Possono gli stranieri utilizzare le biblioteche russe?

La Biblioteca di Stato russa, meglio conosciuta come “Leninka”. La Biblioteca si trova in centro a Mosca, a pochi passi dal Cremlino

La Biblioteca di Stato russa, meglio conosciuta come “Leninka”. La Biblioteca si trova in centro a Mosca, a pochi passi dal Cremlino

Legion Media
Quali documenti servono per fare la tessera? È obbligatoria la residenza? Si possono prendere libri in prestito o solo in consultazione? Ecco le regole nelle principali biblioteche di Mosca, San Pietroburgo e qualche esempio della lontana provincia russa

Come iscriversi alla Biblioteca di Stato Russa
La biblioteca più grande del Paese mette russi e stranieri sullo stesso piano. Per iscriversi alla Biblioteca di Stato russa, colloquialmente conosciuta come “Leninka”, bisogna aver compiuto 18 anni. Basta portare un documento di identità e 100 rubli (circa 1,50 euro) e sul posto vi faranno la foto per la vostra tessera. Non potete prendere libri in prestito esterno, ma c’è un enorme archivio digitale. Se dovete aspettare a lungo per una copia cartacea, c’è un caffè buono ed economico. Immaginate quanti geni hanno mangiato qui, e forse qualcuno è seduto ancora adesso vicino a voi! Sito internet della biblioteca. 
Come iscriversi alle altre principali biblioteche moscovite
Anche la gran parte delle altre grandi biblioteche di Mosca sono aperte agli stranieri. L’unico problema è che i libri possono essere presi in prestito solo da chi è residente a Mosca o nella Regione di Mosca.

La biblioteca

Linguisti e traduttori saranno felici di sapere che la Libreria di Stato Panrussa per le Letterature Straniere “Margarita Rudomino”, colloquialmente nota come “Inostranka”, è aperta agli stranieri e per loro è gratis. È necessario presentare un documento d’identità, ma i libri possono essere presi in prestito solo se avete la registrazione di residenza a Mosca per un periodo di almeno un anno. Sito internet della biblioteca.
La Biblioteca Russa Storica di Stato, colloquialmente nota come “Istorichka” ha regole di accesso più restrittive e richiede non solo un documento di identità, ma anche un documento che comprovi che state studiando o insegnate in una istituzione universitaria. I suoi servizi sono gratuiti, ed ha un archivio senza pari di stampa periodica e altri materiali storici. Dispone di un catalogo digitale dove potete cercare un libro o un periodico in anticipo. Secondo i bibliotecari gli stranieri la visitano spesso. Sito internet della biblioteca. 
Biblioteche popolari e moderne come la Biblioteca di Stato russa per la gioventù o la Biblioteca Turgenev sono aperte a tutti. La registrazione è gratuita, serve solo un documento di identità.
C’è poi una lunga lista di biblioteche situate più o meno in zona centrale a Mosca, dove gli stranieri possono iscriversi solo con un documento di identità. Quasi tutte le biblioteche ora dispongono di un’area di co-working con computer e wi-fi e di caffè, e spesso ospitano spettacoli ed eventi formativi.

Una delle sale della Biblioteca

Come iscriversi alle biblioteche di quartiere
Nelle biblioteche di quartiere le regole sono praticamente le stesse. Gli stranieri devono mostrare un documento di identità. Ma alcuni istituti richiedono anche la registrazione di residenza a Mosca. La Biblioteca Esenin n. 186 di via Krzhizhanovskij 15/5 dà il benvenuto agli stranieri nelle sue sale di lettura.
La Libreria di Scienze e Tecnologia dice di non avere molti stranieri tra i suoi visitatori, tranne qualche italiano. Questo il suo sito internet. 
Cosa succede nelle altre città?
Anche gran parte delle Biblioteche di San Pietroburgo sono pronte ad accogliere gli stranieri, e molti di loro affollano spesso la Biblioteca Nazionale Russa. Come a Mosca, generalmente serve un documento di identità. La Biblioteca Nikolaj Gogol richiede anche la registrazione della residenza a San Pietroburgo, ed è spesso piena di lettori provenienti da Cina, Corea del Sud e dagli Stati Baltici.

La sede della biblioteca di Irkutsk

Una delle più grandi biblioteche russe, la Biblioteca Statale Universale Regionale Scientifica di Murmansk, situata a ridosso del Circolo polare artico, accetta stranieri con documento di identità e senza (ma in questo caso i servizi saranno ridotti). I visitatori esteri più frequenti sono giapponesi, norvegesi, finlandesi e britannici.
Gli impiegati della Biblioteca Regionale Universale Scientifica “Pushkin” di Magadan dicono che nell’ultimo decennio, parallelamente alla crescita di interesse per la città e per la regione della Kolymà, è aumentato anche il numero di stranieri nelle sale di lettura, spesso ricercatori impegnati a studiare la storia dei Gulag. I più numerosi provengono da Francia, Germania, Svezia, Usa e Romania. Gli stranieri non hanno limitazioni, ma il documento d’identità è richiesto. E se avete una registrazione di residenza temporanea a Magadan, potrete anche prendere i libri in prestito.
Per tutte le altre biblioteche in giro per la Russia, ecco l’elenco completo dove trovare informazioni.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale