26 foto dell’Urss degli anni Ottanta che faranno venire la nostalgia a molti russi

Tra tradizione e grandi trasformazioni, il Paese dei Soviet era in fase terminale, ma ancora milioni di persone non lo sapevano

Maria Kalinina, ragazzina di seconda superiore, divenne la regina del primo concorso di bellezza sovietico nel 1988.

La rivista di moda “Burda” ha fatto sognare molte donne sovietiche a partire dal febbraio 1987.

Il Primo Maggio era ancora una grandissima festa negli anni Ottanta.

I campi estivi dei Pionieri (gli scout socialisti di età tra i 9 e i 14 anni) erano in piena attività nel 1987.

I grandi marchi occidentali iniziarono a sondare il mercato sovietico suscitando la curiosità della gente.

Le auto di produzione sovietica Vaz godevano di uno status indiscutibile con il loro stile chic.

Le compagnie aeree sovietiche offrivano un servizio di alto livello, che potrebbe mettere in imbarazzo molte delle attuali compagnie aeree.

La leggendaria mascotte olimpica diventò un simbolo degli anni Ottanta.

Ronald Reagan non aveva più motivo di chiamare l’Urss “l’Impero del male” dopo aver ricevuto un caloroso benvenuto a Mosca nel 1988.

Reagan strinse persino la mano ad alcuni bimbi sulla Piazza Rossa.

Le innovazioni tecnologiche affascinavano la società sovietica.

In quei tempi i tappeti orientali avevano un grande mercato.

All’epoca, la parola “lusso” aveva un significato completamente diverso. Era sufficiente avere nuovi mobili, una TV e un tappeto per eccellere dalla massa.

I clienti sovietici non conoscevano il vero significato del concetto di “varietà dell’offerta”.

A volte non c’era proprio scelta.

La break dance ebbe un’ondata negli anni Ottanta.

Gli show culturali erano popolari in TV. Il telequiz “Che cosa? Dove? Quando?” fu un grande successo.

Lo spirito di avventura era forte. Qui, la gente riposa sulla neve dopo una bella sciata nella Repubblica di Karachaj-Circassia.

I costumi sociali si rilassarono abbastanza da iniziare a tollerare certe dimostrazioni di affetto in pubblico.

Una tipica cucina sovietica degli anni Ottanta.

Il culto del corpo iniziò rapidamente a emergere nella Russia sovietica.

Questo era il periodo in cui la cultura della discoteca ebbe il suo boom nell’Urss.

Ma il rock fu il genere che segnò gli anni Ottanta.

Le persone dovevano mettersi in fila per comprare qualsiasi qualcosa. Qui, dei clienti di una pasticceria aspettano dolci e torte.

Il centro commerciale “Detskij Mir” (“Mondo dei bambini”) era molto diverso negli anni Ottanta da quello che è oggi.

“Viva il Partito Comunista dell’Unione Sovietica!”. Negli anni Ottanta l’ideologia era ancora ben visibile. Guardate l’edificio del Teatro Bolshoj. Ma non sarebbe durato per molto.

Questi dieci oggetti vi catapulteranno nell’Urss degli anni Ottanta 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie