Sette fatti sull’Estremo Nord russo che vi stupiranno

Getty Images
Non si tratta solo di una definizione geografica, ma anche amministrativo-burocratica, e chi lavora lì ha una serie di interessanti incentivi e benefit

1 / L’Estremo Nord ricopre i 2/3 del territorio della Russia

Il concetto di “Estremo Nord” (in russo: Kràjnij Séver; Крайний Север) è apparso nell’Unione Sovietica degli anni Trenta per denotare aree remote con condizioni di vita proibitive. La maggior parte di loro si trova sul permafrost, con terreni aridi e inverni rigidi. Ma il criterio principale è l’inaccessibilità; la mancanza di comunicazione durante tutto l’anno con altre aree. Perché, come dice spesso scherzando la gente di questi posti, “qui non ci sono strade, ma solo direzioni” (“Здесь нет дорог - одни направления”; “Zdes net doróg – odnì napravlénija”).

LEGGI ANCHE: Come fanno in Russia a costruire le case sul permafrost? 

Geograficamente, tali aree sono sono la zona artica e la parte settentrionale dell’Estremo Oriente. Tuttavia, a livello legislativo, molti più territori sono attribuiti all’Estremo Nord, includendo buona parte della Siberia e persino alcune regioni delle repubbliche siberiane di Tuva e degli Altaj, che sono decisamente a Sud.

Inoltre, ci sono aree che sono equiparate ai territori dell’Estremo Nord, che danno diritti ad incentivi (anche se in certi casi in misura ridotta). Considerando anche questa fascia “assimilata”, l’Estremo Nord occupa circa il 70% dell’intero Paese!

2 / Pochissime persone vivono nell’Estremo Nord

Nonostante un territorio così vasto, meno di 12 milioni di russi vivono nell’Estremo Nord, cioè solo il 7% della popolazione del Paese. È interessante notare che tra gli abitanti dell’Estremo Nord ci sono molte popolazioni indigene, che spesso conducono lo stesso stile di vita tradizionale di centinaia di anni fa. 

LEGGI ANCHE: Come vivono e come vivevano cento anni fa i piccoli popoli indigeni della Russia? 

Le città dell’Estremo Nord, popolatesi nel corso del Novecento, si stanno invece oggi lentamente ma inesorabilmente svuotando: negli anni sovietici la gente veniva qui perché gli stipendi degli specialisti erano 5-6 volte più alti che nella Russia centrale. Molte città e “insediamenti di tipo urbano” furono costruiti accanto a giacimenti minerari che, dopo il crollo dell’Urss, sono chiusi.

I residenti di queste località si trasferiscono in regioni più calde e vendono i loro appartamenti. Quindi, a Vorkutà, un bilocale ristrutturato costerà circa 200 mila rubli (2.170 euro), come un metro quadrato di abitazione alla periferia di Mosca. Nei villaggi vicino a Vorkutà, i prezzi partono da 30 mila rubli, per appartamenti ammobiliati (325 euro). Certo, ci sono delle eccezioni: ad esempio, la popolazione di Salekhard, nello Jamal, aumenta di anno in anno e molti residenti non la cambierebbero con nessun altro posto.

LEGGI ANCHE: Benvenuti a Salekhard: come si vive nell’unica città al mondo che sorge a cavallo del Circolo polare artico? 

3 / Lo Stato si occupa dei rifornimenti

Determinare quali siano i territori dell’Estremo Nord è necessario per risolvere i problemi con l’approvvigionamento dei generi di prima necessità. Ogni anno prima della stagione invernale, lo Stato organizza il “Sévernyj zavóz”; il “Rifornimento del Nord”: vengono trasportati in queste aree, in grande quantità, carburante, medicinali, generi alimentari e altri beni, il più delle volte via aria o via acqua.

Certo, ci sono negozi nelle città e nei villaggi di queste zone, ma per i privati la consegna può essere molto costosa, il che influisce anche sul prezzo per la clientela.

4 / La vita è cara nell’Estremo Nord

Qui è difficile coltivare, anche sotto serra, a causa delle peculiarità del terreno, le condizioni meteorologiche non sempre consentono di portare beni da altre regioni, e si scopre che l’unica cosa economica in queste zone sono gli appartamenti. Il formaggio costa il doppio rispetto alla Russia centrale, le uova tre volte, frutta e verdura 4-5 volte. Per contro, nell’Estremo Nord, diversi tipi di selvaggina e pesce vengono venduti a un prezzo relativamente basso, cosa che raramente avviene “na bolshój zemlé” (o “na materiké”); cioè “sulla terraferma” (o “sul continente”), come la gente del posto chiama le zone più abitate della Russia, quasi si sentisse su un’isola.

5 / Colori brillanti contro la depressione

In molte città situate nell’Estremo Nord, è tradizione dipingere i casamenti con colori vivaci. Dove manca il sole e la vegetazione, gli edifici arancioni, gialli e rosa aiutano a rallegrare un po’. Come puoi essere triste in un tale tripudio di colori? Basta guardare questi magnifici graffiti a Salekhard!

6 / Nell’Estremo Nord, vacanze lunghe e pensionamento anticipato

In epoca sovietica, i benefici e gli incentivi per le persone che lavoravano nell’Estremo Nord furono stabiliti nel 1932 e rivisti più volte. Oggi, le persone che lavorano qui ricevono 24 giorni di ferie in più, oltre ai 28 giorni standard all’anno, mentre nelle aree equiparate all’Estremo Nord, 16 giorni in più. Una volta ogni due anni, l’azienda paga anche il costo di una vacanza, e il tempo di percorrenza fino al luogo scelto per il riposo non viene conteggiato.

Se una persona ha lavorato per più di 15 anni nell’Estremo Nord, ha il diritto di andare in pensione 5 anni prima di un normale russo (a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini). Nei territori equiparati all’Estremo Nord, è necessario avere 20 anni di lavoro per maturare un tale diritto.

7 / I residenti dell’Estremo Nord sono abituati a condizioni difficili

Le persone che hanno trascorso l’intera vita alle latitudini meridionali probabilmente troveranno molto difficile abituarsi agli inverni freddi e ventosi e alla mancanza di sole. Ma per chi è nato qui, tali condizioni non causeranno molto stress, e ancor meno per le popolazioni indigene. Diversi anni fa, gli scienziati della Jakuzia hanno scoperto che il corpo delle popolazioni indigene del Nord si adatta molto più rapidamente alla notte polare e al crollo delle temperature.


LEGGI ANCHE: In quali città dura più a lungo la notte polare in Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie