Urss, un Paese allo specchio: a Milano le foto di una società scomparsa

Ragazza al mare, Unione Sovietica. Fonte: ufficio stampa

Ragazza al mare, Unione Sovietica. Fonte: ufficio stampa

In occasione della Photo Week, la settimana dedicata all’arte della fotografia, l’associazione Italia Russia ha presentato al pubblico alcuni degli scatti del suo storico archivio, unico al mondo: oltre cinquemila immagini originali realizzate da fotoreporter professionisti tra gli anni Cinquanta e Novanta che raccontano un’epoca che non c’è più

Oltre cinquemila fotografie stampate in bianco e nero e a colori. All’associazione Italia Russia è nascosto un piccolo tesoro, diventato patrimonio pubblico dalla fine del 2016 grazie a un sito e ora svelatosi “dal vivo” in occasione della Photo Week, la kermesse dedicata alla fotografia, organizzata a Milano dal 5 all’11 giugno. “Il progetto è iniziato nell’estate 2014 - spiega la curatrice della mostra Giovanna Bertelli -, e dopo un anno e mezzo di lavoro siamo riusciti a creare uno spazio online dove poter visionare tutte le fotografie”. Le foto, provenienti da esposizioni allestite in passato in Italia per far conoscere la società e la cultura dell’Unione Sovietica al mondo, sono state ora stampate in formato 30x40 cm con il metodo tradizionale, in analogico e tutte in formato positivo.

Per saperne di più: L'associazione Italia Russia
mette online le foto d'epoca


“Il periodo va dagli anni Cinquanta fino all’inizio degli anni Novanta. Per ovvie ragioni politiche le ultime mostre avevano come tema un classico, il museo delll’Hermitage di San Pietroburgo, senza alcun riferimento all’attualità storica”, continua Bertelli.

Oltre quarant’anni di storia sovietica raccolti in scatti. Un fondo, quello mostrato per la prima volta al pubblico milanese, che non ha eguali nel mondo. Le foto esposte negli spazi dell’associazione Italia Russia in via Cadore, infatti, sono state viste in anteprima da alcuni membri della Tass, l’agenzia di stampa russa, che ne hanno constatato l’inestimabile valore. La curatrice ricorda così l’incontro: “Posso dire di essere stata molto orgogliosa quando ci hanno detto che neanche loro possiedono un tale numero di foto risalenti a quegli anni - spiega -. Il motivo è molto semplice: con la fine dell’Unione Sovietica alcuni loro archivi sono stati aperti, altri completamente perduti, mentre questo è stato conservato con grande cura fino a oggi”.

Il lavoro di Giovanna Bertelli, storica della fotografia, è stato mettere in sicurezza i positivi in apposite buste, poi catalogate con anno e nome del fotografo, quando è stato possibile riconoscerlo.

Gli scatti offrono un affresco della vita quotidiana nelle ex repubbliche sovietiche: campeggi, donne al lavoro, famiglie in spiaggia, anziani, studenti all’università. Immagini che dovevano servire come canale di diffusione dei progressi compiuti dall’Unione.

Quasi assente la politica: pochi i ritratti di Lenin, mentre è presente qualcosa su Brezhnev, perché il focus è prevalentemente sulla società dell’epoca. “Per questo abbiamo intitolato il progetto ‘Un Paese allo specchio’, perché qui possiamo vedere una società che mostra il suo lato migliore. Così vorremmo chiamare anche un libro da scrivere sull’archivio”, chiarisce Bertelli pensando ai prossimi passi da fare insieme a Italia-Russia.

Ora le foto sono disponibili per la consultazione sul sito italiarussiafotografia e si possono richiedere per utilizzarle come materiale stampa o per altri scopi. “Chi le volesse, scriva alla segreteria dell’associazione”, spiega la direttrice Annalisa Seoni che insieme alla curatrice si è occupata della digitalizzazione. “Un Paese allo specchio” è stato sovvenzionato da Fondazione Cariplo, con il supporto e l’aiuto della Tass “con cui speriamo di poter portare avanti altri lavori”, dicono all’unisono direttrice e curatrice. Il primo obiettivo è una vera mostra con alcune foto del fondo. “Una volta trovato uno sponsor, potremmo fare delle bellissime cose con queste foto”, afferma, con un pizzico di orgoglio, la direttrice Seoni.

Ti potrebbero interessare anche:

L’Urss negli occhi delle ragazze

Così svaniva quel sogno chiamato Urss

Quella nostalgia per l’Urss viva ancora oggi

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale