Incendi in Siberia: anche gli sciamani scendono in campo invocando le forze della natura

Reuters
Annunciata maxi riunione sul lago Bajkal per pregare gli spiriti della pioggia con antichi rituali. Ma nell’epoca di internet ci si affida anche ai social network: si potrà dare il proprio contributo su Instagram

Nei prossimi giorni gli sciamani della Siberia si riuniranno sulla principale isola del lago Bajkal per invocare gli spiriti della natura e chiedere di fermare i devastanti incendi che stanno distruggendo la regione. La notizia è stata riportata dall’agenzia Tass, che cita Bair Tsyrendorzhiev, presidente del consiglio interregionale dell’organizzazione degli sciamani “Tengeri”.

“Il 4 agosto sull’isola di Olkhon si riuniranno quasi 40 sciamani provenienti dalla Buriazia, dal Transbajkal e dalla regione di Irkutsk. Condurranno dei rituali per invocare la pioggia e fermare in questo modo gli incendi che stanno devastando la taiga”, ha detto Tsyrendorzhiev.

Anche le autorità buddiste della Buriazia (il buddismo è molto diffuso in Siberia e non di rado mescola pratiche sciamaniche) hanno annunciato di volersi rivolgere alle forze della natura. A tal fine hanno chiesto ai propri seguaci su Instagram di inviare loro le coordinate precise degli incendi per indirizzare con maggior precisione i propri incantesimi.

In questo articolo vi abbiamo raccontato l'esperienza di incontrare oggi uno sciamano del Bajkal

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie