Questi dieci oggetti vi catapulteranno nell’Urss degli anni Ottanta

Valerij Khristoforov/TASS
Capelli cotonati, videogame e lettori VHS: i simboli che hanno fatto epoca

1 Capelli cotonati, fascetta in testa e... punk rock!

Le ragazze all’epoca dell’Urss amavano sperimentare su sé stesse i look selvaggi sfoggiati dalle icone pop dell’epoca. Capelli cotonati e sbarazzini erano un segno distintivo dell’Unione Sovietica degli anni Ottanta, un segno di connessione con il resto del mondo e con le tendenze globali. 

2 “Nu, pogodi”, videogame 

Quattro polli depongono le uova... che iniziano a rotolare su un pendio scosceso. Il giocatore deve aiutare un lupo, personaggio del popolare cartone animato sovietico “Nu, pogodi”, a raccogliere le uova utilizzando solo quattro pulsanti.

Questo videogame è diventato incredibilmente popolare nel 1984, anno di lancio.

3 Orologio digitale

Negli anni Ottanta gli orologi digitali conquistarono letteralmente l’Urss. I produttori più popolari erano Casio e Seiko ma nel paese si acquistavano molti altri modelli. I più gettonati erano quelli con calcolatrice e altoparlante incorporati. 

4 Metallofono 

Chi è cresciuto nell’Urss degli anni Ottanta di sicuro ha provato a suonare almeno una volta il metallofono, uno strumento musicale formato da barrette di metallo che vengono colpite per produrre un suono.

5 La mascotte Misha 

La mascotte dei Giochi Olimpici di Mosca è diventata una vera e propria icona: è apparsa in canzoni, cartoni animati e francobolli postali. Le persone cresciute negli anni Ottanta erano circondate da questo simpatico orsetto. 

6 Giornale “Pionerskaya Pravda”  

Questa rivista per bambini sovietici è nata nel 1925 ma ha ottenuto il culmine della sua popolarità negli anni Ottanta. Due volte alla settimana venivano stampate quasi 10 milioni di copie e distribuite in tutte le città sovietiche. 

La rivista pubblicava storie di amicizia, sport, iniziative giovanili e amore per la patria. Con il crollo dell’Urss, i lettori svanirono rapidamente. Nel 2012 il giornale ha stampato solo 15 mila copie.

7 Chewing gum sovietiche 

Le gomme da masticare d’importazione, simbolo del capitalismo, erano un prodotto estremamente scarso e ma altrettanto desiderato in Urss. Le autorità sovietiche permisero quindi una produzione limitata di gomme da masticare all’interno del paese poco prima delle Olimpiadi del 1980. Le chewing gum sovietiche erano disponibili in vari gusti: fragola, lampone, menta e caffè. 

8 Ricevitori radio VEF-202 

Questo famoso ricevitore radio è stato realizzato nella Lettonia sovietica nel 1977. Si diffuse rapidamente in tutta l’Urss e negli anni Ottanta fu uno dei gadget più popolari.

9 Lettore VHS Electronika VM-12 

La diffusione delle videocassette rivelò il cinema americano al pubblico sovietico. E l’Urss vantava la produzione di un proprio lettore VHS, chiamato Electronika VM-12, basato sul modello giapponese Panasonic NV-2000.

10 Motociclette Jawa 

Queste iconiche motociclette erano prodotte in Cecoslovacchia ed esportate in Unione Sovietica in enormi quantità. L’Urss era il principale esportatore di motociclette, che rappresentavano il sogno di ogni adolescente sovietico degli anni Ottanta.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie