Perché a San Pietroburgo ci sono così tanti leoni?

At the Lion Bridge.

At the Lion Bridge.

Peter Kovalev/TASS
Sono i custodi silenziosi di ponti ed edifici. E non sono stati portati qui per caso. Ecco la loro storia

A quanto pare, chi ha costruito le città russe aveva una particolare predilezione per i leoni. Ma in nessun altro luogo della Russia come a San Pietroburgo si conta un numero così elevato di statue dedicate a questi maestosi felini. Fra le tante, non passa inosservata quella del leone che “osserva” il tramonto dal lungofiume, tenendo una sfera sotto la sua zampa. 

Il leone all'ingresso del Museo Russo

Alcuni leoni “guardano” ammiccando i passanti, mentre altri scrutano le barche che scivolano sul fiume all’orizzonte. Sorprendentemente non si conosce il numero esatto di queste statue in città: secondo gli esperti sono più di mille. E ogni leone ha una storia affascinante!

La parte del leone

Un leone affacciato sul fiume Neva

La figura del leone simboleggia il potere e la prodezza militare, ed è molto presente nella scultura europea e negli stemmi del passato. Questi animali si possono trovare a Roma, Madrid, Parigi e in molte altre città… Appartengono ad antiche tradizioni e richiamano leggende greche e romane, dove vengono descritti come guardiani degli dei.

Quando l’imperatore russo Paolo I fondò San Pietroburgo, nel 1703, concepì questa città non solo come un porto settentrionale affacciato sul Mar Baltico, ma anche come una potente capitale europea: la capitale dell’Impero. E in effetti San Pietroburgo si distingue dalle altre città russe per i suoi lussuosi palazzi in stile occidentale, per i ponti levatoi, le ampie strade… Fin dai primi giorni della nascita di questa città, l’architettura locale fu caratterizzata dalla presenza di vari leoni. Anche sul busto dello stesso Pietro I, installato davanti alla sua dimora, si può osservare il muso di un leone su una sua spalla.

Su una spalla si intravede il muso di un leone

Nel 1973, i leoni hanno fatto da sfondo nella divertente commedia di Eldar Rjazanov “Una matta, matta, matta corsa in Russia”. Nel film, alcuni italiani volano a Leningrado alla ricerca di un immenso tesoro nascosto sotto un leone…

Una scena tratta dal film di Rjazanov

Cercando di confondersi tra i turisti, il gruppo setaccia la città da cima a fondo alla ricerca di quel tesoro; e uno dei protagonisti afferma addirittura che a Leningrado ci sono più leoni che abitanti! 

I leoni più famosi di San Pietroburgo

Il leone dell'Ammiragliato

I leoni con la sfera sotto la zampa, davanti all'Ammiragliato, sono forse uno dei simboli più riconoscibili della città. Queste sculture in rame si trovano qui dal 1832, anno di fondazione dell’Ammiragliato. Esistono varie teorie che cercano di spiegare il perché di quelle sfere sotto le zampe: secondo un’ipotesi, la palla servirebbe al leone per evitare di addormentarsi: nel momento dell’arrivo del sonno, la sfera scivolerebbe via, tenendo sveglio l’animale. Insomma, un modo per dire che i leoni sono sempre di guardia con gli occhi ben aperti! 

I leoni sul lungofiume dell'Ammiragliato

Sul canale Griboedov c’è un ponte, costruito negli anni ‘20 dell’Ottocento, chiamato “Ponte dei leoni”. Le catene del ponte sono sorrette dalle fauci di quattro leoni bianchi.

Il Ponte dei Leoni

Sull'argine Sverdlovskaja, vicino alla tenuta Bezborodko, risalente alla metà del XVIII secolo, si possono ammirare ben 29 leoni che tengono in bocca una lunga catena lungo il perimetro della tenuta. La casa stessa è molto fatiscente, ma le sculture sono perfettamente conservate.

I 29 leoni vicino alla residenza estiva di Kushelev-Bezborodko

I leoni non si trovano solo a San Pietroburgo, ma anche nelle città limitrofe: a Peterhof, Pavlovsk, Kronstadt…

LEGGI ANCHE: Le sfingi sotto le notti bianche di Pietroburgo 

Leoni mitici

I leoni sul lungofiume Petrovskaja

Sul lungofiume Petrovskaja si possono trovare dei leoni Shishi [o Shi Tza, o Shi Cza] abbastanza straordinari: sono le guardie della mitologia cinese, solitamente poste davanti agli ingressi dei templi. Nella tradizione cinese, i leoni portano fortuna e proteggono dalle forze del male. Queste figure di granito furono realizzate in Manciuria all'inizio del XX secolo per uno dei templi locali, e poi regalate ai vicini russi. Dal 1907, abbelliscono San Pietroburgo.

Un leone di pietra al Datsan Gunzechoinei

Ci sono dei leoni cinesi anche nel Giardino dell'Amicizia su Litejnyj Prospekt, e anche loro hanno una palla sotto le zampe.

Un leone nel Giardino dell'Amicizia

Invece alcuni grifoni - leoni con le ali - sorvegliano il Ponte della Banca nel centro di San Pietroburgo.

I grifoni con le ali dorate sul Ponte della Banca

Secondo delle antiche leggende greche, questi erano i grifoni che custodivano l'oro nel paese degli Iperborei. Erano chiamati anche i “cani di Zeus” e facevano la guardia alle riserve di denaro dell'Impero russo. 

L'antica sfinge sull'argine della Neva

I leoni più antichi “fanno la guardia” all'Accademia delle Arti: si tratta di sfingi, leoni con la testa di un umano, portate negli anni ‘30 dell’Ottocento da Alessandria d'Egitto da un membro dell'Accademia delle Scienze sull'onda dell'interesse per l'antico Egitto. Queste sfingi sono state create più di 3.500 anni fa.

LEGGI ANCHE: Tra fantasmi e leggende, ecco i 5 luoghi più spettrali di San Pietroburgo 

Cari lettori, 

a causa delle attuali circostanze, c’è il rischio che il nostro sito internet e i nostri account sui social network vengano limitati o bloccati. Perciò, se volete continuare a seguirci, vi invitiamo a: 

  • Iscrivervi al nostro canale Telegram
  • Iscrivervi alla nostra newsletter settimanale inserendo la vostra mail qui
  • Andare sul nostro sito internet e attivare le notifiche push quando il sistema lo richiede
  • Attivare un servizio VPN sul computer e/o telefonino per aver accesso al nostro sito se risultasse bloccato nel vostro Paese

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie