Shangi, morbidi paninetti dal sapore nordico: la ricetta

Legion Media
Soffici al centro e croccanti all’esterno, possono essere farciti con qualsiasi ripieno. Oggi vi proponiamo la versione con patate e funghi

Le nostre babushke (nonne) sapevano come sfamare le loro famiglie numerose con i pochi ingredienti a loro disposizione. Ricordo che quando ero bambina non vedevo l’ora che arrivasse il sabato mattina per andare con i miei genitori in campagna a mangiare gli shangi: dei paninetti freschi e morbidi appena sfornati. 

Lo shangi, o shanezhki, è un piatto tradizionale russo importato dalle regioni del nord. Oggi questo piatto è diffuso nel nord russo, nella regione degli Urali, ed è relativamente poco conosciuto nelle regioni occidentali e centrali del paese.

Simili ai tradizionali pirogi, gli shangi possono variare per dimensioni (da 12-15 centimetri di diametro, fino a 30 o anche di più se cotti in una stufa russa). 

In origine, lo shanga aveva la forma di un panino rotondo riccamente farcito, ed era fatto di pasta acida e sottile, mentre il ripieno era insipido. Il ripieno può variare a seconda della vostra immaginazione; il più delle volte si usano le patate. Nella ricetta di oggi propongo un’accoppiata davvero gustosa: patate e funghi. Proviamo?

Ingredienti per l'impasto:

  • Latte - 250 ml 
  • Lievito - 11 gr
  • Zucchero - 1 cucchiaio 
  • Sale - 1/2 cucchiaio
  • Panna acida - 2 cucchiai 
  • Burro (fuso) - 50 ml 
  • Farina - 450 gr

Per il ripieno:

  • Burro - 100 gr
  • Patate - 500 gr
  • Funghi - 500 gr
  • Un po' di aneto e prezzemolo (opzionale)
  • 1 cipolla 
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di spezie
  • 2 uova 

Per la copertura:

  • 1 uovo 
  • Panna acida - 1 cucchiaio

Procedimento:

Per prima cosa preparate l'impasto: scaldate un po' il latte e aggiungetevi lo zucchero. Versate il lievito e mescolate con un cucchiaio di legno.

Aggiungete la panna acida, il sale e il burro fuso; mescolate bene il tutto e aggiungete la farina gradualmente, dividendola in 3 parti: quando aggiungerete la terza e ultima parte di farina, vi accorgerete che diventa molto difficile mescolare, perciò fate attenzione perché potreste aver bisogno di rivedere leggermente le quantità di farina. Ma non preoccupatevi, l'impasto assorbirà tutta la farina di cui ha bisogno. 

Alla fine otterrete un impasto come si vede nella foto. Dategli una forma rotonda, trasferitelo in una ciotola e copritelo con uno strofinaccio pulito; lasciatelo riposare in un angolo caldo per 40 minuti. L'impasto lieviterà. 

Finché l’impasto lievita, passate al ripieno. 

Sbucciate le patate, mettetele in una casseruola e copritele d'acqua, quindi aggiungete il sale. Portate l'acqua a ebollizione e cucinatele per 20 minuti fino a quando saranno morbide all'interno. Scolate l'acqua e schiacciate le patate per ottenere un purè. Aggiungete il burro e un uovo; mescolate bene. 

Tagliate i funghi e una cipolla, soffriggete per un po' a fuoco medio e aggiungete spezie a piacere. Quando i funghi saranno pronti, mescolate con il purè di patate e, se lo desiderate, aggiungete aneto e prezzemolo. A questo punto, il ripieno è pronto. 

Ora torniamo all'impasto: dividetelo in parti uguali (otterrete circa 15 pezzi); spolverate la superficie del piano di lavoro con un po' di farina. Prendete un primo pezzo di pasta e formate una palla di 12-15 centimetri di diametro. Schiacciatela leggermente e sulla parte superiore sistemate una quantità considerevole di ripieno, come mostrato nella foto. Potete formare dei dischi o dare una forma più originale ai vostri biscottini. 

Ripetete la stessa procedura con i pezzi di pasta rimanenti. Quindi trasferiteli su una teglia foderata con carta da forno. 

Spennellatevi sopra un po’ di copertura ricavata mescolando un uovo e la panna acida.

Cuocere gli shanezhki in forno preriscaldato a 180°C per 15-20 minuti.

Togliete gli shanezhki dal forno e lasciateli raffreddare su un piatto sotto uno strofinaccio. Finché aspettate che si raffreddino, preparate del tè caldo e servitelo insieme ai vostri biscottini salati. Buon appetito!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie