Avreste mai pensato di cucinare degli squisiti biscotti con la salamoia dei cetrioli?

Daria Sokolova
Sì, proprio l’acqua salata del barattolo (va bene anche quella delle olive), di solito usata in Russia come rimedio per il dopo sbronza. Provate questa ricetta e rimarrete piacevolmente stupiti

 Cosa c’è di più semplice del comune impasto per i biscotti, la pasta frolla? Eppure, molte persone che lo preparano per la prima volta affrontano difficoltà inaspettate. L’impasto può risultare troppo appiccicoso, o liquido, oppure non voler lievitare. Alla ricerca dell’impasto perfetto, la gente ha inventato migliaia di ricette. Alla farina di solito vengono aggiunti lievito, uova, burro, prodotti caseari e tutti questi ingredienti rendono il risultato estremamente gustoso. In Russia, tuttavia, i cuochi conoscono ingredienti più insoliti.

Prendete, per esempio, i biscotti dolci con la maionese. Le famiglie russe preparano questo dolce fin dai tempi sovietici! La maionese (meglio usare quella fatta in casa) rende l’impasto leggero e arioso, e i biscotti sono croccanti e si mantengono freschi a lungo.

E cosa ne dite di usare invece la salamoia? Sì, l’acqua del barattolo dei cetrioli, per intenderci. In realtà, questo liquido in Russia viene tradizionalmente utilizzato per alleviare i postumi della sbornia. Ecco perché è difficile credere che questa acqua salata sia un ingrediente molto utile per i biscotti. È facile immaginare di poter aggiungere questo ingrediente quando si cucina qualcosa di piccante e salato. E in effetti, se desiderate cucinare dei cracker, potete utilizzare la salamoia al posto dell’acqua. Il sale, le spezie e l’aceto daranno loro un gusto molto interessante. Ma, cercando un modo di riutilizzare la salamoia (come ricorderete, i russi non amano buttare via le cose), noi vogliamo farci dei biscotti dolci, che vi permetteranno di avere uno spuntino gustoso e di razionalizzare l’uso del cibo, senza sprecare niente.

La ricetta di questi biscotti fatti con un impasto alla salamoia proviene direttamente dall’Unione Sovietica. Ed è molto insolita. Prima di tutto, perché i biscotti sono davvero dolci, e non sentirete per niente il sale e l’aceto! In secondo luogo, perché sono completamente vegani: l’impasto consiste solo di farina (si può usare quella integrale), olio d’oliva, zucchero (quello di canna è meglio) e salamoia di cetrioli, pomodori o addirittura olive. Questi biscotti vanno bene anche per le regole di digiuno della quaresima ortodossa, il “velikij post”. Terzo: bastano solo 15 minuti per cucinarli. Quindi iniziamo!

Ingredienti:

10 cucchiai di salamoia

10 cucchiai di olio d’oliva o di semi

7 cucchiai di zucchero

2 tazze di farina

Vaniglia a piacere

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Preparazione:

Mescolate tutti gli ingredienti; aggiungete mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio e altro olio, se necessario.

L’impasto deve essere denso e non attaccarsi alle mani.

Quindi prendete un matterello e stendete l’impasto. Non deve essere troppo sottile; circa mezzo centimetro di spessore.

Potete creare qualsiasi forma di biscotto, ad esempio tagliare piccoli rombi con un coltello o cerchi con un bicchiere.

Scaldate il forno a 180 gradi centigradi. Mettete i biscotti su una teglia, usando della carta da forno, e cuocete per 15 minuti.

Spolverate con dello zucchero a velo, se volete.

Prijatnogo appetita!

 

Sapete quali sono i cibi di cui sentono di piùla nostalgia i russi che vivono allestero? Eccoli.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie