Coronavirus, primi due casi accertati in Russia: ecco come il paese si difende dal virus

Sergej Savostyanov/TASS
Si tratta di due cittadini cinesi. I casi sarebbero stati registrati nel territorio della Transbajkalia e nella regione di Tyumen. Tutte le misure adottate da Mosca per fermare i contagi

Sono apparsi anche in Russia i primi casi di coronavirus. La notizia, ripresa dall’agenzia Interfax, è stata annunciata oggi, 31 gennaio, dal vice premier russo Tatiana Golikova. Il contagio si è registrato nel territorio della Transbajkalia (nella Siberia meridionale) e nella regione di Tyumen. A contrarre il virus, due cittadini cinesi. 

I pazienti sono stati subito sottoposti a isolamento, e il corso dell’infezione sembra procedere lentamente. Secondo il giornale Vedomosti, che cita le dichiarazioni di Anna Popova, capo di Rospotrebnadzor (il servizio federale per la supervisione della protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano) al momento non vi è il rischio di un’ulteriore diffusione del virus. 

Ciononostante, il governo sta adottando tutte le misure necessarie per fermare i possibili contagi. Ecco quali provvedimenti sono stati introdotti. 

1/ Sono state introdotte limitazioni sull’attraversamento dei confini tra la Russia e la Mongolia. 

2/ Tutti i cittadini russi potranno essere volontariamente evacuati dalla città cinese di Wuhan e dalla provincia di Hubei. Nel caso in cui vogliano lasciare la Cina e rientrare in Russia, dovranno trascorrere due settimane in quarantena. 

3/ Tutti i cittadini russi che al momento si trovano sull’isola di Hainan saranno evacuati entro il 4 febbraio. Se qualcuno accusa sintomi di contagio, sarà messo subito in quarantena. 

4/ Le Ferrovie Russe (RZhD) limiteranno i collegamenti con la Cina fino al 1° marzo. Inoltre le regioni russe confinanti con la Cina (oblast’ dell’Amur, kraj di Khabarovsk e l’oblast' autonoma ebraica) hanno chiuso i punti di passaggio sul confine fino al 7 febbraio. 

5/ Dal 1° febbraio saranno introdotte delle restrizioni sui collegamenti aerei tra la Russia e la Cina. Faranno eccezione i voli dell’Aeroflot verso Hong Kong, Pechino e Canton. L’aeroporto Sheremetyevo di Mosca continuerà ad accogliere gli aerei delle regolari compagnie aeree cinesi. Tutti i voli provenienti dalla Cina saranno dirottati al terminal F, scrive Interfax citando l’ufficio stampa dell’aeroporto. 

6/ Il governo russo ha inoltre sospeso il rilascio di visti di lavoro ai cittadini cinesi. Così come fa sapere Interfax, il progetto di risoluzione è ancora in fase di sviluppo. 

7/ Il servizio federale antimonopolio e Roszdravnadzor (il servizio federale per il controllo della salute) hanno interrotto l’aumento dei prezzi dei medicinali e delle mascherine. 

8/ Al momento di attraversare la frontiera laddove sono state imposte delle limitazioni, i cittadini di Cina e Bielorussia in possesso di permesso di soggiorno valido per la Russia dovranno sottoporsi a un periodo di quarantena. 

Per saperne di più:

Coronavirus, specialisti russi al lavoro per trovare un vaccino

Coronavirus, fra timori e fake news: così la Russia vive la paura del contagio 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie