I dieci mezzi di trasporto magici delle fiabe russe

Preferite il mortaio volante o andare in giro su una stufa? Certo un cavallo parlante potrebbe farvi compagnia, ma forse fareste più colpo in città cavalcando un lupo grigio… Ecco la superclassifica dei modi più incredibili di spostarsi inventati dalla fantasia russa

10. Il Cavallo parlante

Il piccolo cavallo Konek-Gorbunok (“Cavallino-gobbetto”) sembra un po’ impresentabile. È piccolo, magro e ha orecchie lunghe e sgraziate. Ma non saltate alle conclusioni. Nonostante l’apparenza trasandata, corre come un’auto sportiva, balla, fa da guardia del corpo e tira sempre il suo proprietario fuori dai guai. Inoltre gli trova la ragazza più bella della città, ed è pronto anche per un abbraccio consolatorio quando le cose si fanno un po’ malinconiche.
Tuttavia, nonostante questi tratti meravigliosi, un cavallo, anche se parla, è pur sempre un cavallo, ed è per questo che è così basso in classifica.

9. Il Lupo grigio

Questo mezzo di trasporto è molto simile al cavallo parlante, ma un po’ più aggressivo. Condivide con lui la maggior parte dei tratti, ma ha un atteggiamento ben più deciso su strada. Immaginate di andare in città sul dorso di un gigantesco lupo grigio… Non sorprende che il proprietario del lupo abbia problemi con la ragazza sul sedile posteriore…
P.S. Secondo la fiaba, il lupo mangia il cavallo di Ivan Tsarevich, quindi ovviamente questa modalità di trasporto è più avanzata. Almeno nella catena alimentare.

8. La Slitta magica

Spinta solo dalla volontà del pilota e dal potere soprannaturale di un luccio magico che aveva liberato in precedenza, questa slitta che avanza senza bisogno di cavalli era un tempo l’apice dell’antica ingegneria slava. Il veicolo magico ha tuttavia un difetto importante. È decappottabile, ma il design lussuoso lo rende un po’ scomodo quando si guida in inverno, mentre è completamente inutile in estate (in quanto non ha ruote, ma solo pattini).

7. Gli stivali buoni camminatori

Buttate le vostre scarpe da jogging e preparatevi a indossare queste calzature vintage. La versione russa degli Stivali delle sette leghe di fama internazionale sono i sapogì-skorokhody (“stivali-buoni-camminatori”). Sono stivali veloci che permettono di fare passi lunghi sette miglia. Dato che non si sa se si possono frazionare, c’è sempre il pericolo di oltrepassare la propria destinazione di qualche miglio. Forse sono antiquati, dopotutto.

6. Il Mortaio levitante

Per guidare questo veicolo bisogna essere streghe e si applica anche una certa limitazione di età. Si sa che solo Baba Jagà, una vecchia strega, si sposta su un mortaio. A giudicare dal suo design (si tratta del mortaio russo, alto e di legno, con un lungo pestello, simile a un bastone), si può concludere che cavalcare un mortaio assomigli all’esperienza su un hoverbike: grande manovrabilità, ma anche tanto vento in faccia. Va bene per brevi viaggi estivi, ma è terribile per lunghi viaggi, specie con il clima russo.

5. Il Tappeto volante

Chiunque conosca “Aladino” sa come si presenta un tappeto magico. Il prototipo realizzato in Russia è simile, cambiano solo i colori della tessitura. Inoltre, Aladino non parcheggiava il suo tappeto fissandolo al muro, cosa che negli appartamenti russi pare molto frequente.

4. L’uccello in legno volante

Questo veicolo è stato sviluppato da un ingegnere autodidatta appassionato di volo, quindi non è mai andato in produzione in serie. È un peccato, perché se fosse stato prodotto su vasta scala, i russi avrebbero potuto rivendicare il copyright del primo Boeing mai costruito nella storia.

3. La Nave volante

Stessa idea, migliore esecuzione. Questo veicolo è un parente stretto del velivolo in legno di cui sopra. Se l’uccello in legno può trasportare solo due persone, il pilota e un passeggero, la nave volante è abbastanza spaziosa da ospitare una festa estiva da qualche parte nel Mediterraneo. Come bonus, potete sempre stupire i vostri amici con una bella spruzzata d’acqua, ammarando.

2. La Capanna sulle zampe di gallina

Conveniente, spazioso e affidabile, questo crossover di fabbricazione russa non è riuscito a conquistare i mercati esteri, ma ha guadagnato una reputazione leggendaria in Russia. La capanna (una izbushka in russo; una piccola isba) sulle zampe di gallina è essenzialmente un fuoristrada (le versioni più piccole rientrano nella categoria Suv) combinata con l’interno di una roulotte. Cos’altro si può desiderare? Ancora una volta, è Baba Jagà a rivendicare i diritti sul veicolo, come se il mortaio levitante non fosse abbastanza per la vecchia signora.

1. La Stufa senza pilota

Signore e signori, sul gradino più alto del podio c’è la leggendaria stufa russa. Questo veicolo era in grado di guidarsi da solo prima che Google, Tesla e Yandex iniziassero a lavorare sulla tecnologia senza pilota, e disponeva di una funzione avanzata di controllo del clima in grado di mantenere i passeggeri al caldo anche con temperature sotto lo zero.
La versione standard viene fornita con un servizio di cottura 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sotto forma di un forno facilmente raggiungibile integrato nel corpo del veicolo. Basta salire su questa meraviglia dell’ingegneria, per partire per viaggi lunghi o brevi, sempre al caldo, con provviste appena sfornate per tutto il percorso. Non c’è bisogno di impostare il navigatore, basta dire dove si vuole andare e lasciare che la stufa faccia il resto.

E comunque in Russia potrete sempre trovare auto incredibili. Guardate per esempio questo mezzo vintage a otto ruote rinvenuto in Siberia.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond