Il premio “Raduga” cerca nuovi talenti letterari

Global Look Press
Pubblicato il bando della prossima edizione, al quale possono partecipare giovani autori e traduttori sia italiani che russi. Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 20 gennaio 2018

Torna una nuova edizione del premio “Raduga”, il concorso letterario riservato ai giovani autori e traduttori italiani e russi tra i 18 e i 35 anni. E per la IX edizione, in programma il prossimo anno, si cercano nuovi talenti. Il bando per partecipare è appena stato pubblicato.

Due le giurie, composte da esponenti del mondo editoriale e letterario dei due Paesi, che valuteranno racconti e traduzioni per eleggere i vincitori, italiani e russi, nelle due categorie ‘Giovane narratore dell’anno’ e ‘Giovane traduttore dell’anno’.

Il termine ultimo per l’invio degli elaborati (che devono pervenire alla mail) è il 20 gennaio 2018. Oltre alla pubblicazione delle opere sull’Almanacco letterario bilingue edito da Conoscere Eurasia, i vincitori riceveranno anche un premio in denaro: 5.000 euro per il ‘Giovane narratore dell’anno’ e 2.500 euro per il ‘Giovane traduttore’.

Nato nel 2010 per promuovere l’interscambio culturale tra Italia e Russia, il Premio Raduga è promosso dall’Associazione Conoscere Eurasia di Verona e dall’Istituto Letterario Gorkij di Mosca in collaborazione con la Fondazione Russkij Mir e il Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma (RosSotrudnichestvo), con il patrocinio dell’Agenzia Federale per la stampa e le comunicazioni di massa della Federazione Russa (Rospechat) e il sostegno di Banca Intesa Russia, Fiera Milano Congressi e Siirtec Nigi S.p.A. La premiazione si terrà a Irkutsk, in Siberia, il 29 giugno 2018.

La giuria italiana del Premio è composta da Inge Feltrinelli (presidente), Marco Drago, Flavio Ermini, Maria Pia Pagani, Stefania Pavan e Alberto Rollo.

Per scaricare il bando cliccare qui

 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie