise Garzoni/Pietro della Vecchia

Oggi il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo custodisce una delle più ricche collezioni di arte veneziana al mondo e la formazione di questa raccolta è uno fra i più avvincenti capitoli della storia del collezionismo. A riannodare i fili della relazione tra le due città e a riportare – sia pure temporaneamente – nella terra natia alcuni dei capolavori veneti emigrati in Russia, è la mostra “Venezia e San Pietroburgo. Artisti, principi e mercanti” al Centro Culturale Candiani di Mestre, aperta dal 18 dicembre 2018 al 24 marzo del 2019.

Diana ed Endimione/Giovanni Battista Pittoni

La grande esposizione documenta, grazie a 70 tra dipinti e disegni di grandi maestri veneti dal Cinquecento al Settecento provenienti dall’Ermitage, in alcuni casi mai esposti prima e qui in dialogo con opere delle collezioni civiche veneziane, non solo i percorsi che hanno condotto l’arte della Serenissima nel museo russo, ma anche inediti intrecci culturali tra le due città.Veri e propri cortocircuiti del collezionismo e forse del destino. È il caso degli album Beurdeley, di proprietà del Museo di San Pietroburgo, e Gatteri del Gabinetto disegni e stampe del Museo Correr: ossia i più bei quaderni di disegni su carta azzurra di Giambattista e Giandomenico Tiepolo. In questa occasione, per la prima volta, alcuni fogli dei due quaderni saranno esposti insieme. Oppure è il caso dei dipinti di Pietro Longhi appartenuti a Giovanni Grimani, divisi tra l’Ermitage e i Musei Civici di Venezia e ora riuniti nella mostra di Mestre.

Capriccio con rovine/Luca Carlevariis
Veduta di un porto fluviale/Luca Carlevariis

Ma non è certo solo la pittura a unire le due città, ma anche l’architettura, grazie soprattutto a quell’architetto tanto amato da Caterina II che fu il bergamasco Giacomo Quarenghi (Bergamo era allora parte della Serenissima). Appassionata di architettura e di giardini, Caterina II arrivò a definire Quarenghi il “suo” architetto. Tra i numerosi edifici di Quarenghi ci sono il Teatro dell’Ermitage, gli interni di rappresentanza del Palazzo d’Inverno, tra cui la Sala grande del trono e la cosiddetta Loggia di Raffaello. Tra i disegni dell’architetto esposti ci sono quelli relativi al Palazzo della Borsa e al Palazzo di Alessandro a Tsarskoe Selò.

Veduta di San Giovanni dei Battuti a Murano/Canaletto
Veduta di San Giorgio Maggiore con la punta della Guidecca/Guardi
Arista nello studio/Giovanni Battista Tiepolo
Il ratto delle donne sabine/Novelli

Appassionati di arte russa? Ecco altre due importanti mostre in corso in Italia:

The Russian Way. Da Dionisio a Malevich, Roma, Braccio di Carlo Magno dei Musei Vaticani, fino al 16 febbraio 2019  

Marc Chagall, come nella pittura cosìnella poesia, Mantova, Palazzo della Ragione, fino al 3 febbraio 2019 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie